UniCa UniCa News Notizie Notte europea dei ricercatori. Giovani, ateneo, città, enti e territorio: sfida vincente

Notte europea dei ricercatori. Giovani, ateneo, città, enti e territorio: sfida vincente

Il 27 settembre, dopo il successo del 2018 con oltre diecimila visitatori, la serata dedicata alla scienza con l'Università nel cuore di Cagliari. Ricerca, sviluppo e arte sono i temi chiave dell’evento che fa capo al progetto Sharper. Forte interazione con il pubblico tra spettacoli, area bambini, mostre, rappresentazioni e dibattiti aperti
28 agosto 2019
La scienza e la città. La forza di un messaggio e di un evento che qualifica e accredita

A Cagliari e Nuoro un universo scientifico in divenire a disposizione dei cittadini con un occhio di riguardo alle nuove generazioni

Mario Frongia

  

Venerdì 27 settembre, dalle 16 alle 24 piazza Garibaldi, ma anche la scuola “Alberto Riva”, la Manifattura tabacchi in viale Regina Margherita e i Geo-musei in via Trentino ospitano un evento senza eguali. La Notte europea dei ricercatori fa capo al progetto europeo Sharper (Sharing researchers’ passions for evidences and resilience) “European researcher’s night” e coinvolge gli specialisti di dodici dipartimenti e di vari centri di ricerca. Dopo il successo della scorsa edizione con la partecipazione di oltre diecimila visitatori, la Notte torna con installazioni artistiche, mostre interattive, attività per bambini e ragazzi, laboratori, concerti, conferenze. In scaletta oltre 70 interventi e 30 gazebo in piazza. Con il pubblico che potrà immergersi nel mondo della ricerca e stare a stretto contatto con i ricercatori. Verranno presentate le attività a studenti, cittadini e imprese. La manifestazione viene seguita con trasmissioni in diretta da UnicaRadio.it ed è curata dall’Università del capoluogo e dalla sezione di Cagliari dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). La Notte mira a coinvolgere i cittadini nella quotidianità dei ricercatori e del ruolo che ricoprono nel contribuire alla costruzione del futuro della società. Peraltro, la manifestazione andrà in scena in concomitanza anche a Nuoro con una serie di eventi.

Cagliari. Un'immagine tratta dall'ultima edizione della Notte dei ricercatori
Cagliari. Un'immagine tratta dall'ultima edizione della Notte dei ricercatori

Menu allettante e suggestivo. Dalle nanoparticelle ai menhir ma anche teleriabilitazione, cannabis e cervello, ambiente e sicurezza

Dalla materia oscura alle nanoparticelle passando per acqua, menhir, alieni, teleriabilitazione, economia circolare, disuguaglianze, sicurezza, scene del crimine, ambiente, cultura e territorio, antichi testi sardi, automazione, cannabis e cervello, scimmie e diritto d’autore, carcinomi e genetica. Questi sono solo alcuni degli ingredienti dei seminari divulgativi tenuti dai ricercatori nelle scuole primarie e secondarie nelle attività di natura artistica e scientifica alla Manifattura tabacchi. La scaletta della manifestazione prevede le “Quattro chiacchiere con i ricercatori”, a cura dell’ateneo e dell’Infn di Cagliari, l’Area kids (esperimenti e attività per bambini), gli European corner (opportunità a sostegno della ricerca e programma Maria Curie). Inoltre, dal 20 al 28 settembre, si tengono una serie di attività al confine tra arte e scienza alla Manifattura Tabacchi. Tra queste l’installazione “Museum of the moon” di Luke Jerram e la mostra interattiva “L’universo a portata di mano” a cura dell’Infn. Di forte interesse anche “Aspettando la notte”, seminari che dal 23 al 26 settembre si tengono nelle scuole secondarie Giua, Pacinotti, Euclide, Convitto nazionale e Alberti. In calendario anche “Ricercatori alla spina” il 25 settembre e, il giorno seguente, la conferenza-incontro con Luna Rossa Prada Pirelli team.

 

Curiosità, intuito, destrezza: la scienza che avvicina i giovani con linguaggi appropriati
Curiosità, intuito, destrezza: la scienza che avvicina i giovani con linguaggi appropriati

Partner&sponsor. Coinvolgimento e inclusione per la scienza a portata di mano

 L’evento è organizzato da Università di Cagliari e sezione locale dell’Infn con il coinvolgimento di Regione Sardegna, Comune di Cagliari e Nuoro, Sardegna Ricerche, 10Lab, Istituto nazionale astrofisica (Inaf), Crs4, Sardegna Teatro, Manifattura Tabacchi, Associazione laboratorio scienza, Associazione ScienzaSocietàScienza, complesso didattico Santa Caterina, Associazione Coderdojo Quartu, Associazione Ideas, Cnr-Iom, Ctm, Ris-Carabinieri, Polizia, Comando provinciale Vigili del fuoco. Il progetto è finanziato dall’Assessorato regionale pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport nell’ambito del bando Por-Fesr 2014-2020 e dall’Assessorato comunale cultura e spettacolo.

Informazioni: www.unica.it
 

Cagliari. Pubblico eterogeneo agli eventi tenutisi per la Notte del 2018 in piazza Garibaldi
Cagliari. Pubblico eterogeneo agli eventi tenutisi per la Notte del 2018 in piazza Garibaldi

Allegati

Ultime notizie

23 gennaio 2020

Master internazionale avanzato in tecnologie Smart Grid

L'Ateneo di Cagliari, l'Università di Cipro e l'Università di scienze applicate della Macedonia occidentale (Grecia) grazie al Progetto MOST di Erasmus+ lanciano un programma di specializzazione, mirato e altamente competitivo, nel campo delle tecnologie rinnovabili, fotovoltaiche e delle reti intelligenti. Tutti i dettagli sul sito www.smartgridsmaster.eu

23 gennaio 2020

Monifive, tecnologia avanzata a favore della collettività

Il brillante progetto dei ricercatori dell’Università di Cagliari risponde con efficacia a esigenze reali e quotidiane. Dalla sicurezza alla gestione di luoghi, eventi pubblici e acqua. “Le tecnologie Internet of things e Blockchain, il segnale 5G con il piazzamento dei dispositivi di sensing offrono informazioni trasversali nel pieno rispetto della privacy” spiega Luigi Atzori  a capo degli studi e responsabile del laboratorio di Multimedia and communications

22 gennaio 2020

Canne e alghe? Utili alla spiaggia

Su “L’Unione Sarda” l’intervento di Sandro Demuro, docente di Morfodinamica e conservazione dei litorali, a proposito della Posidonia oceanica e delle canne depositate sulla spiaggia del Poetto. Uno strumento utilissimo per comprendere le dinamiche e i fenomeni in atto, con l’Ateneo che conferma il suo ruolo guida nella disseminazione e nella divulgazione della ricerca scientifica. In una parola, la Terza missione

21 gennaio 2020

La cucina incontra la scienza

TERZA MISSIONE: Germano Orrù, ordinario di Scienze tecniche mediche applicate al Dipartimento di Scienze chirurgiche, Alessandra Scano e Sara Fais, borsiste di ricerca di UniCa, intervengono mercoledì 22 gennaio a Sant’Antioco ad un seminario sugli alimenti funzionali della tradizione sarda nell’ambito di un progetto attivato dall’Istituto Professionale Enogastronomico IPIA “Emanuela Loi”. Grazie alla ricerca scientifica, crescono la sinergia con le scuole e l'interazione con il territorio

Questionario e social

Condividi su: