UniCa UniCa News Notizie Insegnante di sostegno, una figura fondamentale

Insegnante di sostegno, una figura fondamentale

In Aula Capitini l’appassionato intervento del Rettore Maria Del Zompo all’avvio del corso di specializzazione diretto da Antonello Mura e organizzato dal CEDIAF: l’Ateneo assicura formazione di alto livello per rispondere ad una richiesta del mondo della scuola e della Regione. Il ringraziamento di Francesco Feliziani, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale: “State facendo uno sforzo organizzativo enorme per colmare una parte dei 2mila posti scoperti in organico”. Poco prima, l'inaugurazione del Centro di servizi di Ateneo per la didattica e l’inclusione nell’alta formazione delle professionalità educative. Resoconto, IMMAGINI e VIDEO con la RASSEGNA STAMPA e il servizio nel TG della RAI
03 luglio 2019
L'intervento del Rettore al corso di specializzazione per insegnanti di sostegno

Alla selezione per accedere al corso di specializzazione hanno partecipato più di 2mila candidati. In 258 seguiranno ora le lezioni garantite da 14 docenti universitari e 60 docenti esterni. Previste anche 300 ore di tirocinio e 180 di laboratorio

Sergio Nuvoli

Cagliari, 2 luglio 2019 - “Avete un compito importantissimo: avrete a che fare con bambini e ragazzi che hanno una grandissima voglia di vivere e di imparare”. Così Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, si è rivolta questa sera ai 258 docenti – di scuole di ogni ordine e grado – che hanno affollato l’Aula Capitini per l’avvio del corso di specializzazione per insegnanti di sostegno, organizzato dal Centro di servizi di Ateneo per la didattica e l’inclusione nell’alta formazione delle professionalità educative (CEDIAF), diretto da Antonello Mura.

“Manu Invisible ha scritto in quest’aula ‘apprendimento’ e ‘conoscenza’ – ha ripreso il Magnifico - Questo è l’inizio del corso, ma serve davvero la vostra voglia di imparare e crescere. Su alcune cose non avrete un compito semplice, ve lo anticipo. Insegno neuroscienze, e so bene quanto siano complicati i meccanismi della mente. Voi dovete avere passione: il vostro è un mestiere importante, ma non può essere fatto pensando al cartellino da timbrare. Se siete così lasciate subito perdere: diventerebbe un’angoscia per tutti: per voi, per i bambini e le famiglie. Fate una cosa molto seria”. Il corso sarà concluso entro marzo: sono 60 i collaboratori esterni coinvolti, 14 i docenti universitari, oltre alle lezioni frontali (che si svolgeranno una parte in ateneo e una parte nelle scuole) sono previste 180 ore di laboratorio e 300 di tirocinio.

Maria Del Zompo e Antonello Mura, direttore del CEDIAF e responsabile del corso di specializzazione
Maria Del Zompo e Antonello Mura, direttore del CEDIAF e responsabile del corso di specializzazione
Una parte dell'intervento del Rettore

Antonello Mura, direttore CEDIAF: "E' un’occasione importante non solo per i processi di inclusione essenziali nella scuola, ma anche perché nel nostro territorio regionale ci sono circa 2mila cattedre scoperte in questo ruolo"

“Si tratta di un’occasione importante non solo per i processi di inclusione essenziali nella scuola – ha sottolineato Antonello Mura, direttore CEDIAF è responsabile del corso - ma anche perché nel nostro territorio regionale ci sono circa 2mila cattedre scoperte in questo ruolo. E’ un’iniziativa di respiro culturale molto ampio, ma che risponde anche a bisogni specifici a cui bisogna assicurare il supporto competente perché si realizzi la formazione di tanti bambini e ragazzi. Per questo questa terza edizione conta 110 persone in più rispetto alla precedente. Uno sforzo notevole, una sfida a cui il nostro ateneo non si è sottratto per rispondere a una precisa richiesta che saliva dal mondo della scuola e dalla Regione”.

Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale
Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale
GUARDA IL SERVIZIO DI MARIA VALERIA VENDEMMIA NEL TG DELLA RAI DELLE 19.35 DEL 2 LUGLIO 2019

Il ringraziamento di Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale: "L'Università di Cagliari sta facendo uno sforzo enorme per rispondere ad un'esigenza molto sentita. Resta per la scuola un grande problema di reclutamento"

“La figura specialistica che formiamo è importantissima – ha proseguito Mura - perché ha rotto gli schemi nella scuola italiana che si è innovata profondamente per questo motivo”.

“Siamo noi che ringraziamo l’Università di Cagliari – ha evidenziato Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale - perché sta facendo uno sforzo organizzativo enorme per aiutarci a colmare i 2mila posti scoperti in Sardegna: bambini e ragazzi che in parte resteranno comunque senza insegnante specializzato di sostegno. La scuola oggi ha un grande problema di reclutamento: siete 258 su oltre 2mila domande presentate, ma per assumervi nella scuola saranno necessarie ancora altre procedure di reclutamento”.

L'Aula Capitini ha ospitato l'avvio del corso di specializzazione
L'Aula Capitini ha ospitato l'avvio del corso di specializzazione

Nel pomeriggio il taglio del nastro al CEDIAF, il Centro di servizi di Ateneo per la didattica e l’inclusione nell’alta formazione delle professionalità educative: un altro successo targato UniCa

Poco prima dell’avvio delle lezioni, il Rettore ha inaugurato i locali del CEDIAF, il Centro di servizi di Ateneo per la didattica e l’inclusione nell’alta formazione delle professionalità educative, alla presenza del direttore Antonello Mura, del Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu, della Presidente di Studi umanistici Rossana Martorelli e della Dirigente Direzione Didattica Pina Locci. Alla breve cerimonia hanno partecipato anche alcuni docenti e la responsabile della Segreteria del Centro Alessia Farci.

CEDIAF: il taglio del nastro
CEDIAF: il taglio del nastro

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di venerdì 5 luglio 2019
Cagliari (Pagina 16 - Edizione CA)
Un corso per insegnanti di sostegno
UNIVERSITÀ. Duemila candidati per 258 posti

«Avete un compito importantissimo, da svolgere con bambini e ragazzi che hanno una grandissima voglia di vivere e di imparare». Con queste parole di Maria Del Zompo, rettrice dell'Università, ha preso il via ieri pomeriggio nell'aula Capitini il corso di specializzazione per gli insegnanti di sostegno, organizzato dal Centro di servizi di Ateneo per la didattica e l'inclusione nell'alta formazione delle professionalità educative (Cediaf), diretto da Antonello Mura. Sui banchi 258 partecipanti, che hanno superato la selezione su oltre duemila candidati.
«Manu Invisible ha scritto in quest'aula apprendimento e conoscenza », ha ripreso Del Zompo riferendosi alle parole affrescate dall'artista sulle pareti dell'aula: «Questo è solo l'inizio del corso, ma serve davvero la vostra voglia di imparare e crescere. Insegno neuroscienze, e so bene quanto siano complicati i meccanismi della mente. Dovete avere passione: il vostro è un mestiere importante, ma non può essere fatto pensando al cartellino da timbrare».
Il corso sarà concluso entro marzo: sono 60 i collaboratori esterni coinvolti, 14 i docenti universitari. Oltre che le lezioni frontali, sono previste 180 ore di laboratorio e 300 di tirocinio.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

Link

Ultime notizie

22 agosto 2019

LA TUA SCELTA E’ UNICA

Iscriviti all’Università di Cagliari: scopri con noi tutti i corsi di laurea, le modalità e tutti i riferimenti utili per vivere un’esperienza davvero UniCa, i servizi ai nostri studenti, come fare per ottenere l’esonero dal pagamento delle tasse e come conquistare i premi al merito disponibili nel nostro Ateneo. PERCHE' STUDIARE CONVIENE. Tutto quello che c'è da sapere, con il servizio andato in onda nel TG della RAI

09 agosto 2019

Notte europea dei ricercatori. Giovani, ateneo, città, enti e territorio: sfida vincente

Il 27 settembre, dopo il successo del 2018 con oltre diecimila visitatori, la serata dedicata alla scienza con l'Università nel cuore di Cagliari. Ricerca, sviluppo e arte sono i temi chiave dell’evento che fa capo al progetto Sharper. Forte interazione con il pubblico tra spettacoli, area bambini, mostre, rappresentazioni e dibattiti aperti

09 agosto 2019

Quattro milioni di italiani fanno i conti col cancro. Se ne parla a Cagliari al congresso dei chirurghi oncologi

L’evento Sico è presieduto da Piergiorgio Calò e Massimo Dessena e si terrà dall’8 al 10 settembre con focus su prevenzione, diagnosi precoce, giovani chirurghi, ricerca, metodiche e terapie innovative. Prevista la partecipazione delle associazioni dei malati, del rettore Maria Del Zompo e del pro rettore Francesco Marongiu, dei vertici di Aziende sanitarie, Comune, Regione e principali società scientifiche.L’evento si terrà al Teatro Massimo e al THotel

Questionario e social

Condividi su: