UniCa UniCa News Notizie Biometria, tra sicurezza, scambio e condivisione di documenti riservati

Biometria, tra sicurezza, scambio e condivisione di documenti riservati

La disciplina si basa sul riconoscimento facciale e delle impronte digitali. Il team del Pra Lab guidato da Gian Luca Marcialis ha realizzato il progetto Biometric right data treatment. La piattaforma Brdt, utile nell’industria ma anche nella sanità, è stata presentata con successo alla fiera Maker Faire 2021 tenutasi a Roma
08 ottobre 2021
Roma. Da sinistra, Michele Bianco (managing director Interferentia), Gian Luca Marcialis, Andrea Panzino, Giulia Orrù e Marco Micheletto

Ricerca, trasferimento tecnologico e commerciabilizzazione dei progetti

Mario Frongia

La fiera internazionale “Maker Faire Rome 2021 - The European Edition” ha ospitato, fra gli altri, il progetto “Biometric Right Data Treatment” (Brdt), un progetto di trasferimento tecnologico dove la ricerca di frontiera sviluppata dal Pra Lab (http://pralab.diee.unica.it) dell’Università di Cagliari è stata portata a livello di prototipo per diventare futuro prodotto commercializzabile grazie alla collaborazione con aziende specializzate del settore. Il progetto Brdt vede infatti l’attività congiunta della Divisione biometria del Pra Lab (dipartimento Ingegneria elettrica ed elettronica) con l’azienda Interferentia. La piattaforma Brdt implementa una “smart community”, una sorta di “social network” molto particolare, destinato ad aziende o professionisti singoli, nel quale è possibile la condivisione e lo scambio di documenti riservati mediante riconoscimento biometrico, ovvero del volto o dell’impronta digitale. "Ogni membro della “community” è in grado non solo di comunicare e certificare la propria identità con il proprio smartphone o tablet (Android/Ios), ma può anche criptare il documento condiviso in modo che soltanto il destinatario possa accedervi tramite la propria biometria. Questo - dice Gian Luca Marcialis, Associato di Sistemi di elaborazione delle informazioni e coodinatore dell'Unità biometria - consente uno scambio “sicuro” di documenti condivisibili solo fra mittente e destinatari indicati, accessibili esclusivamente dopo certificazione dell’identità mediante volto o impronta".

Roma. Un'immagine della fiera e dello stand del gruppo di ricercatori cagliaritani
Roma. Un'immagine della fiera e dello stand del gruppo di ricercatori cagliaritani

Industria, sanità e assistenza: applicazioni e sviluppi della piattaforma

"Essendo stata sviluppata del rispetto del Gdpr europeo, le possibili applicazioni della piattaforma esulano dal solo contesto industriale: si pensi per esempio all’utilizzo del sistema per lo scambio di referti tra medici, oppure tra medici e pazienti, cosa realizzabile in sicurezza ed in tempo “reale” tramite Brdt; nel caso di minori, non sarebbe un problema per entrambi i genitori, essere tenuti informati, anche a distanza l’uno dall’altro, con la certificazione della propria identità direttamente dal proprio smartphone. La piattaforma - spiega il professor Marcialis - è stata concepita per poter essere facilmente portata su una molteplicità di dispositivi, in quanto il software di riconoscimento biometrico è stato interamente sviluppato dallo staff dell’Unità Biometria.

Gian Luca Marcialis
Gian Luca Marcialis

Pra Lab del Diee, squadra e mentalità vincente

I componenti della Divisione che hanno partecipato al progetto sono Giulia Orrù, ricercatore a tempo determinato, Marco Micheletto, dottorando, e Andrea Panzino, borsista di ricerca e attualmente studente del corso di laurea magistrale in Computer engineering, cybersecurity and artificial Intelligence. Il sistema di riconoscimento sarà anche equipaggiato da meccanismi di “aggiornamento automatico” della biometria e di protezione dai tentativi di falsificazione biometrica, in modo che nessuno possa accedere alla “community” in modo fraudolento, per esempio tramite furto dell’identità.

https://makerfairerome.eu/it/espositori/?edition=2021&exhibit=200667

 

Roma. Alcuni dei lavori del team guidato da Gian Luca Marcialis
Roma. Alcuni dei lavori del team guidato da Gian Luca Marcialis

Ultime notizie

20 ottobre 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 ottobre 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionario e social

Condividi su: