UniCa UniCa News Notizie Meeting del progetto EDUC+ M

Meeting del progetto EDUC+ M

Lo scorso venerdì 6 maggio si è tenuto, con il supporto del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali, il transnational meeting del progetto europeo EDUC+ M (EDUCating for Positive Management, Erasmus KA2 - Strategic Partnerships for higher education)
11 maggio 2022

Il progetto EDUC+M nato all'interno dell'Alleanza EDUC è cofinanziato dal Programma Erasmus + ed è volto a promuovere e incentivare delle pratiche nelle 6 Università partner sul tema del "sustianable business". 

Ai lavori hanno preso parte i rappresentanti di tutte le università partecipanti al progetto: Università di Cagliari (Prof. Andrea Melis), Masaryk (Prof. Ondrej Castek), Paris Nanterre (Prof.ssa Beatrice Bellini), Pecs (Prof.ssa Beatrix Lanyi), Postdam (Prof.ssa IsabellaProeller) e  Rennes 1 (Prof. Christophe Vignon).

L’obiettivo dell’incontro era quello di verificare lo stato dell’arte ed il grado di sviluppo sulle attività di didattica innovativa previste nel progetto, attività che hanno l’obiettivo di integrare i principi della sostenibilità (sociale, economica ed ambientale) nell'alta formazione alla gestione delle aziende. Oltre allo sviluppo di due corsi in formato blended, offerti in lingua inglese, con docenti delle sei università coinvolte per un’audience di studenti europei, si è discusso del grado di avanzamento di un software di simulazione di gestione aziendale dove chi gioca può apprendere le conseguenze di integrare gli aspetti della sostenibilità nella programmazione e gestione di un’azienda.

Si è, infine, presentato il programma della Sustainable business week, la settimana intensiva di studio in cui i partecipanti avranno l’opportunità di apprendere, con un approccio pratico e di problem solving di casi reali, le sfide ed opportunità legate all’integrazione della sostenibilità nell'amministrazione delle aziende, sfidandosi in un business case sviluppato dai docenti del progetto con dati offerti da una multinazionale del settore dell’ospitalità. La Sustainable business week sarà organizzata presso i locali della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche dell’Università di Cagliari dal 23 al 27 maggio p.v e prevede la presenza di oltre 15 docenti italiani ed esteri, che si alterneranno nell’alta formazione di oltre 50 studenti delle sei università partecipanti.

Per maggiori informazioni sul progetto EDUC+M è possibile consultare il seguente LINK

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: