UniCa UniCa News Notizie Innovazione, strategie contro l'insularità e nuova governance per i trasporti marittimi dell’Alto Tirreno

Innovazione, strategie contro l'insularità e nuova governance per i trasporti marittimi dell’Alto Tirreno

Efficienza, logistica e innovazione tecnologica: da Go Smart Med a Easylog: I sistemi Ict al servizio di Sardegna, Corsica, Toscana, Liguria e la regione Provence-Alpes-Côte d'Azur coinvolte nel progetto con capofila l’Università di Cagliari e finanziato con due milioni di euro. Il plauso di Francesco Pigliaru e Maria Del Zompo. Applauditi interventi di Massimo Deiana, Paolo Fadda e Gianfranco Fancello
11 settembre 2018
Maria Del Zompo, Francesco Pigliaru e Paolo Fadda

Il futuro dei porti, tra efficienza, logistica e innovazioni tecnologiche. Gli studi del Cirem Esposti in Cittadella dei musei

Mario Frongia
 


OGGI, MARTEDI’ 11 SETTEMBRE, dalle 9 alle 14, l’Aula rossa - Cittadella dei Musei, piazza Arsenale n. 1, Cagliari - ha ospitato i lavori di chiusura del progetto Go SMarT Med, con la presentazione dei risultati dello studio di fattibilità,  e l’avvio del progetto EasyLog. L’evento rientra nella Giornata europea della cooperazione. "Tutto quel che porta e accresce culturalmente il territorio è positivo. Ricerche di questo genere - ha detto Maria Del Zompo, rettore dell'Università di Cagliari - innescano processi di innovazione e progettualità avanzate che creano progresso e rafforzano la competititvità". Particolarmente attento agli studi esposti dalla squadra di Paolo Fadda e Gianfranco Fancello, anche il presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru: "Siamo al lavoro con vigore sulle penalizzazioni dovute all'insularità. Le azioni integrate, come quelle evidenziate stamani, permettono di accorciare i gap della nostra regione. Non penso solo alle infrastrutture ma anche ai sistemi in rete e a una governance adattata alle nostre esigenze". Massimo Deiana, presidente Dell'Autorità del Mare Sardegna, ha presentato il Piano operativo triennale e ha messo in risalto i benefici delle nascenti Zes (Zone economiche speciali), rimarcando che "la centralità dell'isola nel Mediterraneo è acclarata". 

 

Cagliari. I ricercatori di Go Smart Med e EasyLog nell'aula Rossa della Cittadella dei musei
Cagliari. I ricercatori di Go Smart Med e EasyLog nell'aula Rossa della Cittadella dei musei

I risultati sulla governance con Go Smart Med e la logistica ottimizzata prevista dal progetto EasyLog: ricerche all'avanguardia degli specialisti di Cagliari

L'Università di Cagliari con il Cirem è capofila del progetto EasyLog - Logistica ottimizzata per i porti e il trasporto intermodale finanziato nell’ambito del II° Avviso del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia "Maritime" 2014-2020. "Il progetto - ha rimarcato Gianfranco Fancello - mira a migliorare la mobilità delle merci rotabili che si spostano tra le regioni dello spazio di cooperazione utilizzando le tecnologie Ict (Information, comunication technology) per incrementare le prestazioni della catena di trasporto multimodale transfrontaliera e la sostenibilità delle attività portuali". La sfida di EasyLog riguarda l’adozione condivisa di dispositivi Ict integrati per la gestione ottimizzata e sicura dei flussi informativi e documentali fra gli operatori della filiera logistica portuale transfrontaliera, al fine di incrementare le prestazioni della catena di trasporto multimodale e la qualità globale dei servizi resi dai nodi portuali secondari e terziari delle regioni partner in un’ottica di efficientamento delle connessioni transfrontaliere alle reti Ten-T. Il budget dell'azione è pari a 1.997.058 euro, finanziato all’85 per cento con fondi Fesr. Go Smart Med (con Università di Cagliari capofila, CentraLabs, Camere di commercio di Genova, Bastia, Maremma e Tirreno, Gip-Fipan e Università Pisa come partner) "ha ideato  - ha spiegato Paolo Fadda - una nuova governance strategica per coordinare le connessioni tra i porti Core (Genova, Livorno, Cagliari, Palermo) e i porti Comprehensive (Tolone, Bastia) migliorando la competitività dei territori insulari.
 

Le dinamiche di sviluppo "intelligente" dei traffici marittimi, al centro dei lavori che si tengono in Cittadella dei musei
Le dinamiche di sviluppo "intelligente" dei traffici marittimi, al centro dei lavori che si tengono in Cittadella dei musei

Ricerche avanzate con ricadute economiche per i territori, enti e amministrazioni pubbliche, aziende e operatori marittimi

Con gli studiosi del Cirem (Centro universitario ricerche economiche e mobilità) sono coinvolti nel progetto le Camere di commercio di Sassari, Riviere di Liguria, Maremma e Tirreno, Bastia e Alta Corsica, Autorità portuale mar Tirreno settentrionale, Cieli (Centro italiano eccellenza logistica, trasporti, infrastrutture - Università di Genova), Groupement d’Intérêt Public pour la Formation et l’Insertion Professionnelles (Accademia di Nizza). I principali fruitori e beneficiari del progetto EasyLog sono trasportatori, operatori portuali, aziende che inviano e ricevono merci, le pubbliche amministrazioni e i territori, grazie alle aumentate possibilità di crescita derivanti dal miglioramento delle performance produttive del sistema di trasporto nell’area.
 

Cagliari. Da sinistra, Massimo Deiana, Paolo Fadda e Andrea Ferrante
Cagliari. Da sinistra, Massimo Deiana, Paolo Fadda e Andrea Ferrante

Autorità e studiosi, appuntamento in città per l'avvio e la sintesi dei progetti di governo dei trasporti marittimi nel Mediterraneo

I lavori si sono aperti alle 9.30 con i saluti del rettore Maria del Zompo e del presidente della Regione, Francesco Pigliaru. A seguire, la presentazione dei risultati del Progetto GoSmartMed e del Progetto EasyLog, seguiti dai ricercatori coordinati da Paolo Fadda (responsabile scientifico). Con la cornice Prospettive dei trasporti nel Mediterraneo,sono intervenuti gli specialisti Javier Fernandez (responsabile Ecorys-West Med Strategy) e Andrea Ferrante (Università Roma Tre - Consiglio superiore lavori pubblici). A seguire, la relazione di Massimo Deiana (presidente Autorità del mare di Sardegna). I lavori prevedono, tra l’altro, anche la tavola rotonda moderata da Gianfranco Fancello (responsabile scientifico EasyLog - Università Cagliari) su Prospettive su cabotaggio marittimo di corto raggio. I relatori sono a disposizione delle testate giornalistiche dalle 10.

Informazioni: progettoEasyLog@gmail.com
 

Gianfranco Fancello, Università di Cagliari, è il responsabile scientifico del progetto EasyLog
Gianfranco Fancello, Università di Cagliari, è il responsabile scientifico del progetto EasyLog

Ultime notizie

14 ottobre 2019

La tecnologia di UniCa custodisce i dati ambientali dei parchi dell’Himalaya – Karakorum Range

Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, siglato un accordo di collaborazione scientifica per la realizzazione di un sistema di acquisizione e gestione di dati ambientali a supporto del Piano di gestione del Parco del Deosai nel Pakistan settentrionale. Maria Teresa Melis ha guidato un team che sta implementando una piattaforma di acquisizione e gestione di dati ambientali basata sull’utilizzo di una nuova app che si appoggi su immagini da satellite ESA-Sentinel

14 ottobre 2019

ContaminationLab, al via la settima edizione

Sei mesi di formazione avanzata gratuita per 120 studenti e laureati. Il percorso di eccellenza promosso dall’Università di Cagliari mette in palio dieci borse di studio da quattromila euro ciascuna per gli studenti provenienti d’oltre Tirreno. Le iscrizioni on line si chiudono a mezzanotte dell’8 novembre

14 ottobre 2019

Con l'UNICEF, per approfondire i diritti dei più deboli

Firmato questa mattina un accordo di collaborazione che rinnova l'attivazione del Corso di approfondimento su educazione e sviluppo. Il Rettore Maria Del Zompo: "Soddisfatti di essere stati coinvolti e di proseguire il percorso fatto insieme". Il Presidente di UNICEF Italia, Francesco Samengo: "Grati all'Università di Cagliari: teniamo corsi dal 1987, il primo si è svolto proprio in questo Ateneo".

13 ottobre 2019

Nano-grid intelligente in Cittadella. L’ateneo di Cagliari con ENI CBC MED per avere allo stesso tempo energia sicura, accessibile e rispettosa dell’ambiente

Per la biblioteca del Polo Universitario di Monserrato è imminente il via ad un importante intervento di efficientamento energetico tramite sistemi fotovoltaici e ‘smart microgrids’ grazie alla cordata internazionale del Progetto BERLIN. Lo staff dell’Ateneo - Fabrizio Pilo (responsabile scientifico), Susanna Mocci e Gianni Celli - in squadra con diversi partner di Cipro, Grecia e Israele. Tra i partner associati la Regione Sardegna e il comune di Ussaramanna. Kick-off Meeting e presentazione ufficiale il 24 e 25 ottobre a Limassol e Nicosia (Cipro)

Questionario e social

Condividi su: