UniCa UniCa News Notizie Museo sardo di antropologia ed etnografia

Museo sardo di antropologia ed etnografia

Il Museo &è; in grado di offrire al visitatore un prezioso sunto dell’evoluzione umana e della cultura in Sardegna
28 novembre 2006
Tra le strutture dell’Università di Cagliari che fanno capo al “Centro interdipartimentale dei musei e dell’archivio storico” (CIMAS - via Is Mirrionis 1, tel. 070.675.7040) che recepisce tutte le attività museali dell’ateneo, spicca il Museo sardo di antropologia ed etnografia, fondato nel 1953, e ospitato a Monserrato presso il Dipartimento di biologia sperimentale.
 
Il Museo sardo di antropologia ed etnografia, quale sintesi tra componenti biologiche e culturali, ha il duplice scopo di raccogliere materiale antropologico che illustri le caratteristiche fisiche dei Sardi dalla protostoria ad oggi e di conservare elementi sempre più rari del patrimonio culturale.
Il Museo è in grado di offrire al visitatore un prezioso sunto dell’evoluzione umana, vi si possono scoprire le caratteristiche scheletriche più tipiche degli abitanti della Sardegna, nozioni di anatomia umana come le differenze di sesso o età rilevabili dall’esame dei crani e le caratteristiche della cultura del nostro passato.
In tal modo il Museo svolge la sua fondamentale funzione didattico-educativa, ponendosi come tramite tra la collettività ed il mondo scientifico ed offrendo possibilità di studio e ricerca a cultori sia dell’antropologia fisica che di quella culturale.
  
Nell’ambito del materiale collezionato nel Museo spiccano per importanza le seguenti raccolte:
  • reperti scheletrici umani datati a partire dal neolitico attraverso l’eneolitico, il nuragico, il romano, il longobardo, il medievale sino al periodo moderno; la raccolta è continuamente incrementata grazie alla collaborazione che la Sezione di Scienze antropologiche fornisce durante scavi archeologici;
  • reperti scheletrici patologici: un cranio trapanato in vita dell’epoca prenuragica ed alcuni crani mostranti la mutilazione del forame occipitale;
  • costumi sardi che rappresentano la parte più interessante e più difficile da reperire nell’ambito dell’etnografia;
  • oggetti: mortai, cestelli, recipienti in sughero, forme per formaggio ecc., una serie di suppellettili fittili e non, dell’epoca protostorica: terrecotte, punte di ossidiana, zappe e mazze nuragiche;
  • una collezione di ex-voto recentemente restaurata;
  • due mummie;
  • calchi di ominidi fossili illustranti l’evoluzione dell’Homo sapiens;
  • raccolta di diapositive e film che documentano i viaggi e gli studi del prof. Carlo Maxia, il fondatore del Museo.
     
Il Museo sardo di antropologia ed etnografia nacque per l’interessamento del Prof. Carlo Maxia. Dopo aver condiviso per 45 anni i locali con la Sezione di Scienze antropologiche, è stato trasferito presso la Cittadella universitaria di Monserrato. La nuova sede, ubicata nel primo ponte del complesso monserratino, ha una superficie di circa 300 mq suddivisi in diversi ambienti.
Superata una piccola zona di accoglienza con banco e registro visitatori si accede alla sala A nella quale sono custoditi arredi realizzati in legno di castagno e intagliati a mano dove sono riprodotte scene di vita popolare della Sardegna.
Di seguito si accede alla sala B dove sono conservati i reperti scheletrici umani di varie epoche con particolari caratteristiche morfologiche e patologiche. È inoltre esposta una serie di calchi di crani di ominidi che descrivono le varie tappe dell’evoluzione dell’uomo.
La gran sala C è stata invece destinata all’esposizione dei costumi tradizionali sardi insieme ad un selezionato campionario di oggetti di valore etnografico costantemente incrementato da donazioni private. Nella piccola sala D sono state sistemate le due mummie, il feto e la cera anatomica dei gemelli siamesi, che costituiscono la parte non scheletrica della collezione antropologica del Museo.
All’interno del Museo è previsto un ambiente per la didattica, la sala E, che viene utilizzata attualmente come laboratorio attivo di antropologia sul vivente.
All’interno del Museo è possibile consultare le pubblicazioni, il materiale fotografico e reperti di varia natura e le testimonianze degli studi che il Prof. Maxia ha condotto sulla civiltà nuragica e sull’astroarcheologia. In una teca del corridoio è esposta la collezione di ex-voto.

Per informazioni e visite è possibile telefonare ai numeri 070.675.4291 e 070.675.4130.
 
 
 

Ultime notizie

30 settembre 2022

Sharper 2022, la ricerca tra futuro del cibo e del clima, lauree in carcere, bullismo, fakenews, crisi idrica, farmaci anti cancro, scarti e materiali innovativi

Oggi l’Orto botanico ospita la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. Stili di vita, robotica, astronomia, fascino della fisica e della matematica. Oltre cinquanta tra eventi, talk, esperimenti divulgativi e giochi per i bimbi curati da specialisti e partner dell’ateneo. Prevista anche una caccia al tesoro scientifica. Ieri a Massama il rettore Francesco Mola ha presenziato alla discussione della tesi in Scienze economiche di un detenuto

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie