UniCa UniCa News Notizie Università USA: ricerca dell’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Università USA: ricerca dell’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Secondo l’Aduc otto università private americane battono le nostre università pubbliche in quanto a spesa per ogni studente: oltre 157mila euro contro 8mila
20 novembre 2006
R A S S E G N A    W E B
Secondo l’Aduc otto università private americane battono le nostre università pubbliche in quanto a spesa per ogni studente: mediamente oltre 157mila euro investiti negli Usa contro gli 8mila in Italia
  
 
Arezzoweb.it
 
Firenze. Secondo una ricerca dell’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori), otto piccole università private degli Stati Uniti spendono più di tutti gli atenei pubblici italiani. Sempre secondo questa indagine, la spesa per ogni studente nelle otto università americane è di oltre 157 mila euro, a fronte degli 8 mila euro spesi per gli studenti italiani. Il risultato e’ che queste otto piccole università’ private hanno più’ volumi nelle loro biblioteche di tutte le biblioteche universitarie pubbliche italiane. Mentre le nostre università pubbliche sono state premiate con 6 premi Nobel, le otto piccole università statunitensi ne hanno ricevuti ben 105.
 
Sono dati terrificanti, come ha giustamente commentato il rettore dell’università di Roma 3, Guido Fabiani.
Nonostante gli sforzi di alcuni straordinari ricercatori e docenti, il nostro sistema universitario pubblico è da quarto mondo. Come possiamo mai pensare di stare al passo con Paesi come gli Usa, se l’intero sistema universitario pubblico dell’Italia è lontano anni luce dal competere anche con otto piccole università straniere? L’unica via percorribile, oltre ad investire maggiori risorse pubbliche, e’ aprire ed incentivare gli investimenti privati. In Italia mancano i grandi centri di eccellenza. La gestione dei fondi e’ talvolta fatta in palese conflitto di interesse (qui una interrogazione sui fondi per le staminali: http://www.donatellaporetti.it/intg.php?id=190). I nostri migliori studenti sono costretti ad andare all’estero non solo per trovare lavoro, ma anche per fare ricerca su materie che storicamente dovrebbero essere il nostro cavallo di battaglia. Chi vuole fare ricerca sul rinascimento italiano o sull’opera italiana, oggi deve andare in università straniere, dove poi spessissimo rimane. Sono gli stessi professori universitari a consigliare ai loro migliori studenti di andarsene via dall’Italia.
Se i dati dell’Aduc non sono sufficienti a provocare un dibattito sull’opportunità di trovare altre strade -oltre a chiedere l’elemosina ogni anno in Finanziaria- per ricostruire il nostro sistema universitario, non so cosa altro possa farlo. Invito pertanto tutti i parlamentari a riflettere sul degrado delle nostre università pubbliche, e sulle conseguenze che per generazioni dovremo scontare a causa della quasi totale assenza di formazione di alto livello. Rivolgo un invito anche agli operatori del mondo universitario e della ricerca affinché si facciano promotori di idee e strategie. La mia porta sarà sempre aperta.
 
 


fonte:
http://www.arezzoweb.it/notizie/speciale.asp?anno=2006&idnotizia=2516
 
indagine Aduc: 
 

Ultime notizie

06 febbraio 2023

BullyBuster, il tour dell’acchiappa-bulli nelle scuole d'Italia

Dopo il via in un istituto di Avellino, ora è il turno del Liceo Motzo di Quartu Sant'Elena per la presentazione e prova pratica del sistema multidisciplinare messo a punto dai ricercatori delle università di Napoli, Cagliari, Foggia e Bari. Per UniCa il referente scientifico è il professor Gian Luca Marcialis: “La piattaforma e l’app per smartphone e pc sono ora a disposizione di ragazzi, famiglie, scuole e forze dell'ordine. Andando nelle scuole riusciamo a far ‘toccare con mano’ il semplice modo con cui le soluzioni avanzate, permesse dagli algoritmi dell’intelligenza artificiale e unite al diritto e alla psicologia, riescono ad essere estremamente utili per il rilevamento e il contrasto delle azioni di bullismo o cyberbullismo”

05 febbraio 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11. Adesioni entro venerdì

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

03 febbraio 2023

Cure palliative e terapia del dolore: concluso il primo Master di UniCa

Il traguardo raggiunto ieri nell’aula magna di Palazzo Belgrano, con la discussione di una parte delle tesi del master di primo livello diretto dal professor Gabriele Finco. Presenti per l’occasione il rettore Francesco Mola, l’assessore regionale alla sanità Carlo Doria, l’assessora comunale alle politiche sociali, benessere e famiglia Viviana Lantini, il presidente della società italiana cure palliative Gino Gobber e, per l’Aou, la direttrice generale Chiara Seazzu e il direttore sanitario Giancarlo Angioni

03 febbraio 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie