UniCa UniCa News Notizie RICERCA, IL PREMIO DEL GILL CENTER A MIRIAM MELIS

RICERCA, IL PREMIO DEL GILL CENTER A MIRIAM MELIS

La notizia rimbalza in tutta Italia, anche sulle pagine di REPUBBLICA: la docente di Farmacologia dell’Università di Cagliari è la prima ricercatrice italiana ed europea ad ottenere il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno a scienziati che con i loro studi facilitano la comprensione di processi biologici complessi. Appena cinque i premiati di quest’anno in tutto il mondo: un traguardo che premia l’altissima qualità della ricerca scientifica del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Ateneo cagliaritano. LA RICERCA UNICA SUL TETTO DEL MONDO. La RASSEGNA STAMPA
27 febbraio 2020
Miriam Melis con Gian Luigi Gessa in uno splendido scatto firmato da Max Solinas

Laureata a Palermo nel 1993, dopo un'esperienza al Mario Negri Sud, Miriam Melis è arrivata a Cagliari nel 1994 per lavorare sugli effetti della cannabis con Gian Luigi Gessa, eccellente scienziato e Medaglia d'Oro al merito della Sanità pubblica

Sergio Nuvoli

Cagliari, 26 febbraio 2020 - Per la prima volta il prestigioso premio “Gill Center Transformative Research Award” varca i confini degli Stati Uniti e arriva in Europa: tra i vincitori di quest’anno figura Miriam Melis, docente di Farmacologia al Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Cagliari. Ne dà notizia oggi, riprendendo il nostro comunicato, anche il quotidiano "LA REPUBBLICA", con un articolo a firma Corrado Zunino, come in queste ore sta facendo tutta la stampa (clicca qui per l'articolo, vedi più sotto la rassegna stampa).

Si tratta dell’importante riconoscimento assegnato ogni anno dal “Linda and Jack Gill Center of Biomolecular Science” per finanziare non solo studi volti alla comprensione di processi biologici complessi, ma anche la formazione di giovani scienziati attraverso l’uso di tecnologie biomolecolari all’avanguardia, un approccio interdisciplinare e collaborativo soprattutto nel campo delle Neuroscienze. Ulteriore elemento che fa comprendere l’importanza del traguardo raggiunto è che in tutto il mondo sono appena cinque (compresa la prof.ssa Melis) gli scienziati a cui questo premio è stato assegnato quest’anno.

La prof.ssa Melis è stata individuata per il contributo da lei dato alla ricerca svolta nel campo degli effetti della Cannabis sul cervello e per la loro applicabilità in ambito clinico, con un premio che sottolinea in modo evidente l’altissima qualità raggiunta dalla ricerca svolta all’Università di Cagliari, riconosciuta ora a livello mondiale: per questo a settembre parteciperà all’edizione dell’annuale Simposio durante il quale riceverà il premio.

L'articolo sul sito di LA REPUBBLICA
L'articolo sul sito di LA REPUBBLICA

Il commento preoccupato della prof.ssa Melis: "Contenta di aver ottenuto questo riconoscimento, purtroppo però questo tipo di ricerca rischia di avere in Italia i giorni contati per effetto di un provvedimento dello Stato"

“Sono davvero molto contenta di aver ottenuto questo importante riconoscimento – spiega Miriam Melis - Purtroppo però questo tipo di ricerca in Italia ha i giorni contati. Un provvedimento dello Stato Italiano, in contrasto con le direttive europee e con quelle applicate ai ricercatori di tutto il mondo, impedirà presto lo studio degli effetti dei farmaci d’abuso (le cosiddette “droghe”) sugli animali sperimentali. Questa scelta, dettata da motivazioni ideologiche e anti-scientifiche, obbligherà i nostri ricercatori a espatriare per svolgere il loro lavoro, con ulteriore perdita di cervelli e di finanziamenti per il nostro Paese”.

Laureata a Palermo nel 1993, dopo un'esperienza al Mario Negri Sud, Miriam Melis arriva a Cagliari nel 1994 per lavorare sugli effetti della cannabis con il professor Gian Luigi Gessa, Professore emerito di Farmacologia dell’Ateneo sardo e Medaglia d'oro al merito della Sanità pubblica assegnata dal Presidente della Repubblica. Trascorre due anni a San Francisco (a UCSF) dal 2000 al 2002 da cui torna con una nuova metodica e un marito. In seguito si è interessata alle interazioni tra cannabinoidi endogeni e dopamina con una serie di scoperte di ricerca di base che sono state riconosciute a livello nazionale e internazionale con premi e pubblicazioni su prestigiose riviste internazionali.

Miriam Melis nello studio alla Cittadella universitaria di Monserrato
Miriam Melis nello studio alla Cittadella universitaria di Monserrato

Link

Ultime notizie

23 settembre 2020

UniCa ha un Piano per l'uguaglianza di genere

L'Ateneo di Cagliari è tra i primi in Italia a dotarsi di uno strumento che disegna un percorso di cambiamento istituzionale di medio-lungo periodo, pensato per diventare parte integrante dell’identità e del funzionamento dell’istituzione. Nato nell'ambito del progetto SUPERA coordinato da Luigi Raffo, è stato sviluppato coinvolgendo tutte le componenti dell’ateneo, con interviste, momenti di co-progettazione e un’intensa attività di consultazione. Il Rettore Del Zompo: "In un periodo in cui finalmente questi temi stanno spesso rimbalzando nel dibattito pubblico, abbiamo scelto da tempo di passare ai fatti: il Piano per l’uguaglianza di genere si affianca al Bilancio di genere". TUTTI I DETTAGLI

22 settembre 2020

UniCa al Festival dello Sviluppo Sostenibile con The Shifters

GUARDA LA DIRETTA DELL'EVENTO INAUGURALE. Il nostro Ateneo parteciperà alla quarta edizione della manifestazione nata per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale. La web serie The Shifters, nata per sviluppare la terza missione di UniCa, farà parte degli oltre quasi centocinquanta eventi del Festival che si svolgerà in presenza e online dal 22 settembre all'8 ottobre

22 settembre 2020

Scienze Ambientali e Naturali, riprendono le attività sul campo

Ripartono le attività del Corso di Studi in Scienze Ambientali e Naturali, dopo un periodo di riorganizzazione, con la partecipazione degli studenti tirocinanti. Subito i primi risultati: i rilievi eseguiti sui depositi del Carbonifero-Permiano del Lago Mulargia hanno permesso di ritrovare spettacolari strutture sedimentarie e resti di piante fossili

Questionario e social

Condividi su: