UniCa UniCa News Notizie Collezioni zoologiche

Collezioni zoologiche

Tra i musei del nostro Ateneo spiccano le collezioni zoologiche del Dipartimento di biologia animale ed ecologia. La visita all’esposizione - caratterizzata da migliaia di esemplari di grande interesse scientifico, didattico e storico - offre spunti d’interesse non solo per studiosi e studenti, ma anche per curiosi e appassionati della natura
12 novembre 2006
Tra i musei del nostro Ateneo spiccano le collezioni zoologiche del Dipartimento di biologia animale ed ecologia. La visita all’esposizione - caratterizzata da varie migliaia di esemplari di grande interesse scientifico, didattico e storico - offre spunti d’interesse non solo per gli studiosi e gli studenti, ma per tutti i curiosi e gli appassionati della natura
 
Le Collezioni zoologiche, recentemente riorganizzate e curate in una nuova esposizione, comprendono alcune migliaia di esemplari. Al notevole pregio e valore storico dei pezzi si aggiunge l’interesse scientifico e didattico della raccolta. La visita all’esposizione offre spunti d’interesse non solo per gli studiosi della materia ma per tutti i curiosi e gli appassionati della natura.
 

E’ possibile visitare il Museo prenotando una visita guidata al n. telefonico 070.675.8000.
 
Le collezioni zoologiche dell’Università di Cagliari hanno una storia vecchia di almeno 200 anni. I reperti zoologici più antichi risalgono, infatti, al “Gabinetto di Storia Naturale” realizzato da Lodovico Baille con il supporto del Vicerè di Sardegna Carlo Felice alla fine del XVIII secolo e donato alla Regia Università di Cagliari nel 1806.
 
Dal 1927 le Collezioni Zoologiche sono ospitate presso l’Istituto di Biologia Marina del Tirreno oggi Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia. Dopo aver subito pesanti perdite in seguito ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, dagli anni ’60 le collezioni sono state riordinate e messe a disposizione degli studenti di Scienze Naturali e Biologiche per lo studio della Zoologia e dell’Anatomia Comparata.
 
Nelle sale sono esposti animali provenienti da diverse regioni geografiche. E’ possibile ammirare molte specie esotiche provenienti dai diversi continenti, tra questi l’armadillo sudamericano, il koala australiano, l’ornitorinco, formichieri, bradipi e numerose scimmie.

Sono rappresentati esemplari di tutti i principali tipi animali - vertebrati ed invertebrati - e sono presenti gli animali più conosciuti e comuni della fauna italiana e sarda, come anche specie esotiche e rare, dai più piccoli insetti a balene, squali ed elefanti.

La fauna sarda è rappresentata da una collezione molto accurata che comprende i rappresentanti di molte specie endemiche. Sono presenti non solo specie comuni ma anche specie ormai estinte o estremamente rare in natura. In particolare, possono essere ammirati l’avvoltoio monaco, l’aquila del Bonelli, grifoni e gatti selvatici. Sono presenti anche diorami che ricostruiscono l’ambiente naturale del muflone e della foca monaca, quest’ultima rappresentata da un raro esemplare adulto impagliato.
 
Si segnala per la sua organicità e completezza la collezione ornitologica, che include tutti i rapaci della fauna sarda presenti ed estinti, nonché alcuni uccelli esotici come la colomba migratrice americana di cui esistono solo altri sette esemplari impagliati nel mondo e un rarissimo kiwi neozelandese.
 
 
 
 
 
 

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

05 agosto 2022

Geologia e ambiente, la summer school

Successo per la Scuola di alta formazione per docenti di Scienze organizzata dal dipartimento di Scienze chimiche e geologiche e dal corso di laurea in Geologia: seminari, attività di laboratorio ed esercitazioni pratiche per apprendere un modello di insegnamento basato sull’investigazione e sulla ricerca

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie