UniCa UniCa News Notizie Unica Radio, prima emittente radiofonica universitaria in Italia a trasmettere in Dab+

Unica Radio, prima emittente radiofonica universitaria in Italia a trasmettere in Dab+

La webradio degli studenti dell'ateneo di Cagliari, protagonista nei principali eventi, coopera con il corso di laurea in Scienze della comunicazione ed è stata co-partner anche della Notte dei ricercatori. Dal 10 dicembre entra per prima nel mondo del digitale. L'emittente è anche sulla piattaforma streaming Spotify.
13 dicembre 2018
UnicaRadio: al servizio degli studenti. Energia, notizie e supporto alle attività dall'ateneo

Mario Frongia


Lunedì 10 dicembre 2018 è una data storica per la radiofonia universitaria italiana. Unica Radio, la radio degli studenti universitari di Cagliari, entra nel digitale grazie a un accordo con il consorzio DigitalRadio Group e attiva la sua trasmissione sul canale 10A. A credere in Unica Radio e nel suo sviluppo nel Dab+ l’amministratore delegato del consorzio sardo Ian Loris Nonnis insieme al responsabile del progetto Federico Cancarini. Unica Radio è sorta l’8 ottobre 2007, ha la redazione nel complesso universitario di via San Giorgio e uno staff, tra giornalisti, collaboratori e speaker di dieci addetti. Da anni coopera con il corso di laurea in Scienze della comunicazione. La testata, registrata al Tribunale di Cagliari, al Roc (Registro nazionale operatori comunicazione), è diretta da Simone Cavagnino, mentre l’Associazione studentesca universitaria UnicaRadio è presieduta da Andrea Siddi. Il presidente onorario è Carlo Pahler.
 

Il pro rettore per la Ricerca scientifica, Micaela Morelli con Andrea Siddi, presidente Associazione UnicaRadio, alla presentazione della Notte dei ricercatori 2018
Il pro rettore per la Ricerca scientifica, Micaela Morelli con Andrea Siddi, presidente Associazione UnicaRadio, alla presentazione della Notte dei ricercatori 2018

Dal giugno 2019 tutti sul Dab. UnicaRadio prima in Italia a viaggiare su un canale ad hoc

La radio digitale obbligo dal 2019 e la copertura del Dab+. Un emendamento del governo alle Legge di Stabilità introduce un calendario per facilitare il decollo della nuova tecnologia. Dal 2020 sugli scaffali dei negozi ci saranno solo apparecchi con interfaccia ad hoc. L’emendamento a più forte impatto sui consumatori riguarda però il mondo della radiofonia: dal gennaio 2020 tutte le radio in vendita dovranno essere dotate di un chip per la trasmissione digitale. Il percorso comincia dal 2019: “per favorire l’innovazione tecnologica – si legge nell’emendamento del governo – a partire dal primo giugno 2019 gli apparecchi atti alla ricezione della radiodiffusione sonora venduti dalle aziende produttrici ai distributori al dettaglio” dovranno integrare “un’interfaccia che consenta all’utente di ricevere i servizi della radio digitale”. La radio è l’ultimo media a digitalizzarsi, ma la gamma di soluzioni e servizi che questo passaggio comporterà, avrà un impatto notevole su molti altri settori, che potrebbe essere addirittura rivoluzionario. In Italia, come è noto, il governo ha inserito all’interno della legge di stabilità una norma che stabilisce come dal giugno 2019 non si potranno più importare ricevitori che non siano dotati di chip di decodifica del segnale radio Dab, mentre a partire dal 2020 le radio che ne saranno prive non potranno più essere commercializzate. Ciò ovviamente non segnerà la fine delle trasmissioni analogiche su Fm, ma contribuirà certamente ad aprire una nuova e concreta crescita di possibilità e servizi. Nei prossimi anni la piattaforma Dab non resterà semplicemente un sistema di diffusione di contenuti audio, ma sarà il vettore di servizi innovativi che costerebbero molto di più se fossero distribuiti in streaming via Web e banda larga. In Norvegia e in Svizzera, due dei paesi in cui le auto dotate di decodifica radio digitale sono più diffuse, esiste un sistema chiamato Ews (Emergency warning system), che consente alle autorità di diramare allarmi istantanei, ad esempio su alluvioni o altri cataclismi, solo nelle zone interessate e in tempo reale, con possibilità di dare priorità al messaggio interrompendo la normale trasmissione per trasmettere il comunicato. In futuro, inoltre, gli aggiornamenti Ota saranno sempre più cruciali per le smart car. Attualmente un’azienda dovrebbe richiamare tutte le sue auto ed effettuare singolarmente l’aggiornamento software in officina, ma in futuro l’intera operazione sarà semplice come su smartphone e potrebbe passare attraverso la piattaforma radio digitale, abbattendo, così, anche i relativi costi.

 

In onda dall'8 ottobre 2007, l'emittente riveste un ruolo chiave nella comunicazione dell'ateneo
In onda dall'8 ottobre 2007, l'emittente riveste un ruolo chiave nella comunicazione dell'ateneo

Unica Radio su Spotify, la piattaforma seguita dalle nuove generazioni.

Da qualche giorno, inoltre, la web radio universitaria di Cagliari trasmette i propri contenuti attraverso la piattaforma di streaming online Spotify. Lanciato nell'ottobre 2008 dalla startup svedese Spotify AB, il servizio ha oltre 75 milioni di utenti al 10 giugno 2015. Il 14 settembre 2016 vengono raggiunti i 40 milioni di utenti paganti, acquisendo in soli sei mesi 10 milioni di abbonati. Ha più di 140 milioni di utenti attivi mensili nel giugno 2017 e più di 70 milioni di abbonati nel gennaio 2018. La radio degli studenti dell'Università di Cagliari è figlia di un progetto universitario nato nel 2007, finanziato attraverso i fondi dedicati alle attività culturali dell’Università di Cagliari e il fondo regionale dell’Ersu Cagliari. L'emittente è una realtà che coinvolge gli studenti e il territorio con partecipazione e numeri in costante crescita. Negli anni ha attivato diverse collaborazioni con emittenti nazionali. Tra queste, La7, Rai, Radio Rai, m2o, Gruppo Editoriale L’Espresso e con associazioni no profit universitarie. Il suo obiettivo principale è rivolto alla promozione di cultura, eventi e informazione. Porta avanti le passioni degli studenti, ne valorizza le attitudini ed evidenzia le innovazioni del presente. UnicaRadio si caratterizza come una emittente sociale: sfrutta la rete e la tecnologia per comunicare con gli studenti e con i giovani. La stazione radio è sempre presente negli eventi culturali e nelle manifestazioni del territorio.

 

Cagliari. Il complesso universitario di via San Giorgio, sede di UnicaRadio, ospita, tra gli altri settori universitari, Internazionalizzazione, Ricerca, Sia, Cirem e Cinsa, Lingue, Scienze politiche, foresterie Erasmus
Cagliari. Il complesso universitario di via San Giorgio, sede di UnicaRadio, ospita, tra gli altri settori universitari, Internazionalizzazione, Ricerca, Sia, Cirem e Cinsa, Lingue, Scienze politiche, foresterie Erasmus

Ultime notizie

06 luglio 2020

On line il Manifesto degli Studi

Contiene i dettagli dell’offerta formativa per l'Anno Accademico 2020/2021 e l’indicazione di tutti i corsi di laurea, con le date delle prove di accesso e di verifica della preparazione iniziale: a disposizione 81 corsi di studio (38 triennale, 6 magistrali a ciclo unico, 37 magistrali biennali), 15 dottorati di ricerca, 35 scuole di specializzazione. ISCRIZIONI POSSIBILI A PARTIRE DAL 9 LUGLIO: per facilitare la scelta sono on line TUTTI I VIDEO degli Open Day di maggio, con la presentazione di ciascun corso e di ogni servizio offerto. RASSEGNA STAMPA

06 luglio 2020

Addio a Ennio Morricone

L’Università di Cagliari è stata il primo ateneo italiano a conferire la laurea honoris causa al grande maestro compositore, musicista, direttore d'orchestra e arrangiatore italiano, autore delle più belle colonne sonore del cinema italiano e mondiale. Il ricordo della cerimonia di conferimento del titolo – avvenuta nel 2000 - nelle parole dell’allora Rettore Pasquale Mistretta, intervistato dal TG della RAI, e del professor Antonio Trudu. Il commento del Prorettore alla Didattica, Ignazio Putzu: "Episodio di grandissimo significato: il nostro Ateneo ha sempre avuto un'attenzione rigorosa nell'individuare personalità di altissimo profilo nel campo delle scienze e delle arti cui assegnare questo tipo di riconoscimento"

05 luglio 2020

Open Day, le magistrali e le specializzazioni di Studi Umanistici

Due giornate di orientamento online dedicate agli studenti e alle studentesse delle discipline umanistiche. L’8 e 9 luglio saranno presentati i corsi di laurea magistrale, i corsi di dottorato e le scuole di specializzazione della Facoltà di Studi Umanistici con la partecipazione di docenti, specialisti e studenti

Questionario e social

Condividi su: