UniCa UniCa News Notizie Ricerca in vetrina 2018

Ricerca in vetrina 2018

Si è aperto alle 9 di stamani l'evento di studio e dibattito su temi di forte attualità scientifica, curato dall’Associazione dottorandi. L’aula magna di Architettura ospita la due giorni che ha per bersaglio una forma alta di attivismo sociale. Con un assioma: La scienza non è democratica ma deve essere garante di democrazia
06 dicembre 2018
Calendario ricco di tematiche con forte appeal scientifico e relatori di pregio

Scienza e ricerca garanti di democrazia e di vitalità imprenditoriale, sociale e amministrativa

Mario Frongia


Oggi e domani, 6 e 7 dicembre 2018, l’aula magna di Architettura - via Corte d’Appello n. 87, Cagliari - ospita le giornate di studio "Ricerca in Vetrina 2018". Organizzato dall'Adi (Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani), l’evento coinvolge le varie aree disciplinari e gli specialisti dell’Università di Cagliari.

“La scienza non è democratica ma deve essere garante di democrazia. Da questa prospettiva, la ricerca scientifica può rappresentare una forma alta di “attivismo sociale” con forti implicazioni nella costruzione di un futuro equo e sostenibile. Come motore del sistema dell’innovazione, infatti, la ricerca rappresenta uno strumento strategico per favorire il dialogo interculturale, incoraggiare la tolleranza, garantire pari opportunità, promuovere lo sviluppo di contesti svantaggiati e politiche di benessere per le generazioni presenti e future” è questo il leit motif delle giornate di riflessione che si vogliono stimolare con la terza edizione di “Ricerca in Vetrina”. Il convegno promosso dall’Adi di Cagliari e Sassari, ha al centro il lavoro che dottorandi e dottori di ricerca svolgono quotidianamente con l’obiettivo di creare una piattaforma conoscitiva e di dialogo tra accademia, istituzioni, imprese e società civile. “Il valore democratico della scienza, infatti, passa per il diritto di accesso alla conoscenza e la costruzione di un dialogo aperto sui temi urgenti che la scienza, e quindi la società, hanno oggi davanti”.

 

Attivi e propositivi: l'Associazione dottorandi e dottori di ricerca macina eventi in ambito locale e nazionale
Attivi e propositivi: l'Associazione dottorandi e dottori di ricerca macina eventi in ambito locale e nazionale

Sinergia accademica al servizio degli studenti, delle imprese, degli enti e del territorio

Aperti dal rettore Maria Del Zompo, i lavori prevedono gli interventi di Antonello Cannas (direttore scuole dottorato, Università di Sassari), Antioco Floris (rappresentante docenti, cda Ersu, Cagliari), Valeria Saiu (coordinatrice Adi Cagliari) e Miriam Mastinu (Adi Sassari), Riccardo Scateni (già componente Consiglio universitario nazionale) e Pasquale Ricci (segreteria nazionale Adi). Temi e argomenti rientrano nelle Vetrine 1 (Sviluppo, risorse, ambiente), 2 (Il passato e la sua eredità), e 3 (Connessioni e reti). Lo staff operativo della due giorni è composto da Fabrizio Angius, Lino Cabras, Andrea Claudi, Moreno Frau, Roberta Guido, Laura Lai, Francesca Leccis, Stefano Mais, Giovanni Mei, Emanuele Mura, Federico Onnis Cugia, Andrea Pinna e Davide Pisu.

La forza della cultura (foto archivio unica.it)
La forza della cultura (foto archivio unica.it)

Allegati

Ultime notizie

14 dicembre 2018

Il presepe all’Orto Botanico

Nel polmone verde dell’Ateneo si rinnova il tradizionale appuntamento con la rappresentazione realizzata dai tecnici e dai giardinieri dell'Università di Cagliari: le statue in terracotta sono state posizionate tra le palme. Visitabile dal martedì alla domenica dalle 9 alle 16

13 dicembre 2018

Il futuro del San Giovanni di Dio

Accordo tra le tutte istituzioni coinvolte per garantire all’Ospedale civile una funzione sanitaria e socio-assistenziale. Il Rettore Maria Del Zompo: “Come presidio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria risponderà alle esigenze del territorio, del quartiere e della formazione di medici, infermieri e delle altre figure professionali che afferiscono alla Facoltà di Medicina e Chirurgia”

13 dicembre 2018

UniCa sul tetto del mondo

Grazie all'idea e alla ricerca scientifica di Luciano Burderi, docente al Dipartimento di Fisica, entra sempre più nel vivo il progetto HERMES-Scientific Pathfinder (SP), finanziato nel bando Horizon 2020 SPACE-20-SCI, coordinato da INAF con il supporto dell'Agenzia Spaziale Italiana. Darà vita ad una costellazione di nano-satelliti in grado di localizzare enormi esplosioni cosmiche con grande precisione: monitorando la volta celeste, risponderà ad un'esigenza molto sentita dalla comunità scientifica del pianeta. TUTTI I DETTAGLI e la RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: