UniCa UniCa News Notizie Universita’: fuori sede addio, il 60% delle matricole non lascia casa (ricerca di Campus)

Universita’: fuori sede addio, il 60% delle matricole non lascia casa (ricerca di Campus)

Meno di uno studente su cinque &è; disposto a sacrificarsi per affrontare l’appartamento condiviso e il lavoro serale per pagarsi le rette
21 luglio 2006

Milano, 20 lug. (Adnkronos/Ign) - Studente fuori sede? No grazie. Altro che voglia di indipendenza: per 6 neo-universitari su 10 l’imperativo è "mai lontani da casa’’. Soltanto il 7% delle matricole sarebbe disposto a fare le valige per trasferirsi lontano mamma e papà. Per tutti gli altri, l’università deve essere vicina a casa, comoda da raggiungere, con la possibilità di tornare per pranzo e cena ed evitare il salasso di affitti troppo alti e spese che graverebbero troppo sul bilancio familiare. E’ quanto risulta da una ricerca di Campus, il primo mensile degli studenti, condotta su 862 matricole universitarie, maschi e femmine, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, realizzata in occasione dell’uscita in edicola delle nuove Guide all’Università 2007. Una matricola su tre non ne vuole proprio sapere di trasferirsi in un’altra città (31%) mentre una su quattro (25%) rimanda qualsiasi decisione alla fine dei primi tre anni. Soltanto il 13% dei ragazzi con l’obiettivo di scegliere un’Università prestigiosa sarebbe disposto a far subito le valigie, mentre solo il 6% delle neo-matricole farà le valigie comunque e in ogni caso.

Così, la voglia di indipendenza, gli appartamenti condivisi e i lavori serali per pagarsi le rette appartengono a questa risicata minoranza (meno di uno studente su cinque). Diventare uno studente fuori sede, secondo gli intervistati, implica troppe incognite: si deve rinunciare alle proprie abitudini (33%), bisogna dire addio alla cucina della mamma (24%), spesso si tratta di salutare il fidanzato o la fidanzata per andare incontro a un difficile rapporto a distanza (21%). Ma più di tutto a frenare è il carico di spese che andrebbero a pesare sul conto dei genitori (46%). Il 69% degli studenti (in pratica sette su dieci) non si cercherà un lavoro per mantenersi agli studi confidando nell’aiuto dei genitori a fronte di un 21% di volenterosi e un 10% di indecisi.

Le parole d’ordine dei nuovi universitari diventano comodità, stabilità e austerità. Ecco perché la vicinanza a casa, per il 57% dei giovani, è un fattore essenziale più ancora che l’interesse per uno specifico corso di studi (41%) o il presunto prestigio dell’ateneo (21%). Resta un fatto che ancora oggi ben il 65% dei ragazzi ritiene di non aver ricevuto adeguate informazioni per effettuare in maniera completa la propria scelta e che queste informazioni arrivano principalmente dal passaparola degli amici (29%) prima ancora che da Internet (23%) o da altri mezzi di comunicazione.

Ultime notizie

30 gennaio 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione questa mattina al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. VEDI LA PHOTOGALLERY

27 gennaio 2023

Rita Levi-Montalcini e la sua lezione sulle donne di scienza

Venerdì 27 gennaio alle 17:30 il dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Cagliari ospita Piera Levi-Montalcini, nipote del Premio Nobel Rita Levi-Montalcini, nell’ambito dell’incontro “In direzione ostinata e contraria. L’insegnamento di Rita Levi-Montalcini per la promozione dei percorsi femminili nelle aree STEAM.” L'evento sarà trasmesso anche in diretta sulla piattaforma Microsoft Teams.

26 gennaio 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

23 gennaio 2023

Primo incontro del ciclo “Nuove sfide per la medicina” in Cittadella

PTDA SEPSI IN REAL LIFE. Un'importante iniziativa di collaborazione e scambio di migliori pratiche tra reparti e strutture ospedaliere cagliaritane prende il via con un corso dedicato alla stesura e condivisione di un Ptda in base all’esperienza dell'Arnas Brotzu. L’evento è organizzato il 26 gennaio a Monserrato da Dipartimento Medico (associazione no profit impegnata nella formazione continua per le professioni medico-sanitarie) con il patrocinio dell'Università di Cagliari e il supporto del Brotzu e dell'Aou

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie