UniCa UniCa News Notizie Elisabetta Cotti portavoce per l’Europa dell’Ifea

Elisabetta Cotti portavoce per l’Europa dell’Ifea

La docente dell’Università di Cagliari è stata eletta durante l’assemblea tenutasi a Seoul della Federazione internazionale di endodonzia. La scuola cagliaritana brilla anche per la borsa di studio ottenuta dallo specialista Davide Musu, affiliato alla cattedra di Conservativa
21 gennaio 2019
Seoul. Elisabetta Cotti durante l'intervento all'assemblea annuale dell'Ifea

Endodonzia, visibilità e reputazione internazionale per l'Università di Cagliari

Mario Frongia

Ordinario di Odontoiatria conservativa nel corso di laurea in Odontoiatria e protesi dentale, Elisabetta Cotti è stata eletta dall’assemblea Ifea (Federazione internazionale di endodonzia) Regent per l’Europa. Per il prossimo biennio la professoressa ha l’incarico di portavoce dei paesi europei per la Federazione. La nomina è stata decretata durante il congresso che si è svolto a Seoul lo scorso ottobre. Responsabile del reparto di Odontoiatria conservativa dell’Azienda ospedaliera universitaria di Cagliari, dal 2013 dirige il master di secondo livello in Endodonzia clinica e chirurgica dell’ateneo del capoluogo. Elisabetta Cotti fa capo al dipartimento di Scienze chirurgiche diretto da Piergiorgio Calò.

 

Elisabetta Cotti con i delegati della Società italiana di endodonzia, Roberto Fornara e Filippo Cardinali
Elisabetta Cotti con i delegati della Società italiana di endodonzia, Roberto Fornara e Filippo Cardinali

Odontoiatria e scuola di medicina dell'ateneo. Un percorso di qualità

Laureata in Odontoiatria all’Università di Cagliari, Elisabetta Cotti si è specializzata in Endodonzia alla Loma Linda University (contea di San Bernardino, California) nel 1990. Nel college statunitense ha conseguito anche il master in Science in endodontics. Oltre agli impegni clinici, di ricerca e didattici svolti nell’ateneo del capoluogo, insegna nel master di Endodonzia dell’Università di Bologna ed è Lecturer nel reparto di Endodonzia dell’Università Loma Linda. La professoressa è socia dell’American association of endodontists. Nella scuola di Elisabetta Cotti è maturato anche Davide Musu. Il giovane odontoiatra affiliato con la cattedra di Conservativa ha ottenuto una borsa di ricerca Ifea per un progetto sull’”Uso dell’ecografia per tracciare le fistole di natura odontogena”. Il dottor Musu nel 2016 è stato premiato a Pisa durante il congresso nazionale dell’Accademia italiana di endodonzia per la migliore tesi di laurea nella disciplina. Il lavoro presentato nasceva anche da una collaborazione tra Elisabetta Cotti (Odontoiatria conservativa ed endodonzia dell’ Università di Cagliari) e Giampiero Rossi-Fedele (direttore Endodonzia, università di Adelaide, Australia), nell’ambito di un progetto Globus varato dall’ateneo isolano.

 

 

Davide Musu e Elisabetta Cotti durante i lavori dell'Accademia italiana di endodonzia
Davide Musu e Elisabetta Cotti durante i lavori dell'Accademia italiana di endodonzia

Le borse di studio e e le attività di formazione e aggiornamento dell'Ifea

Fondata nel 1990 negli Stati Uniti, la Federazione internazionale di endodonzia, raggruppa le associazioni mondiali del settore e ha lo scopo di effettuare il coordinamento delle società scientifiche della materia nei vari paesi e di promuovere lo scambio culturale. L’Ifea ha attivato un programma di mobilità interuniversitaria per docenti e studiosi ed promuove ogni anno due borse di studio.

Da sinistra, Elisabetta Cotti, Maria Del Zompo (rettrice Università Cagliari), Gloria Denotti (docente Odontoiatria pediatrica, Cagliari) e Giorgio Sorrentino (direttore generale Azienda ospedaliera universitaria, Cagliari)
Da sinistra, Elisabetta Cotti, Maria Del Zompo (rettrice Università Cagliari), Gloria Denotti (docente Odontoiatria pediatrica, Cagliari) e Giorgio Sorrentino (direttore generale Azienda ospedaliera universitaria, Cagliari)

Ultime notizie

27 gennaio 2020

GIORNATA DELLA MEMORIA, il contributo dell’Ateneo

Per ricordare la Shoah lunedì 27 gennaio al mattino all’incontro istituzionale nell’Auditorium del Conservatorio l’intervento del Rettore Maria Del Zompo e di Aldo Accardo, ordinario di Storia contemporanea. Al pomeriggio seminario di approfondimento organizzato dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali nell’ex Aula magna di Scienze della Terra. LA NOTIZIA DELLE INIZIATIVE dell'Università degli Studi di Cagliari anche su "LA REPUBBLICA"

27 gennaio 2020

PER NON DIMENTICARE

Prestigiosa iniziativa culturale del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali dopo la mattinata organizzata dalla Prefettura al Conservatorio di Cagliari con gli alunni delle scuole di Cagliari. Il Rettore Del Zompo, interrotta dagli applausi: “Non ci sono più razze, ne esiste solo una: quella umana. Esiste però certamente il razzismo: per questo serve una forte presa di coscienza collettiva”. Rossana Martorelli, Presidente di Studi umanistici: “E’ importante l’educazione del senso umano, la nostra facoltà vuol dare il suo contributo”. Ignazio Putzu, Direttore del Dipartimento: “Il momento che viviamo richiama tutti a particolari responsabilità etiche e morali: la memoria è un testimone che non possiamo lasciare cadere”. Resoconto, IMMAGINI e VIDEO

26 gennaio 2020

Master in endodonzia clinica e chirurgica, l’ateneo all’avanguardia

La cerimonia di chiusura si è tenuta in rettorato. “Mi compiaccio per la vitalità e la qualità del vostro lavoro” ha detto Maria Del Zompo. “Siamo onorati di aver chiuso l’anno in aula magna” ha aggiunto Elisabetta Cotti. In Cittadella universitaria a Monserrato la concomitante apertura del percorso innovativo 2020/21

24 gennaio 2020

Abusi stupefacenti

Il Corriere della Sera pubblica un dialogo tra il farmacologo Gaetano Di Chiara, professore emerito di Farmacologia all’Università di Cagliari e presidente onorario della Società Italiana tossicodipendenze (Sitd), e il sociologo Luigi Manconi, senatore per tre legislature, all’interno di un focus su droghe, alcol e dipendenze. Manconi: la cannabis va sottoposta alle stesse regole di alcol e tabacco. Di Chiara: no, fa male, molto male

Questionario e social

Condividi su: