UniCa UniCa News Notizie CyberChallenge 2019, al via la sfida nazionale riservata alle nuove generazioni

CyberChallenge 2019, al via la sfida nazionale riservata alle nuove generazioni

Si sono aperte il 4 dicembre scorso e si chiudono il 20 gennaio le iscrizioni per i giovani talenti tra i 16 e i 23 anni pronti a cimentarsi nella sicurezza del mondo informatico. Giorgio Giacinto e il PraLab del dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, riferimenti dell’Università di Cagliari
17 dicembre 2018
Cagliari. Studenti a lezione al Dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica

A caccia di cyber defender. Le nuove frontiere della sicurezza informatica

Mario Frongia

Sono aperte fino al 20 gennaio le iscrizioni alla terza edizione di CyberChallnge.IT 2019. Il primo programma italiano di addestramento alla cybersecurity è riservato a giovani di talento tra i 16 e i 23 anni, frequentanti le scuole superiori e le università. La partecipazione è gratuita.

 

Il futuro, tra cibernetica, sicurezza e professionalità. Le buone pratiche degli specialisti dell'ateneo di Cagliari
Il futuro, tra cibernetica, sicurezza e professionalità. Le buone pratiche degli specialisti dell'ateneo di Cagliari

Diee e PraLab, punti di forza dell'ateneo di Cagliari in un settore strategico per aziende, banche, poste, assicurazioni, enti pubblici e forze dell'ordine

Il 4 dicembre scorso si sono aperte le iscrizioni per cyberchallenge.it. Il progetto nasce all’interno del Laboratorio nazionale di cyberSecurity del Cini (Consorzio interuniversitario nazionale informatica) ed è supportato dal Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica (presidenza Consiglio dei ministri). Cyberchallenge.IT è una sfida per scovare ed eliminare le vulnerabilità del software attraverso un programma di addestramento che si svolgerà in diciassette sedi universitarie italiane. Anche l’ateneo di Cagliari sarà sede di addestramento nei laboratori Lidia della facoltà di Ingegneria e architettura. Il programma - prevista la partecipazione di docenti e ricercatori del Diee (Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica) e del Dipartimento di matematica e informatica - viene coordinato da Giorgio Giacinto e Davide Maiorca. La partecipazione dell’Università del capoluogo al progetto è un ulteriore tassello nella creazione sul territorio di opportunità formative nella cybersecurity. Il settore è in continua evoluzione e richiede competenze utili in vari ambiti produttivi, dalle imprese agli studi professionali, la pubblica amministrazione, le forze dell’ordine, gli istituti di credito e finanziari.

 

Giorgio Giacinto, docente del Diee, in primo piano con le attività di ricerca e formazione al PraLab
Giorgio Giacinto, docente del Diee, in primo piano con le attività di ricerca e formazione al PraLab

Da gennaio a giugno del prossimo anno si susseguono le varie fasi del programma CyberChallenge 2019

Il programma è suddiviso in diverse fasi. Fino al 20 gennaio 2019 sarà possibile iscriversi on-line. Dal 23 al 25 gennaio si svolgerà un pre-test online che selezionerà i partecipanti al test di ammissione che si svolgerà il 1° febbraio nei laboratori Lidia. I giovani selezionati parteciperanno alle sessioni di addestramento che si tengono da marzo a maggio. Il 6 giugno si terrà con la prova di qualificazione, il giorno seguente sono previste le premiazioni. Inoltre, fra gli allievi ne verranno selezionati alcuni che prenderanno parte alla sfida nazionale il 27 giugno e alla cerimonia di premiazione che si svolgerà il 28 giugno. Per partecipare, oltre a un’età compresa tra 16 e 23 anni, è necessaria una conoscenza approfondita dei linguaggi C/C++, una buona conoscenza della lingua inglese e, come auspicano gli organizzatori, occorre curiosità, creatività e dinamicità.

Informazioni: https://cyberchallenge.it/venue/unica

Cagliari, 17 dicembre 2018

Il PraLab lavora allo sviluppo di sistemi di “pattern recognition” per applicazioni biometriche, di video sorveglianza, intelligenza d’ambiente e di sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche
Il PraLab lavora allo sviluppo di sistemi di “pattern recognition” per applicazioni biometriche, di video sorveglianza, intelligenza d’ambiente e di sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche

Ultime notizie

29 novembre 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde

29 novembre 2021

Un secolo di Moto Guzzi e Alfa Romeo. Evento nel polo universitario di via Marengo

Giovedì 2 dicembre 2021, in collaborazione con la facoltà di Ingegneria e Architettura, l’associazione Automoto d'epoca Sardegna organizza una conferenza per celebrare i cento anni della Moto Guzzi e i centoundici anni dell'Alfa Romeo. Nell’occasione il piazzale del campus ospiterà un’interessante esposizione di motociclette e auto storiche messe a disposizione da collezionisti e appassionati sardi

29 novembre 2021

Pietro Ciarlo Costituzionalista emerito

Il docente è stato nominato a larga maggioranza dal dipartimento di Giurisprudenza. Tra gli esperti di diritto costituzionale, già preside e prorettore dell’Università di Cagliari, in quarant’anni di ricerca, consulenze e indirizzo ha affrontato i temi più caldi e dibattuti. Tra questi, federalismo, riforma della Costituzione, epidemia e didattica, legislazione regionale. Consulente di enti pubblici e governativi, da commissario ad acta nel 1995 ha curato la nomina dei direttori generali delle Asl sarde

28 novembre 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

Questionario e social

Condividi su: