UniCa UniCa News Notizie Posidonia oceanica, istruzioni per l’uso

Posidonia oceanica, istruzioni per l’uso

Dalla tesi di Marinella Passarella per il dottorato di ricerca internazionale “International Phd in Innovation Science and Technology, Methods and Systems for the Environmental Protection”, effettuata all’Università di Cagliari in collaborazione con l’University of Auckland (Nuova Zelanda) e discussa con Sandro Demuro, emergono importanti evidenze scientifiche: misurata per la prima volta al mondo la risalita delle onde sulla spiaggia alla presenza di depositi di vegetazione sottomarina. La rimozione deve tenere conto di numerosi fattori, da monitorare con attenzione, perché i depositi incidono sulla idrodinamica della battigia. RASSEGNA STAMPA
08 marzo 2019
Marinella Passarella durante una fase della ricerca confluita nella tesi del dottorato di ricerca internazionale

L’importante ricerca è stata anche finanziata in aggiunta dal Progetto NEPTUNE (Natural Erosion Prevision Through Use of Numerical Environment) L. R. 7.08.2007, N.7

Sergio Nuvoli

Cagliari, 8 marzo 2019 - Per la prima volta al mondo sono state effettuate misurazioni del fenomeno di risalita delle onde sulla spiaggia alla presenza di depositi derivanti da vegetazione sottomarina, come la Posidonia oceanica: i risultati mostrano che i depositi di vegetazione hanno un’influenza sulle onde del mare che oscillano sulla battigia. Quindi la presenza dei depositi derivanti da vegetazione sottomarina incide sull’idrodinamica che avviene sulla battigia stessa e, quindi possibilmente, sul trasporto di sedimenti costieri e sulla morfodinamica delle spiagge ad essa collegate.

E’ una delle evidenze scientifiche che emergono dalla tesi del dottorato di ricerca internazionale “International Phd in Innovation Science and Technology, Methods and Systems for the Environmental Protection” dell’Università degli Studi di Cagliari, conseguito da Marinella Passarella nei giorni scorsi con il supporto di una borsa di studio finanziata con le risorse del P.O.R. SARDEGNA F.S.E. 2007-2013, e seguita dal relatore Sandro Demuro, docente dell’Ateneo del capoluogo sardo.

Sandro Demuro durante un'intervista al TgR della RAI
Sandro Demuro durante un'intervista al TgR della RAI

La rimozione degli accumuli di materiale derivante da vegetazione sottomarina dovrà tenere conto dell’impatto sulla naturale idrodinamica della battigia, dei relativi fenomeni di trasporto dei sedimenti e della morfodinamica costiera ad essa collegata

La rimozione degli accumuli di materiale derivante da vegetazione sottomarina dovrà quindi - alla luce degli studi compiuti e delle misurazioni fatte sul campo - tenere conto dell’impatto sulla naturale idrodinamica della battigia, dei relativi fenomeni di trasporto dei sedimenti e della morfodinamica costiera ad essa collegata che potrebbero esserne impattati. Le nuove evidenze scientifiche ottenute dallo studio si aggiungono alla consapevolezza – insita da tempo nei ricercatori del settore - dell’importante ruolo che gli accumuli di materiale derivante da vegetazione sottomarina hanno per le spiagge.

La ricerca della dottoressa Passarella ha fornito innovative formulazioni del fenomeno della risalita delle onde sulla spiaggia contribuendo a migliorarne le esistenti previsioni, mediante l’impiego di moderne tecniche di Machine Learning (apprendimento automatico da parte di algoritmi). Gli esperimenti effettuati su spiaggia sabbiosa hanno rilevato che in caso di accumulo di detriti di vegetazione sottomarina, come la Posidonia oceanica, il fenomeno di risalita delle onde sulla spiaggia risulta spostato verso il largo, specie se confrontato con una zona di spiaggia vicina libera da accumuli di Posidonia oceanica.

Un'immagine a corredo delle rilevazioni effettuate per la tesi di dottorato
Un'immagine a corredo delle rilevazioni effettuate per la tesi di dottorato

Le formule proposte dalla dott.ssa Passarella consentono di ridurre gli errori di previsione rispetto alle parametrizzazioni largamente utilizzate finora, usando un’ampia banca dati di esperimenti realizzati su spiagge di tutto il mondo

Il lavoro di ricerca per la stesura della tesi intitolata “On the Prediction of Swash Excursion and the Role of Seagrass Beach-cast Litter: Modelling and Observations”, è stato svolto in collaborazione con l’University of Auckland, Nuova Zelanda, dove Marinella Passarella ha trascorso 3 mesi studiando con il mentore professor Giovanni Coco all’interno del programma GLOBUSDOC dell’Università degli Studi di Cagliari, ed in parte con l’University of North Carolina, USA. L’importante ricerca è stata anche finanziata in aggiunta dal Progetto NEPTUNE (Natural Erosion Prevision Through Use of Numerical Environment) L. R. 7.08.2007, N.7., che ha provveduto all’acquisto di avanzata strumentazione scientifica ed al finanziamento delle numerose ed essenziali campagne di ricerca in mare e costiere.

I risultati dello studio condotto per la tesi di dottorato hanno una rilevanza non solo scientifica, ma anche pratico-applicativa al management costiero e di azzardi naturali derivanti anche dai cambiamenti climatici: infatti, il fenomeno di risalita delle onde sulla spiaggia viene utilizzato, fra gli altri, come parametro per valutare e predire la vulnerabilità costiera. Le formule proposte dalla dott.ssa Passarella consentono di ridurre gli errori di previsione rispetto alle parametrizzazioni largamente utilizzate finora, usando un’ampia banca dati di esperimenti realizzati su spiagge di tutto il mondo.

Dalla tesi del dottorato di ricerca di Marinella Passarella
Dalla tesi del dottorato di ricerca di Marinella Passarella

RASSEGNA STAMPA

L’Unione Sarda di sabato 9 marzo 2019
Prima Cagliari (Pagina 21 - Edizione CA)
Vietato rimuovere le alghe dalle spiagge
UNIVERSITÀ. Un dottorato di ricerca internazionale

La rimozione delle posidonie (quelle che vengono definite alghe) deve tenere conto del fatto che questa provoca cambiamenti nell'idrodinamica del mare. È la nuova dimostrazione dell'importanza del ruolo che hanno le posidonie nelle spiagge. La conferma arriva da Marinella Passarella, seguita dal relatore Sandro Demuro, che ha redatto la tesi del dottorato di ricerca internazionale “International Phd in innovation science and technology, methods and systems for the environmental protection” dell'Università di Cagliari.
Per la prima volta al mondo sono state effettuate misurazioni del fenomeno di risalita delle onde sulla spiaggia alla presenza di depositi derivanti da vegetazione sottomarina: i risultati mostrano che i depositi di vegetazione hanno un'influenza sulle onde del mare che oscillano sulla battigia. Gli esperimenti effettuati su spiaggia sabbiosa hanno rilevato che, in caso di accumulo di posidonie, il fenomeno di risalita delle onde sulla spiaggia risulta spostato verso il largo. Il lavoro di ricerca per la stesura della tesi intitolata “On the prediction of swash excursion and the role of seagrass beach-cast litter: modelling and observations”, è stato fatto in collaborazione con l'University of Auckland (Nuova Zelanda), dove Passarella ha trascorso 3 mesi studiando con Giovanni Coco.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

Link

Ultime notizie

27 ottobre 2021

Nobel per la Fisica 2021, riconoscimento importante per tutta la scienza italiana

Mercoledì 27 ottobre, alle 14,30, evento divulgativo nell’Aula A del Dipartimento di Fisica e in streaming sulla piattaforma Zoom. Per l’Università di Cagliari intervengono il prorettore alla Ricerca, Luciano Colombo, e il direttore del Dipartimento di Fisica, Gianluca Usai, con Enzo Marinari (Università La Sapienza, Roma) e Piero Olla (Isac-Cnr, Cagliari)

27 ottobre 2021

LE INTERVISTE DI UNICANEWS Caro studente, ti scrivo

Il presidente dell’Ordine dei medici, Giuseppe Chessa, ha scritto una lettera aperta alle matricole che si apprestano a frequentare la facoltà che conduce al giuramento di Ippocrate. L’occasione permette di tastare il polso a una delle professioni cardine di un sistema assistenziale evoluto e inclusivo. “I giovani che si affacciano alla facoltà di medicina sono parte fondamentale del domani del nostro Paese. Un futuro più vicino di quanto spesso non si pensi”

25 ottobre 2021

L'Orto botanico festeggia i 400 anni di UniCa

Si concludono mercoledì 27 ottobre alle 10.30 gli appuntamenti organizzati dalla Facoltà di Biologia e Farmacia per l'anniversario dell'Università di Cagliari con una visita guidata al polmone verde del nostro Ateneo e al l Museo Herbarium. Ad accompagnare i partecipanti il direttore dell'Orto Gianluigi Bacchetta e la docente di Botanica Annalena Cogoni

25 ottobre 2021

Ricerca, territorio e innovazione: l’Università di Cagliari capofila per la formazione avanzata nei trasporti del Mediterraneo

I simulatori di CentraLabs nel progetto da tre milioni e mezzo di euro con il Cirem capofila. Dalle gru portainer a bus e camion, logistica, competitività e performance di addetti portuali e autotrasporto. “La leadership dei colleghi è riconosciuta a livello mondiale” dice Francesco Mola. “Un passo strategico di rilievo” aggiunge Alessandra Carucci. “Dopodomani si parte con il kickoff meeting” spiega Gianfranco Fancello. “La ricerca si chiude nel gennaio 2024” rimarca Patrizia Serra

Questionario e social

Condividi su: