UniCa UniCa News Notizie UniCa aderisce alla Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

UniCa aderisce alla Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

LA NOTIZIA VIRALE IN POCHE ORE, e arrivano i complimenti del MINISTRO. Il nostro Ateneo sta attivando una serie di misure volte alla riduzione, fino alla totale eliminazione, della plastica monouso. Tra le iniziative promosse il Plastic Free coffee break, che ridurrà i contenitori e gli imballaggi di plastica monouso grazie a un nuovo appalto per i distributori automatici installati nelle varie strutture. L'iniziativa nasce in seguito all'accordo #StopSingleUsePlastic siglato da diverse università italiane con Marevivo e Conisma. RASSEGNA STAMPA
20 novembre 2020
Un particolare del poster dell'iniziativa

L'Università di Cagliari partecipa alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti attraverso iniziative volte al contenimento dell'utilizzo della plastica monouso

Roberto Ibba

Cagliari, 16 novembre 2020 - L'Università di Cagliari aderisce all'edizione 2020 della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti, che si svolgerà dal 21 al 29 novembre.

Il nostro Ateneo si è impegnato, in seguito all'accordo #StopSingleUsePlastic siglato da diverse università italiane con Marevivo e Conisma (il consorzio interuniversitario per le scienze marine), a ridurre l'utilizzo della plastica monouso fino alla sua totale eliminazione.

Tra le iniziative in atto, la nuova gara d'appalto per l'installazione dei distributori di cibi e bevande nelle strutture dell'Università in grado di fornire il servizio utilizzando contenitori e imballaggi compostabili, eliminando il più possibile la plastica. Sono state installate inoltre delle fontanelle di acqua potabile nelle strutture dell'Ateneo: due nelle facoltà di Ingengeria e Architettura, tre nella facoltà di Studi Umanistici-Lingue (due a Sa Duchessa e una nella ex Clinica Aresu) e una nella facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche. Infine, nelle inziative dei dipartimenti e delle facoltà verranno eliminati i contenitori e gli imballaggi di plastica, che saranno sostituiti con materiali sostenibili.

UniCa aderisce al sistema territoriale di raccolta dei rifiuti con i comuni di Cagliari e Monserrato, contribuendo all'importante risultato di raccolta differenziata superiore al 70%, inoltre il secco residuo è destinato alla termovalorizzazione e non alla discarica.

 

La locandina della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti
La locandina della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

E all'Università di Cagliari arrivano via social i complimenti del Ministro Manfredi, che ha condiviso e rilanciato la notizia sulle proprie pagine

(aggiornamento del 20 novembre 2020). La notizia è diventata virale - sul web e sui social - nel giro di poche ore, grazie al gran numero di interazioni fatto registrare dai post sulla pagina di UniCa. Tanto da meritare anche i complimenti del Ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, che - per la terza volta in poche settimane - condivide e rilancia una notizia diffusa dall'Ufficio stampa dell'Ateneo di Cagliari.

Il post del Ministro sull'impegno di UniCa
Il post del Ministro sull'impegno di UniCa

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 19 novembre 2020

Agenda - pagina 21

Università. Pronte anche le fontane

Facoltà “plastic free” coi nuovi distributori

L'Università muove un passo importante verso l'eliminazione totale della plastica dalle sue aule e strutture. Si è infatti conclusa la gara d'appalto per l'installazione di distributori di cibi e bevande "plastic free" nelle strutture dell'ateneo ed è stata anche completata la realizzazione di fontanelle di acqua potabile in tutte le facoltà.
L'accordo
L'impegno deriva dall'accordo #StopSingleUsePlastic siglato da diverse università italiane con Marevivo e Conisma (il Consorzio interuniversitario per le scienze marine) per ridurre l'utilizzo della plastica monouso fino alla sua totale eliminazione. L'installazione dei distributori "plastic free" permetterà a tutti coloro che frequentano gli spazi dell'Università, soprattutto quando la pandemia sarà terminata, di utilizzare contenitori e imballaggi compostabili, eliminando in questo modo il più possibile la plastica.
Le fontanelle
Sei le fontanelle di acqua potabile installate nelle strutture dell'ateneo: due nella facoltà di Ingegneria e Architettura, tre nella facoltà di Studi Umanistici (due nel polo di Sa Duchessa e una nel Campus Aresu di via San Giorgio) e una nella facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche in viale Sant'Ignazio. Il rettore Maria Del Zompo e il Senato accademico hanno inoltre invitato i dipartimenti e le facoltà a evitare - durante le riunioni in presenza - i contenitori e gli imballaggi di plastica e a sostituirli con materiali sostenibili. L'Università aderisce al sistema territoriale di raccolta dei rifiuti con i Comuni di Cagliari e Monserrato, contribuendo all'importante risultato di raccolta differenziata superiore al 70%.

L'articolo su L'Unione Sarda del 19 novembre 2020 a pagina 21
L'articolo su L'Unione Sarda del 19 novembre 2020 a pagina 21

Allegati

Link

Ultime notizie

20 ottobre 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 ottobre 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionario e social

Condividi su: