UniCa UniCa News Notizie Parigi: Il Ministro Moratti presenta due nuove scuole italiane di alta formazione

Parigi: Il Ministro Moratti presenta due nuove scuole italiane di alta formazione

Due nuove Scuole di alta formazione, l’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze l’IMT (Istituzioni, Mercati, Tecnologie) Alti Studi di Lucca entrano a far parte del sistema universitario italiano, al termine di una fase di sperimentazione conclusasi a dicembre con l’istituzionalizzazione da parte del Miur.
12 gennaio 2006

Le due nuove Scuole, dedicate alla didattica dottorale e postdottorale avranno d'ora in poi un corpo docente permanente, un proprio bilancio e autonomi organismi dirigenti. Alla presentazione delle due nuove scuole italiane da parte del Ministro Moratti, che nell'occasione ha incontrato anche il suo omologo francese Gilles de Robien, hanno partecipato, tra gli altri, i rettori delle Grandes Ecoles parigine e autorevoli esponenti del mondo della cultura francese.
L'obiettivo e' quello di dar vita, con il contributo dell'Istituto di Scienze umane e dell'IMT e delle grandi Istituzioni formative francesi, a una struttura europea comune e integrata per l'alta formazione, in grado di reggere la competizione a livello globale.
Il Ministro ha detto che ''Il potenziamento della formazione avanzata e dei percorsi didattici di dottorato e post-dottorato e il loro respiro internazionale, insieme con il consolidamento e la revisione del cosiddetto '3 piu' 2', la riforma dello stato giuridico dei docenti e l'introduzione di nuovi criteri per l'attribuzione delle risorse pubbliche alle Universita', e' stato un punto essenziale e qualificante dell'azione che il governo ha sviluppato in questi anni per la modernizzazione del sistema universitario nazionale''.
Per i due nuovi istituti il Ministero ha stanziato oltre 18 milioni di euro complessivi nel triennio 2004-2006, ai quali si sono finora aggiunti complessivamente piu' di 10 milioni di euro (tra finanziamenti diretti e in infrastrutture) provenienti dal settore privato.
L'Istituto di Scienze Umane di Firenze rappresenta il primo esempio di istituzione universitaria italiana esclusivamente dedicata all'alta formazione nel settore delle scienze umane (storia, filosofia, diritto, letteratura e filologia, eccetera).
Grazie alla sua struttura ''a rete'' che si realizza attraverso le Scuole di alta formazione afferenti a diverse Universita' - Istituto di Studi Umanistici (Firenze); Scuola Superiore di Alta Formazione (Napoli ''Federico II''); Scuola Europea di Studi Avanzati (Napoli ''L'Orientale'' e ''Suor Orsola Benincasa''); Scuola Superiore di Studi Umanistici (Bologna); Scuola Superistituto itakiore di Studi Umanistici (Siena) -, oggi sono attivi 14 diversi dottorati di ricerca che gia' coprono aree tematiche molto ampie e varie e coinvolgono complessivamente 138 allievi per ogni ciclo triennale, dei quali 79 con borsa di studio.
L'IMT di Lucca intende sfruttare la sinergia con importanti atenei dell'area toscana, quali l'Universita' di Pisa, la Normale o il Sant'Anna, offrendo una formazione dottorale e post-dottorale di respiro internazionale, incentrata prioritariamente sui temi dell'innovazione sociale, economica e tecnologica e sugli aspetti che concernono le biotecnologie, la biorobotica e le telecomunicazioni, fortemente collegata con i bisogni del territorio.

Ultime notizie

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 gennaio 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

20 gennaio 2022

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica

Questionario e social

Condividi su: