UniCa UniCa News Notizie SARDEGNA FORMED, in Rete il video

SARDEGNA FORMED, in Rete il video

Promo realizzato da UNIMED con i contributi e le testimonianze, tra gli intervistati, di Antonello Cabras (presidente Fondazione di Sardegna), Marcello Scalisi, Wail Benjelloun e Hmaid Ben Aziza (direttore, presidente e segretario generale di Unimed), Massimo Carpinelli e Maria Del Zompo (rettori di Sassari e di Cagliari) e di alcuni studenti magrebini beneficiari delle borse ForMed
03 ottobre 2018
Il video FOrMED, con i sottotitoli in lingua inglese

Cagliari, 3 ottobre 2018
Ivo Cabiddu

   
  

Fondata dal professor Franco Rizzi nel 1991, UNIMED promuove la ricerca e la formazione nella regione euro-mediterranea quale contributo alla cooperazione internazionale sul piano scientifico, culturale, sociale ed economico.
    

UNIMED, l'Unione delle Università del Mediterraneo http://www.uni-med.net/, è una rete di 112 atenei appartenenti a 23 Paesi del bacino del Mediterraneo (dato al mese di giugno 2018). La sede centrale e il segretariato internazionale sono a Roma (Palazzo Baleani), ma sono operative anche sedi decentrate in Sicilia (Palermo), a Nablus (in Palestina, all’Università Nazionale “An-Najah”), a Rabat (in Marocco, all’Università Mohammed V), a Parigi (in Francia, all’Università Paris 1 Panthéon-Sorbonne) e in Portogallo (all’Università di Evora). A fine ottobre, il 25 e 26, Venezia ospiterà l’Assemblea Generale 2018.

Centrale e della massima importanza il ruolo della Sardegna, grazie alla collaborazione con UNIMED da parte della Fondazione di Sardegna e dei due atenei isolani

INTEGRAZIONE EURO-MEDITERRANEA. In questo ambito spicca il Progetto ForMed, che da vari anni – con borse di studio internazionali garantite appunto dalla Fondazione di Sardegna – ha permesso a decine di studenti di proseguire e completare i propri studi nella nostra Regione conseguendo una laurea italiana. Grazie a ForMed, per ogni anno accademico, le Università di Cagliari e Sassari accolgono decine di studenti provenienti dai Paesi del Maghreb, in particolare marocchini, tunisini e algerini, favorendo il processo di internazionalizzazione dei due atenei e, più in generale, di tutto il territorio sardo. Il progetto persegue la cooperazione internazionale tra le istituzioni universitarie sarde e quelle della sponda Sud del Mediterraneo per garantire la mobilità degli studenti delle università di Tunisi, Algeri e Rabat (e presto anche di altri atenei) verso le Università degli Studi di Cagliari e di Sassari. Gli atenei isolani garantiscono, in particolare, l’esonero dalle tasse universitarie e forniscono tutto il necessario supporto organizzativo e i servizi di accoglienza riservati agli studenti stranieri in mobilità (visti d’ingresso, permessi di soggiorno, sistemazione logistica in città, servizi delle mense universitarie e corsi di lingua italiana). Da parte loro, per poter continuare ad usufruire della borsa, gli studenti beneficiari delle borse sono impegnati a frequentare i corsi e ad acquisire determinate soglie di crediti nel corso degli studi.

FORMED 2018/2019. Nei giorni scorsi sono arrivati a Cagliari i primi ragazzi del nuovo contingente di Sardegna ForMed (Sardegna per il Mediterraneo) provenienti dall’Università Muhammad V di Rabat. Appena ricevuti dai mediatori culturali e trasferiti nelle loro nuove residenze in attesa della loro immatricolazione, il primo ottobre hanno potuto partecipare all’Erasmus Welcome Day di UniCa. In totale il nuovo gruppo - che avrà la possibilità di studiare a Cagliari per l’intera durata del ciclo degli studi, fino al conseguimento del titolo finale - è formato da 44 studenti. A loro, nel quadro delle azioni Erasmus e dei corsi internazionali, anche a doppia laurea, vanno aggiunti gli altri studenti stranieri che studiano all’Università di Cagliari (ad esempio con il percorso in “Business and Economics e International Studies in Management” organizzato da UniCa con la tedesca University of Applied Studies di Bielefeld).

Per le università associate UNIMED svolge diverse attività:

  • promozione della dimensione internazionale delle università;
  • attività di progettazione e fund raising;
  • promozione della mobilità, nella regione euro mediterranea, di studenti, ricercatori e docenti;
  • assistenza tecnica per lo sviluppo del quality assurance nell’insegnamento universitario;
  • organizzazione di SubNetwork tematici per favorire la cooperazione scientifica in settori specifici;
  • organizzazione di conferenze, dibattiti, seminari e tavole rotonde a livello nazionale ed internazionale;
  • formazione di personale accademico e amministrativo delle università, con particolare riguardo al personale degli uffici delle relazioni internazionali.

Petizione internazionale

  • Recentemente UNIMED ha lanciato la Petizione per una Generazione Erasmus Mediterranea . Firmando la petizione si sostiene la richiesta alla Commissione Europea misure per rafforzare la mobilità tra l’Europa e il Mediterraneo, compresa la mobilità Sud-Sud, aumentare il Capacity Building e sostenere l’integrazione di studenti e accademici rifugiati.
Il video è disponibile anche con i sottotitoli in italiano

Link

Ultime notizie

21 ottobre 2018

Linea Blu ospite di UniCa a Palau

Il Faro di Punta Sardegna è stato la location perfetta per il servizio realizzato nei giorni scorsi dalla troupe guidata da Donatella Bianchi per la famosa trasmissione in onda su Rai1. L'occasione giusta per raccontare con immagini mozzafiato le attività didattiche e scientifiche a disposizione degli studenti del nostro Ateneo, attraverso le parole di Sandro Demuro e del team di OCEANS. Video

19 ottobre 2018

Operativo il Centro UNICApress

Diretto da Elisabetta Marini, pubblicherà e distribuirà prodotti editoriali di qualità derivanti dalla ricerca e dalla didattica condotte in Ateneo, o che abbiano attinenza con tematiche di interesse per l’Università degli Studi di Cagliari, o più in generale per la Sardegna. Importante la scelta culturale e politica di pubblicare con formato digitale ad accesso aperto

19 ottobre 2018

L’elicriso, un nuovo alleato per la bonifica dei siti minerari dismessi

Pubblicato su una rivista internazionale lo studio di un team di ricercatori dell’Università di Cagliari che dimostra la grande capacità della pianta di trattenere zinco, piombo e cadmio a livello radicale e limitarne la diffusione. Nella scoperta coinvolti tre dipartimenti, Hortus Botanicus Karalitanus e il Centro Conservazione Biodiversità

Questionario e social

Condividi su: