UniCa UniCa News Notizie Ricercatori di tutta Europa sul Gennargentu per salvare la flora

Ricercatori di tutta Europa sul Gennargentu per salvare la flora

CARE-MEDIFLORA punta a mettere al sicuro le specie in pericolo di estinzione delle Isole del Mediterraneo: coordina il progetto l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari. Genziana, astragalo, centaurea, senecio le prima ad essere state preservate dagli studiosi
24 settembre 2018
Ricercatori in escursione

Lula, Fonni, Talana, Seui, Laconi sono solo alcuni dei luoghi dove HBK (coordinatore scientifico di tutto il progetto) ha agito in sinergia con l'agenzia Forestas per salvare tante specie endemiche in pericolo d'estinzione

Sergio Nuvoli

Cagliari, 23 settembre 2018 - Da domani, lunedì 24 fino a giovedì 27 settembre, si terrà sul Gennargentu il meeting del progetto internazionale CARE-MEDIFLORA “Conservation Actions for Threatened Mediterranean Island Flora: ex situ and in situ joint actions”, dedicato alla conservazione della flora in pericolo d'estinzione delle principali isole del Mediterraneo. L’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Cagliari (Centro Servizi HBK) è responsabile del coordinamento scientifico dell’iniziativa.

Durante i lavori verranno presentati i risultati ottenuti da tutti i partner e si visiteranno i luoghi dove si è agito in Sardegna. Lula, Fonni, Talana, Seui, Laconi sono solo alcuni dei luoghi dove HBK (coordinatore scientifico di tutto il progetto) ha agito in sinergia con l'agenzia Forestas per salvare tante specie endemiche in pericolo d'estinzione. La genziana, l'astragalo di Gennari, la centaurea dei maestri, il senecio di Morís sono soltanto una piccola parte delle specie messe al sicuro grazie al progetto.

Il lavoro di recupero delle specie richiede un attento e accurato esame in situ
Il lavoro di recupero delle specie richiede un attento e accurato esame in situ

Gianluigi Bacchetta (HBK): "Oggi, grazie alla collaborazione tra isole, possiamo dire di aver contribuito significativamente alla conservazione della flora di maggior rilievo delle isole del Mediterraneo”

“Tanti sforzi sono stati compiuti – spiega il direttore dell’Orto Botanico dell’Ateneo cagliaritano, Gianluigi Bacchetta - e oggi, grazie alla collaborazione tra isole, possiamo dire di aver contribuito significativamente alla conservazione della flora di maggior rilievo delle isole del Mediterraneo”.

Il progetto ha infatti lo scopo di promuovere azioni pratiche di conservazione in situ per le specie maggiormente minacciate della flora insulare mediterranea. “Un obiettivo che viene realizzato attraverso un lavoro congiunto tra le varie istituzioni coinvolte – aggiunge Bacchetta - le quali, ognuna con le proprie specifiche competenze, concorrono a realizzare interventi pratici di conservazione, nonché a sviluppare e condividere metodologie e tecniche operative comuni”.

Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK
Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK

Il partenariato del progetto è costituito da sei centri di ricerca che operano nell’area mediterranea, sotto la supervisione del Mediterranean Plant Specialist Group (SSC) della IUCN

Martedì 25 settembre i lavori si svolgeranno al Parco Donnortei, mercoledì 26 il programma prevede un’escursione itinerante con soste a Villagrande Strisaili e a Talana, giovedì 27 il team del progetto visiterà i siti in territorio di Laconi.

Il partenariato del progetto è costituito da sei centri di ricerca che operano nell’area mediterranea, sotto la supervisione del Mediterranean Plant Specialist Group (SSC) della IUCN: la Fondazione Giardino Botanico di Sóller (Isole Baleari, Spagna); l’Assessorato Difesa Ambiente della Regione della Corsica, Conservatorio Botanico Nazionale (Francia); il Centro Servizi Hortus Botanicus Karalitanus (HBK), Università degli Studi di Cagliari (Sardegna, Italia); l’Università degli Studi di Catania (Sicilia, Italia); il Maich - Istituto Agronomico Mediterraneo di Chania (Creta, Grecia) e l’Istituto di Ricerca Agraria di Cipro con il Dipartimento Forestale (Cipro).

Una ricercatrice coinvolta nel progetto al lavoro sugli esemplari di alcune specie
Una ricercatrice coinvolta nel progetto al lavoro sugli esemplari di alcune specie

Allegati

Link

Ultime notizie

22 gennaio 2021

L’Università per il recupero sociale

Il valore della cultura e della conoscenza per il riscatto delle persone private della libertà: in Sardegna il 5,4% dei detenuti e delle detenute frequenta corsi universitari, contro l’1,4% registrato a livello nazionale. La frequenza alle attività di formazione riduce sensibilmente la recidiva. I dati sono emersi durante la tavola rotonda on line organizzata dalla Facoltà di Studi umanistici per celebrare i 400 anni dell’Ateneo cagliaritano. Il plauso per UniCa da parte dell'amministrazione penitenziaria

21 gennaio 2021

GramsciLab, premiazione delle tesi di laurea

Lunedì 25 gennaio alle 11 il GramsciLab e l'Istituto Gramsci della Sardegna premieranno le migliori tesi di laurea sul tema delle possibili letture analitiche gramsciane di contesti sociopolitici internazionali e sulla traducibilità delle categorie gramsciane in differenti ambiti disciplinari. La cerimonia si svolgerà sulla piattaforma Teams

21 gennaio 2021

Rifiuti sui fondali marini, ora è emergenza

Pubblicato sulla rivista "Environmental Research Letters" uno studio che rivela la minaccia nel Mediterraneo. L'allarme arriva da un team di studiosi, tra i quali Alessandro Cau, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente del nostro Ateneo. Ad elevate profondità, oltre i mille metri, spesso la biomassa pescata con lo strascico (pesci, crostacei, molluschi) è uguale o inferiore a quella dei rifiuti. Indagati dai ricercatori anche i fondali del canyon di Nora e delle Bocche di Bonifacio. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: