UniCa UniCa News Notizie Premio Voceversa, premiate le vincitrici

Premio Voceversa, premiate le vincitrici

Margherita Ruggiero, per la sezione in lingua araba, e Lucia Solinas, per la sezione in lingua inglese, vincono la seconda edizione del concorso di traduzione. La premiazione è avvenuta all'interno della cornice del Lei Festival con la partecipazione di Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, insieme alle docenti di lingua e traduzione Maria Cristina Secci, Francesca Boarini (presidenti del Premio Voceversa), Angela Daiana Langone e Eleonora Fois (presidenti di giuria)
03 dicembre 2020
Un momento della cerimonia di premiazione. In alto a destra Lucia Solinas

Un premio fortemente voluto dal Rettore Maria Del Zompo per valorizzare la figura del traduttore

Roberto Ibba

Cagliari, 3 dicembre 2020 - Margherita Ruggiero, per la sezione in lingua araba, e Lucia Solinas, per la sezione in lingua inglese, sono le vincitrici del premio Voceversa, dedicato alle traduttrici e ai traduttori. La cerimonia di premiazione on line si è svolta all'interno del Lei Festival, con la partecipazione del Rettore Maria Del Zompo, Maria Cristina Secci e Francesca Boarini (presidenti del Premio Voceversa), Angela Daiana Langone e Eleonora Fois (presidenti di giuria delle due sezioni).

"Il premio nasce all'interno dei corsi di laurea corsi di laurea triennale in Lingue e Culture per la Mediazione Linguistica e magistrale in Traduzione specialistica dei testi della Facoltà di Studi Umanistici - ha spiegato la professoressa Secci - per valorizzare la figura del traduttore che spesso resta in ombra. Il premio è stato voluto e sostenuto con forza dal Rettore Maria Del Zompo".

Il Rettore Maria Del Zompo durante la premiazione
Il Rettore Maria Del Zompo durante la premiazione

I traduttori devono saper leggere e far emozionare con traduzioni intelligenti

"Chi traduce deve saper leggere, emozionare e tradurre in modo intelligente: a questo abbiamo sempre puntato, anche nella seconda edizione di questo premio" ha proseguito, introducendo il Rettore Maria Del Zompo che ha ringraziato le organizzatrici del premio: "Non è dovuto coinvolgere i nostri studenti in iniziative così belle, il vostro è un modo di essere docenti universitarie molto bello. Questo Premio è un percorso di approfondimento per loro: spesso non viene riconosciuto il giusto ruolo a una professione molto difficile".

Riprendendo le riflessioni di Maria Cristina Secci, docente di Lingua Spagnola e Traduzione, il Rettore ha sottolineato che "Chi traduce entra nella realtà del libro e dell’autore, con una ricaduta bellissima: permettete a tante persone di avere l’opportunità di godere di volumi, di poesie grazie alla vostra conoscenza e alla vostra cultura".

Maria Cristina Secci, presidente del Premio Voceversa
Maria Cristina Secci, presidente del Premio Voceversa

Le vincitrici si sono cimentate nella traduzione dei testi di Fida Jiryis e Ntozake Shange

Margherita Ruggiero si è confrontata con un testo della scrittrice palestinese Fida Jiryis, nella cui traduzione ha dimostrato "una conoscenza matura della lingua araba". La traduttrice, sottolinea la giuria nella motivazione del premio, "Ha saputo rendere correttamente in italiano le numerose sfumature della variazione linguistica presente nel testo d’origine che era redatto in arabo standard ma con numerosi passaggi in arabo palestinese nelle parti dialogiche." 

Un brano della poetessa e drammaturga statunitense Ntozake Shange è stato il banco di prova per le traduttrici e i traduttori dalla lingua inglese. La traduzione che ha soddisfatto maggiormente la giuria è quella di Lucia Solinas, che ha affrontato la sfida traduttiva consistente "nel riuscire a comunicare la ricchezza di elementi culturospecifici legati alla cultura nera americana, l’atmosfera, il colore, ma anche l’emozione".

"È un testo nel quale devono emergere le tante voci che lo costituiscono, - scrive la giuria nella sua motivazione - ma nel quale serve anche coerenza e continuità stilistica. Chi lo traduce deve avere la ‘forza’ di superare le proprie censure e di prestarsi a rispettare la parola di cui si fa mediatore". La traduzione premiata "ha comunicato a giudici e lettori lo sforzo di considerazione di questi ambiti".

Un'immagine della presentazione. In basso a sinistra Margherita Ruggiero
Un'immagine della presentazione. In basso a sinistra Margherita Ruggiero

Link

Ultime notizie

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie