UniCa UniCa News Notizie Festival cinematografico "La città in corto" - IV Edizione

Festival cinematografico "La città in corto" - IV Edizione

La scadenza delle iscrizioni e’ stata prorogata al 31 dicembre
09 novembre 2006

L’iniziativa, che nei giorni 2, 3, 4 marzo 2007 coinvolgerà gli studenti universitari dell’area mediterranea, si propone di stimolare la creatività, l’aggregazione e la circolazione delle idee fra i giovani attraverso l’arte cinematografica. 

Le passate edizioni del festival “La Città in Corto”

Data Tema
--------------------------------------------------------------
1. (Aprile 2004) “la città”

2. (Aprile 2005) “tema libero”

3. (Marzo 2006) “tema libero e Olio d’oliva”


CORTOMED è occasione ulteriore per amplificare e sostenere il grande progetto di cooperazione inter-universitaria nell’area del Mediterraneo, che si inserisce nella più ampia strategia di cooperazione culturale, tecnica e scientifica che l’Unione Europea, dopo la Dichiarazione di Barcellona, ha avviato con i paesi del bacino del Mediterraneo.


TEMI PROPOSTI

Tema 1
• Tema Libero

Tema 2
• “Specchi dalla riva” - Rappresentazioni dell’altra parte del Mare.
• “Mutamenti”- Quello che cambia, quello che resta uguale.
• “Un certain regard”- Il Mediterraneo del 2020.


SEZIONI DEL CONCORSO

I cortometraggi, pena l’esclusione, devono avere una durata non superiore a 15 (quindici) minuti e concorrono in una delle quattro seguenti categorie:

• Cortometraggi fiction
• Cortometraggi documentari
• Cortometraggi d’animazione
• Cortissimi (durata non superiore a tre minuti)

E’ prevista la premiazione del migliore cortometraggio di ogni categoria

REGOLAMENTO

Sono ammessi a partecipare al Festival tutti gli studenti universitari iscritti nelle università dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Sono accettate collaborazioni con professionisti del cinema a condizione (necessaria) che almeno due studenti abbiano ricoperto un ruolo importante del film in concorso (produzione, regia, soggetto, sceneggiatura, musica, scenografia, fotografia, montaggio, cast attoriale).
La partecipazione al Concorso è gratuita

Sono a carico dei partecipanti: le spese per le copie dei cortometraggi, le spese di invio e (ove previsto) di ritiro dei cortometraggi.
Gli autori devono far pervenire all’organizzazione del Concorso una copia in DVD del cortometraggio (della durata massima di 15 minuti) entro il 31 dicembre 2006, insieme al modulo d’iscrizione, al seguente indirizzo: Giusy Bitto, Centro Teatro Ateneo, Università degli Studi di Roma La Sapienza, Viale delle Scienze 1, 00185 Rome, Italy.
Le copie non saranno restituite e faranno parte dell’archivio del Concorso. Potranno essere usate solo per scopi di studio o didattici; un eventuale loro utilizzo di diverso tipo potrà avvenire solo con autorizzazione scritta dell’autore o di coloro che ne detengono legalmente i diritti.
La richiesta di ammissione al Festival implica l’accettazione incondizionata del presente regolamento.

Info: w3.uniroma1.it/lacittaincorto  - WWW.STUDENTINCORTO.COM

• PROF. MAURIZIO SPOLITI tel: 06.49913947
e-mail: maurizio.spoliti@uniroma1.it
• PROF. GUIDO LAUDANI tel: 06.49974250 – 337.723021
e-mail: guido.laudani@uniroma1.it; laudanig@tin.it




I PREMI “MINERVA d’ORO”

• Migliore cortometraggio fiction
• Migliore cortometraggio documentario
• Migliore cortometraggio d’animazione
• Migliore “cortissimo” (durata massima tre minuti)
• Migliore regia
• Migliore sceneggiatura originale
• Migliore attore maschile
• Migliore attrice
• Migliore montaggio
• Migliore fotografia
• Migliore musica originale
• “Gran Premio del Pubblico”.

Leggi allegato

Vedi locandina

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie