UniCa UniCa News Notizie I ricercatori di UniCa a La Maddalena

I ricercatori di UniCa a La Maddalena

Firmato nei giorni scorsi un protocollo di intesa con l’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago, che si avvarrà delle competenze del team guidato da Sandro Demuro con l’Osservatorio Coste e Ambiente naturale sottomarino per studiare l’evoluzione e la dinamica dei litorali, attivare gli opportuni monitoraggi e tutelare al meglio l’ambiente. RASSEGNA STAMPA
07 dicembre 2018
Sandro Demuro con un gruppo di studenti nella terrazza del Faro di Punta Sardegna

L’accordo nasce dal fatto che i risultati degli studi commissionati negli anni dal Parco a vari enti di ricerca hanno messo in evidenza uno stato di deterioramento di alcune spiagge e coste: di qui l'intervento dell'Università di Cagliari

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 7 dicembre 2018 - Si rafforza la collaborazione tra Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena e l’Università degli Studi di Cagliari. Nei giorni scorsi è stato infatti siglato dal Presidente Fabrizio Fonnesu e dal Rettore Maria Del Zompo un protocollo di intesa che punta a creare un rapporto stabile e duraturo e a gettare le basi per una collaborazione strutturata e non episodica.

L’accordo nasce dal fatto che i risultati degli studi commissionati negli anni dal Parco a vari enti di ricerca hanno messo in evidenza uno stato di deterioramento di alcune spiagge e coste: di qui la necessità di poter disporre di ricerche approfondite e di un attento monitoraggio, anche per elaborare gli opportuni regolamenti che indichino la fruizione corretta di beni ambientali dal valore incalcolabile. L’obiettivo del Parco è la conservazione e salvaguardia degli habitat, della flora e della fauna che caratterizzano questi ambienti.

Sandro Demuro intervistato da Donatella Bianchi durante una recente puntata di "Linea Blu"
Sandro Demuro intervistato da Donatella Bianchi durante una recente puntata di "Linea Blu"

Ecco le priorità assolute indicate da Sandro Demuro e dai tecnici di O.C.E.A.N.S., l’Osservatorio che opera nel Faro della Marina Militare Italiana di Punta Sardegna a Palau, dunque a poca distanza dall’arcipelago

L’Osservatorio Coste E Ambiente Naturale Sottomarino (O.C.E.A.N.S.) gestito dal Coastal and Marine Geomorphology Group (CMGG) sotto il coordinamento scientifico di Sandro DeMuro, docente dell’Università di Cagliari, può rispondere a questa esigenza, perchè da sempre si avvale delle più moderne tecnologie per lo studio delle coste e dei fondali marini. Può dunque procedere ad una valutazione dello stato morfodinamico e ambientale dei principali sistemi di spiaggia-duna del Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena e all’elaborazione di ipotesi gestionali dei medesimi sistemi.

Le priorità assolute indicate da Sandro Demuro e dai tecnici di O.C.E.A.N.S. – l’Osservatorio che opera nel Faro della Marina Militare Italiana di Punta Sardegna a Palau, dunque a poca distanza dall’arcipelago - sono la messa a sistema delle informazioni sui sistemi di spiaggia, la realizzazione di sopralluoghi, monitoraggi, studi e ricerche sulle spiagge e sulle coste individuate di prioritario interesse, un Piano di comunicazione e di educazione ambientale che permettano a tutti la corretta fruizione delle spiagge e delle coste.

Una delle imbarcazioni di cui dispone O.C.E.A.N.S.
Una delle imbarcazioni di cui dispone O.C.E.A.N.S.

In campo da subito le competenze in materia di sedimentologia, geomorfologia marina e cartografia delle coste e dei fondali, assistenza alla pianificazione e gestione delle coste

O.C.E.A.N.S procederà dunque nell’immediato a studiare – come già fa con l’ambiente di altre zone della Sardegna - l’evoluzione e la dinamica dei litorali (avanzamento, arretramento e stabilità), mettendo in campo le sue competenze in materia di sedimentologia, geomorfologia marina e cartografia delle coste e dei fondali, assistenza alla pianificazione e gestione delle coste, ma soprattutto le sue capacità di indirizzo sulle opzioni di adattamento alla variazione climatica, senza mai perdere di vista l’alta formazione e l’educazione ambientale.

Un'immagine del Faro di Punta Sardegna
Un'immagine del Faro di Punta Sardegna

Link

Ultime notizie

19 ottobre 2019

Microcosmi di sofferenza, uno sguardo trasversale

Al via lunedì 21 ottobre alle 15 con i saluti del Rettore Maria Del Zompo l’iniziativa “IN/OUT. Percorsi di prigionia e di libertà”: intorno ad una conferenza internazionale che proseguirà fino al 23 ottobre un variegato caleidoscopio di mostre, seminari e installazioni interdisciplinari e contaminanti che coinvolge docenti e studenti

18 ottobre 2019

Criptovalute e Blockchain: verso le applicazioni reali

Martedì 22 ottobre dalle 14.30 nell’Aula Magna di Ingegneria di via Marengo 2 a Cagliari l’evento organizzato da Università di Cagliari e Sardegna Ricerche nell’ambito del progetto “Sardcoin: tecnologie blockchain a supporto del turismo in Sardegna” coordinato da Michele Marchesi

18 ottobre 2019

La sfida del cosmopolitismo al pensiero scientifico

COSMOMED, il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu indica la rotta dell’evento che coinvolgerà la città di Cagliari nelle prossime due settimane. Francesco Mola (Prorettore vicario): “Coinvolto un numero davvero notevole di ricercatori di differenti settori scientifico-disciplinari: rilevante apporto dell’Ateneo a un tema fondamentale per la società”. RESOCONTO con IMMAGINI e VIDEO del convegno di apertura

18 ottobre 2019

La cannabis in gravidanza espone i figli agli effetti psicotici del THC

Fa letteralmente il giro del mondo la notizia dello studio - pubblicato su Nature Neuroscience - guidato da Miriam Melis (Dipartimento di Scienze biomediche), realizzato dall’Università di Cagliari in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora. Articoli anche su THE ECONOMIST, oltre che sulle principali testate giornalistiche italiane e sarde. Mostrate dai ricercatori le conseguenze negative sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino dell’assunzione in gravidanza di una droga considerata “leggera”. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: