UniCa UniCa News Notizie CyberChallenge 2021, i campioni premiati dal rettore

CyberChallenge 2021, i campioni premiati dal rettore

Stamani in aula magna i sei giovani vincitori e il team dell’Università di Cagliari che nell’ultima edizione ha superato la concorrenza di trentuno atenei e due scuole militari conquistando il titolo nazionale nelle sfide di difesa e attacco informatico. Francesco Mola: “Portiamo l’orientamento e la divulgazione nei singoli Comuni e in tutte le scuole”
16 settembre 2021
La targa per il team e le medaglie per i singoli ragazzi vincitori del titolo CyberChallenge 2021. Visita le pagine FB UniversitaCagliari per i video dell'incontro in rettorato

Formaziona avanzata, scienza e coscienza degli hacker etici

Ivo Cabiddu / Mario Frongia
 
La finale del CyberChallenge.IT, svolta lo scorso 7 luglio, ha decretato la vittoria della squadra di “cyberdefender” dell'Università di Cagliari su trentuno atenei e due scuole militari. Il successo è maturato in alcuni anni di preparazione e partecipazione alle varie edizioni ma, soprattutto, è frutto di precise scelte dell’ateneo in campo didattico e di ricerca nei settori avanzati dell’informatica.

Il contest qualificato per testare le conoscenze sulla cybersecurity

Il progetto CyberChallenge, scaturito dal Laboratorio nazionale di cyberSecurity del Consorzio interuniversitario nazionale informatica (Cini), è supportato dal ministero della Difesa e dalla presidenza del Consiglio dei ministri con il Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica.

Si tratta di un programma di addestramento alla cybersecurity, sotto forma di contest, riservato a giovani di talento tra i 16 e i 23 anni, iscritti a scuole superiori e università italiane. I concorrenti sono preparati dai tutor degli atenei partecipanti per sfidare gli avversari nell’abilità di scoprire ed eliminare le vulnerabilità del software. Il format prevede tre mesi di percorso formativo su metodologie e tecnologie di cybersecurity rivolto a ragazzi con basi e talento informatico, nonché discreta conoscenza della lingua inglese.

Settore strategico per aziende, enti pubblici e forze dell'ordine

Come ha sottolineato il rettore Francesco Mola, durante la premiazione di questa mattina nell’aula magna di via Università, la partecipazione a questo progetto è molto importante per la creazione sul territorio di opportunità formative nella cybersecurity. Il settore, sempre in continua evoluzione, richiede competenze utili in vari ambiti produttivi, tra imprese, studi professionali, pubblica amministrazione, forze dell’ordine, istituti di credito e finanziari.

Francesco Mola
Francesco Mola

Orientamento, coinvolgimento e divulgazione nelle municipalità sarde

Da qui, è il suggerimento del professor Mola, ne consegue l’opportunità di promuovere maggiormente l’iniziativa, anche in collaborazione con i singoli Comuni della Sardegna, con la possibilità di creare occasioni di orientamento e divulgazione itinerante. Forti dell’esperienza, del successo e delle competenze dimostrate dagli specialisti dell'ateneo di Cagliari, l’obiettivo è quello di offrire ulteriori eventi mirati a facilitare l’avvio di giovani di talento verso le professionalità in campo cibernetico e della sicurezza informatica.

Per il professor Giorgio Giacinto “Il risultato ottenuto è straordinario se si considera che solo da tre anni Cagliari ha iniziato a partecipare alle sfide Capture the flag, basate sull’individuazione di vulnerabilità e informazioni nascoste in programmi e applicazioni informatiche. Il nostro gruppo - ha aggiunto l’ordinario di Ingegneria industriale e dell'informazione - sta progressivamente conquistando posti di rilievo in ambito informatico a livello nazionale e internazionale grazie alle numerose iniziative in campo, alla qualità dei docenti e ricercatori e alla bravura degli studenti che si specializzano in questo settore con competenze che sono sempre più richieste da numerose aziende”.

Un momento dell'incontro in rettorato. Da sinistra: Davide Maiorca, Francesco Mola, Giorgio Giacinto e Massimo Bartoletti
Un momento dell'incontro in rettorato. Da sinistra: Davide Maiorca, Francesco Mola, Giorgio Giacinto e Massimo Bartoletti

LA SQUADRA DI UNICA

Nella foto qui a lato il gruppo dei ragazzi allenati da Davide Maiorca (ricercatore Diee, docente e responsabile del progetto), che, dopo una gara di attacco/difesa in ambito informatico durata quasi otto ore, hanno portato a casa il prestigioso trofeo della terza edizione di Cyberchallenge.it. Nella formazione, ricevuta e premiata oggi in rettorato: Marcello Carboni (21 anni, studente Informatica), Filippo Mereu (20, Informatica), Giovanni Manca (24, magistrale Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence), Fabio Marotta (21, Ingegneria elettrica, elettronica e informatica), Davide Murru (19, Informatica) e Riccardo Sulis (18, quarto anno Istituto tecnico Dionigi Scano, Cagliari).

Da sinistra: Carboni, Mereu, Manca, Marotta, Murru, Sulis e Maiorca
Da sinistra: Carboni, Mereu, Manca, Marotta, Murru, Sulis e Maiorca

Occorre dire che per il CyberChallenge l’ateneo ha realizzato un programma di formazione dedicato appositamente al contest - con il coordinamento di Davide Maiorca e il contributo di Massimo Bartoletti, Livio Pompianu e Giorgio Giacinto - che ha spaziato dalla crittografia alla sicurezza web, fino ai vari aspetti legati a software security e reverse engineering. I partecipanti sono iscritti a diverse scuole superiori della Sardegna, ai corsi di laurea triennale in Informatica e Ingegneria informatica, e dal corso di laurea magistrale in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence.

Gli studenti presenti all'incontro nell'aula magna del rettorato
Gli studenti presenti all'incontro nell'aula magna del rettorato

L’esperienza maturata negli anni passati ha inoltre consentito di formare la squadra locale Srdnlen, che partecipa a diverse gare internazionali “Ctf” (Capture The Flag) e sta progressivamente migliorando il suo posizionamento a livello nazionale e internazionale. I componenti di questa squadra hanno un ruolo importante anche nel percorso formativo del CyberChallenge, in quanto svolgono la funzione di tutor per i ragazzi impegnati nella nuova edizione. Ecco l'elenco degli studenti impegnati nel tutoraggio per l'edizione 2021: Erik Piersante (CdL Magistrale Informatica), Emanuele Cuncu (CdL Informatica), Lorenzo Pisu (CdL Magistrale in Comp. Engineering, CyberSecurity and Artificial Intelligence), Daniele Pusceddu (CdL Informatica), Simone Schirru (CdL Informatica), Roberto Pettinau (CdL Informatica), Alessandro Frau (CdL Informatica - Università di Bologna, precedentemente Liceo Scientifico “Brotzu”, Cagliari), Matteo Cornacchia (CdL Magistrale CyberSecurity Univ. Padova, precedentemente CdL Informatica Cagliari), Silvia Lucia Sanna (CdL Magistrale in Comp. Engineering, CyberSecurity and Artificial Intelligence).

Al centro il magnifico rettore Francesco Mola con tutti i ragazzi e i docenti del CyberChallenge 2021
Al centro il magnifico rettore Francesco Mola con tutti i ragazzi e i docenti del CyberChallenge 2021

Ultime notizie

23 ottobre 2021

L’Università, gli Special Olympics, i campioni: al Cus per un compleanno che segna un pezzo di storia

L’emozione del rettore e dell’intera comunità accademica. A corredo delle sfide a calcetto, basket e tennis, la partecipazione di Joao Pedro, Suazo e i giganti dello scudetto del ’70. A Sa Duchessa, in un’atmosfera inclusiva e solidale, utile per ripartire in presenza e sostenere anche i percorsi di formazione, socializzazione e condivisione che le attività sportive, da sempre, rendono più semplici

23 ottobre 2021

TechLog, tre milioni e mezzo di euro per la formazione avanzata nei trasporti europei con l’Università di Cagliari capofila

Anche i simulatori per la conduzione di gru portainer, bus  e camion al centro della presentazione in rettorato del percorso curato dagli specialisti del Cirem alla guida di Egitto, Spagna, Libano e Tunisia. Logistica, ecologia, competitività ed efficientamento delle prestazioni di addetti portuali e autotrasporto. La conferenza viene aperta da Francesco Mola    

20 ottobre 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

Questionario e social

Condividi su: