UniCa UniCa News Notizie Ricercatori di tutta Europa sul Gennargentu per salvare la flora

Ricercatori di tutta Europa sul Gennargentu per salvare la flora

CARE-MEDIFLORA punta a mettere al sicuro le specie in pericolo di estinzione delle Isole del Mediterraneo: coordina il progetto l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari. Genziana, astragalo, centaurea, senecio le prima ad essere state preservate dagli studiosi
24 settembre 2018
Ricercatori in escursione

Lula, Fonni, Talana, Seui, Laconi sono solo alcuni dei luoghi dove HBK (coordinatore scientifico di tutto il progetto) ha agito in sinergia con l'agenzia Forestas per salvare tante specie endemiche in pericolo d'estinzione

Sergio Nuvoli

Cagliari, 23 settembre 2018 - Da domani, lunedì 24 fino a giovedì 27 settembre, si terrà sul Gennargentu il meeting del progetto internazionale CARE-MEDIFLORA “Conservation Actions for Threatened Mediterranean Island Flora: ex situ and in situ joint actions”, dedicato alla conservazione della flora in pericolo d'estinzione delle principali isole del Mediterraneo. L’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Cagliari (Centro Servizi HBK) è responsabile del coordinamento scientifico dell’iniziativa.

Durante i lavori verranno presentati i risultati ottenuti da tutti i partner e si visiteranno i luoghi dove si è agito in Sardegna. Lula, Fonni, Talana, Seui, Laconi sono solo alcuni dei luoghi dove HBK (coordinatore scientifico di tutto il progetto) ha agito in sinergia con l'agenzia Forestas per salvare tante specie endemiche in pericolo d'estinzione. La genziana, l'astragalo di Gennari, la centaurea dei maestri, il senecio di Morís sono soltanto una piccola parte delle specie messe al sicuro grazie al progetto.

Il lavoro di recupero delle specie richiede un attento e accurato esame in situ
Il lavoro di recupero delle specie richiede un attento e accurato esame in situ

Gianluigi Bacchetta (HBK): "Oggi, grazie alla collaborazione tra isole, possiamo dire di aver contribuito significativamente alla conservazione della flora di maggior rilievo delle isole del Mediterraneo”

“Tanti sforzi sono stati compiuti – spiega il direttore dell’Orto Botanico dell’Ateneo cagliaritano, Gianluigi Bacchetta - e oggi, grazie alla collaborazione tra isole, possiamo dire di aver contribuito significativamente alla conservazione della flora di maggior rilievo delle isole del Mediterraneo”.

Il progetto ha infatti lo scopo di promuovere azioni pratiche di conservazione in situ per le specie maggiormente minacciate della flora insulare mediterranea. “Un obiettivo che viene realizzato attraverso un lavoro congiunto tra le varie istituzioni coinvolte – aggiunge Bacchetta - le quali, ognuna con le proprie specifiche competenze, concorrono a realizzare interventi pratici di conservazione, nonché a sviluppare e condividere metodologie e tecniche operative comuni”.

Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK
Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK

Il partenariato del progetto è costituito da sei centri di ricerca che operano nell’area mediterranea, sotto la supervisione del Mediterranean Plant Specialist Group (SSC) della IUCN

Martedì 25 settembre i lavori si svolgeranno al Parco Donnortei, mercoledì 26 il programma prevede un’escursione itinerante con soste a Villagrande Strisaili e a Talana, giovedì 27 il team del progetto visiterà i siti in territorio di Laconi.

Il partenariato del progetto è costituito da sei centri di ricerca che operano nell’area mediterranea, sotto la supervisione del Mediterranean Plant Specialist Group (SSC) della IUCN: la Fondazione Giardino Botanico di Sóller (Isole Baleari, Spagna); l’Assessorato Difesa Ambiente della Regione della Corsica, Conservatorio Botanico Nazionale (Francia); il Centro Servizi Hortus Botanicus Karalitanus (HBK), Università degli Studi di Cagliari (Sardegna, Italia); l’Università degli Studi di Catania (Sicilia, Italia); il Maich - Istituto Agronomico Mediterraneo di Chania (Creta, Grecia) e l’Istituto di Ricerca Agraria di Cipro con il Dipartimento Forestale (Cipro).

Una ricercatrice coinvolta nel progetto al lavoro sugli esemplari di alcune specie
Una ricercatrice coinvolta nel progetto al lavoro sugli esemplari di alcune specie

Allegati

Link

Ultime notizie

27 febbraio 2020

CasaCus, l’Università di Cagliari brinda a Radiolina

Intesa sportiva, mediatica e inclusiva tra accademia, Centro sportivo universitario ed emittente. “Mi piace pensare che siamo sempre più vicini a studentesse e studenti, alla città e alle istituzioni. Lo sport è cultura, formazione, capacità di saper reagire nei momenti negativi” ha detto Maria Del Zompo in diretta alla trasmissione curata da Andrea Matta. L’appuntamento ha ospitato anche il pro rettore vicario Francesco Mola

27 febbraio 2020

RICERCA, IL PREMIO DEL GILL CENTER A MIRIAM MELIS

La docente di Farmacologia dell’Università di Cagliari è la prima ricercatrice italiana ed europea ad ottenere il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno a scienziati che con i loro studi facilitano la comprensione di processi biologici complessi. Appena cinque i premiati di quest’anno in tutto il mondo: un traguardo che premia l’altissima qualità della ricerca scientifica del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Ateneo cagliaritano. LA RICERCA UNICA SUL TETTO DEL MONDO. La RASSEGNA STAMPA

26 febbraio 2020

Un bando della Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus per gli studenti di UniCa

Previste borse di studio a studenti regolarmente iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale per l’anno accademico 2019/2020, che si trovano in condizioni di svantaggio fisico, psichico, sociale o familiare o in difficoltà economica. Il bando è on line, scade alle 12 del 10 marzo

26 febbraio 2020

CORONAVIRUS, i comportamenti da seguire

Per favorire una corretta informazione, diffondiamo il vademecum diffuso dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in merito alla diffusione del virus. Esso contiene l'indicazione dei comportamenti da tenere per evitare il contagio.

Questionario e social

Condividi su: