UniCa UniCa News Notizie Montezemolo: investire per avere un futuro

Montezemolo: investire per avere un futuro

Il Presidente della Confindustria: “No al proliferare delle Università condominiali, utili solo allo studente che vuole rimanere accanto alla mamma e laurearsi senza fare troppi sacrifici”
26 settembre 2006
Luca Cordero di Montezemolo, presidente della ConfindustriaUniversità di Imperia, 25 settembre 2006. Di seguito alcuni passaggi del discorso di Luca Cordero di Montezemolo , durante l’assemblea generale "Innovare per crescere" per i 60 anni della Confindustria.
  

Sono contento di essere qui dopo tanti anni, frequentavo la zona quando facevo il Rally dei Fiori e torno oggi per fare gli auguri a Confindustria per i suoi 60 anni. Chi mi ha preceduto ha svolto interventi densi di concetti da analizzare, e proverò a farlo per alcuni di essi. Come premesso sento di voler sottolineare che bisogna uscire dal dibattito ‘maggioranza-minoranza’ guardare avanti, affrontare i problemi di crescita, problemi di lunga data. Dobbiamo chiederci dove desideriamo che sia il nostro Paese tra 15 anni e attuare una sfida che coinvolga soprattutto i ‘sistemi paese’.

Gli elementi principali che determinano il futuro dell’Italia sono: innovazione, crescita e conoscenza.

INNOVAZIONE
Non è qualcosa di etereo, è su di essa che noi imprenditori ci giochiamo il futuro; dovrebbe essere nel nostro dna, come alcune aziende presenti oggi, capaci di segmentarsi e fare dall’olio alla cosmesi. Se nel 2005 l’Italia è stata l’unico Paese in Europa a crescita zero, una ragione c’è, e la politica c’entra fino ad un certo punto.

CRESCITA
E’ il focus, l’ossessione. Per distribuire ricchezza bisogna crearla, per crearla bisogna investire e rischiare, investire sui giovani. Il cambiamento da attuare non può esercitarlo solo la classe politica.

CONOSCENZA
Cioè formazione, università. Non possiamo continuare a creare facoltà e poli universitari senza badare all’eccellenza; l’università è fondamentale quando si parla di ricerca, ambito nel quale l’Italia è zero, incapace di attrarre studenti. Un Paese che non investe nella ricerca è un Paese che non investe nel proprio futuro.

Uno sguardo va lanciato anche alle piccole imprese, da legare alle università e alla ricerca, da sostenere perché non debbano affrontare il mercato straniero da sole; e qui le banche hanno un ruolo fondamentale, nel concedere prestiti e nel prendersi qualche rischio in più. Da parte nostra, come imprenditori dobbiamo privilegiare le fusioni e le concentrazioni.
Non possiamo vivere in un Paese che mette tasse per pagare gli interessi sul debito pubblico, che sostiene troppe spese inutili e che non genera risorse per investimenti sullo sviluppo. La politica italiana deve rendersene conto e attuare scelte coraggiose.

Vorrei richiamare l’attenzione su tre concetti fondamentali dai quali non si può prescindere:

1) la concorrenza, necessaria in quanto migliora i servizi e abbassa i prezzi, dà la possibilità agli imprenditori di entrare in nuovi settori e riporta in auge la meritocrazia.

2) la produttività, data dal lavoro, dalle banche, dallo Stato e dalla concorrenza. Su questo destra e sinistra devono prendere impegni comuni, l’accordo deve essere corale e includere imprenditori, sindacati, Governo. Ognuno deve fare la sua parte perché con l’attuale livello di produttività non siamo competitivi, restiamo il fanalino di coda.

3) Forse il punto più importante, quello basilare: la semplificazione. Abbiamo iter procedurali infiniti, una burocrazia cavillosa e inefficiente. Ci vuole una riforma dello Stato. Chiunque sia il pilota, la macchina va rinnovata…se è obsoleta non vincerà mai.

Concludo facendo comunque i miei complimenti alla Liguria, che tra le solite lungaggini sta cercando una politica di sistema. Innovazione e ricerca stanno diventando punti di riferimento di un cammino importante. Certo, dobbiamo scontare i grandi errori di un passato non recente nel settore turistico; dobbiamo riappropriarci del gusto della sfida e pretendere di essere il primo Paese in Europa per attrazioni turistiche. La Liguria, e l’Italia tutta, ha le potenzialità per farlo”.
 
 
 

Ultime notizie

27 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS. RASSEGNA STAMPA

26 maggio 2022

UniCa aderisce alla “Settimana mondiale della tiroide 2022”

Dal 25 al 31 maggio si celebra l’appuntamento con la campagna annuale che ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione generale sui problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo alla prevenzione attraverso l'uso di sale iodato. Il tema conduttore dell’edizione 2022, che non prevede eventi in presenza, è “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Interviste e le risposte degli esperti ai quesiti più frequenti sulla pagina Facebook dedicata

26 maggio 2022

Oncologia, verso una migliore selezione dei pazienti candidabili a immunoterapia

Andrea Pretta, medico-chirurgo specializzato in oncologia medica alla Scuola di Specializzazione dell’Università degli Studi di Cagliari, si è aggiudicato uno dei più importanti Merit Award al 2022 ASCO Congress, il più prestigioso congresso internazionale del settore, organizzato dalla Società americana di oncologia. Attualmente il dottor Pretta è dottorando in Medicina Molecolare e Traslazionale nel nostro Ateneo. RASSEGNA STAMPA

26 maggio 2022

Comunicazione, tre nuove lauree magistrali volte al futuro

L’Università di Cagliari lancia Filosofia e teoria della comunicazione, Produzione multimediale e Innovazione sociale e comunicazione, naturale prosecuzione del percorso triennale maturato nel corso di Scienze della comunicazione. Formazione innovativa, tra competenze e saperi in continua evoluzione, modulata per figure professionali competitive, dinamiche e di qualità. Gli interventi di Elisabetta Gola, Valentina Onnis, Vinicio Busacchi, Antioco Floris, Emiliano Ilardi e Marco Pignotti. Il reportage della presentazione

Questionario e social

Condividi su: