UniCa UniCa News Notizie Notte europea dei ricercatori, la scienza al servizio dei cittadini nel cuore della città

Notte europea dei ricercatori, la scienza al servizio dei cittadini nel cuore della città

Domani in rettorato la presentazione a cura di Maria Del Zompo, Micaela Morelli e Alberto Masoni. Piazza Garibaldi ospita trenta gazebo esplicativi su ricerca, innovazione e scoperte. L’evento - che andrà in scena anche a Nuoro - è curato da Università di Cagliari e Istituto nazionale di fisica nucleare con oltre venti partner. Per l’ateneo in campo dodici dipartimenti. Tra i temi, asteroidi, intelligenza artificiale, alieni, bioraffinerie, imprese, longevità, alimentazione, economia sarda, ambiente, musica, mobilità sostenibile, sicurezza, scene del crimine e arte .
19 settembre 2019
Arriva la Notte dei ricercatori: la scienza a disposizione dei cittadini e delle nuove generazioni

In sala Consiglio la conferenza stampa di presentazione di un evento che guarda al futuro


Mario Frongia

DOMANI, VENERDI’ 20 SETTEMBRE, ALLE 10.30, nella sala consiglio del rettorato - via Università, n. 40 - il rettore Maria Del Zompo, il pro rettore per la Ricerca scientifica, Micaela Morelli e il direttore della sezione di Cagliari dell’Infn (Istituto nazionale fisica nucleare), Alberto Masoni, presentano la Notte europea dei ricercatori, in programma a Cagliari venerdì 27 settembre. L’evento fa capo al progetto europeo Sharper “European researcher’ night”. L’ateneo presenta le proprie attività a studenti, cittadini e imprese. Un viaggio teso a valorizzare il mondo della ricerca, incuriosire le nuove generazioni e contribuire ad avvicinare i cittadini alle ricerche scientifiche.

 

Da sinistra, Micaela Morelli e Maria Del Zompo
Da sinistra, Micaela Morelli e Maria Del Zompo

La ricerca, tra etica, civiltà e sviluppo. Il messaggio chiave per i giovani

La giornata si tiene in piazza Garibaldi ma si dispiega anche nella scuola “Alberto Riva”, a Sa Manifattura in viale Regina Margherita e nei Geo-musei in via Trentino. La Notte  è organizzata da Università di Cagliari e sezione locale dell’Infn con il coinvolgimento di Regione Sardegna, Comune di Cagliari e Nuoro, 10Lab di Sardegna Ricerche, Istituto nazionale astrofisica (Inaf), Crs4, Sardegna Teatro, Manifattura Tabacchi, Associazione laboratorio scienza, Associazione ScienzaSocietàScienza, Sardegna film commission, complesso didattico Santa Caterina, Associazione Coderdojo Quartu, Associazione Ideas, Cnr-Iom, Ctm, Ris-Carabinieri, Polizia, Comando provinciale Vigili del fuoco. Ai lavori di presentazione della Notte alle testate giornalistiche, oltre a rettore, pro rettore e staff della direzione Ricerca e dell’Infn, prendono parte i delegati dei partner.
 

Cagliari. Una fase della Notte-2018 in piazza Garibaldi
Cagliari. Una fase della Notte-2018 in piazza Garibaldi

Allegati

Ultime notizie

22 ottobre 2019

Borse di studio Fulbright

Opportunità di studio, ricerca e insegnamento negli Stati Uniti per studenti, laureati, dottorandi, ricercatori e docenti universitari. Martedì 29 ottobre la presentazione dei nuovi bandi nell’ex teatro anatomico di via Ospedale 121 a Cagliari

22 ottobre 2019

I numeri più aggiornati sull'immigrazione in Sardegna

Giovedì 24 ottobre a partire dalle 10.30 nell'Aula magna Maria Lai di via Nicolodi il Centro Studi di Relazioni Industriali diretto da Piera Loi ospita la presentazione del Dossier IDOS, il rapporto socio-statistico che vanta la più lunga serie ininterrotta di pubblicazioni annuali sul fenomeno migratorio in Italia. I dati saranno illustrati dalla Consigliera di Parità della Regione Sardegna Maria Tiziana Putzolu, e immediatamente commentati

22 ottobre 2019

DoMoMEA, lo stato dell’arte

Venerdì 25 ottobre nell’Aula magna di via Marengo la presentazione degli avanzamenti del progetto Cluster Top-Down finanziato da Sardegna Ricerche sulla Tele-riabilitazione domiciliare neuromotoria a favore dei soggetti con esiti di ictus cerebrale a disabilità moderata mediante dispositivi elettronici avanzati. Intervengono Danilo Pani, Marco Monticone, Andrea Cereatti e il team dei ricercatori coinvolti delle Università di Cagliari e di Sassari

Questionario e social

Condividi su: