UniCa UniCa News Notizie Un geologo dottorando di UniCa in finale al “World Water Challenge 2018”

Un geologo dottorando di UniCa in finale al “World Water Challenge 2018”

Il successo di Alfredo Idini premia il team di ricercatori del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche che lavora da oltre due anni al progetto FLOWERED, finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. GUARDA LA RASSEGNA STAMPA
04 settembre 2018
Alfredo Idini (a destra), con Franco Frau, docente di Mineralogia, e l'assegnista Elisabetta Dore

Sergio Nuvoli

Cagliari, 3 settembre 2018 - Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED.

 

Un primo piano di Alfredo Idini
Un primo piano di Alfredo Idini

Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).

Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.

 

WWCH2018, il logo dell'iniziativa mondiale
WWCH2018, il logo dell'iniziativa mondiale

Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.

Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED (http://www.floweredproject.org/), finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”.

La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).

La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.

FLOWERED, il logo del progetto
FLOWERED, il logo del progetto

RASSEGNA STAMPA

ASKANEWS
RICERCA Lunedì 3 settembre 2018 - 12:54
Dottorando UniCagliari finalista World Water Challenge Corea Sud
Alfredo Idini, geologo

Cagliari, 3 set. (askanews) – Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED. Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che da Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento). Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca. Si tratta di un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”. (Segue)

ASKANEWS
ASKANEWS

L’UNIONE SARDA di martedì 4 settembre 2018
Agenda Cagliari (Pagina 19 - Edizione CA)
Un geologo cagliaritano
e il progetto sull'acqua
UNIVERSITÀ. Alfredo Idini tra i finalisti al Water Challenge

Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell'Università, ha partecipato con un'idea originale al “World Water Challenge 2018” (Wwch 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L'importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo Pon con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del corso di dottorato in Scienze e tecnologie della terra e dell'ambiente dell'Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020.
LA SQUADRA Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che da Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta Wwch 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto Flowered), Elisabetta Dore (assegnista Flowered), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell'ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all'acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L'evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, Ong, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni.
L'OBIETTIVO Il progetto rappresenta un'importante e prestigiosa vetrina internazionale per l'Università di Cagliari, e costituisce l'occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

CASTEDDUONLINE.IT
Ricerca, dottorando dell’Università di Cagliari finalista in Corea del Sud
Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018”

Redazione Cagliari Online  3 settembre 2018

Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED.
Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.
Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.
Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED (http://www.floweredproject.org/), finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).
La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.

CASTEDDUONLINE.IT
CASTEDDUONLINE.IT

VISTANET.IT
Il dottorando dell’Università di Cagliari Alfredo Idini finalista in Corea al contest mondiale “World Water Challenge 2018”

03/09/2018 13:25 Federica Cabras
  
Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED.
Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.
Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.
Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED (http://www.floweredproject.org/), finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).
La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

TTECNOLOGICO.COM
Ricerca scientifica. Alfredo Idini, un dottorando dell’Università di Cagliari, è finalista al contest mondiale tra ricercatori sui problemi relativi all’acqua

Pubblicato il 3 settembre 2018 di trasferimentotec

Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED.
Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.
Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.
Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED (http://www.floweredproject.org/), finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).
La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.

TTECNOLOGICO.COM
TTECNOLOGICO.COM

SARDEGNALIVE.IT
DOTTORANDO DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI FINALISTA AL “WORLD WATER CHALLENGE 2018” IN COREA DEL SUD
Si tratta di un evento internazionale nel quale vengono discussi temi inerenti all’acqua come risorsa

Di: Redazione Sardegna Live

Un geologo, dottorando del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari, Alfredo Idini, ha partecipato insieme al suo team, al “World Water Challenge 2018, in Sud Corea, posizionandosi tra i sette finalisti.
Il “World Water Challenge 2018” è un contest organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week, ed è un evento internazionale nel quale vengono discussi temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.
Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.
Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED, finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).
La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.
Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).

SARDEGNALIVE.IT
SARDEGNALIVE.IT

SARDINIAPOST.IT
Rendere potabili le acque con molto fluoro, la sfida di un ricercatore sardo
4 settembre 2018  In evidenza 09, Innovazione

Dalla Sardegna arriva una proposta scientifica per la potabilizzazione delle acque troppo ricche di fluoro: lo studio è stato portato avanti da Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari. Il ricercatore ha partecipato con un’idea originale al “World water challenge 2018 (Wwch)” a Daegu, in Corea del Sud, ed è stato selezionato tra i sette finalisti. Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno, infatti, c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi.
Il team di ricercatori è composto anche da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta Wwch 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto Flowered), Elisabetta Dore (assegnista Flowered), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento). La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre: in quell’occasione Idini presenterà ufficialmente il proprio studio.
Il ‘World water challenge’ è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase, a cui è stato ammesso Idini, si passa alla valutazione delle soluzioni. Solo le migliori arrivano in finale, come sucesso al dottorando dell’università di Cagliari.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

ANSA
Acqua con troppo fluoro diventa potabile
Ricerca italiana finalista a World Water Challenge 2018 in Corea

Acqua, una risorsa indispensabile, ma per alcuni irraggiungibile. Così dalla Sardegna arriva una proposta scientifica per la potabilizzazione delle acque troppo ricche di fluoro. La scoperta è economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell'Africa Orientale.
    Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell'Università di Cagliari, ha partecipato con un'idea originale al "World Water Challenge 2018" a Daegu, in Corea del Sud, ed è stato selezionato tra i sette finalisti. Tra le sei "Challenges" scelte quest'anno, infatti, c'è l'eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi.
    Il team di ricercatori è composto anche da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto Flowered), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
    La finale del "World Water Challenge 2018" si terrà il 13 settembre: in quell'occasione il dottor Idini, ufficialmente presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.
    Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come "Challenges", vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al "Final Round".

ANSA
ANSA

CAGLIARIPAD.IT
Università di Cagliari: grazie a una ricerca scientifica l’acqua troppo ricca di fluoro diventa potabile

Acqua, una risorsa indispensabile, ma per alcuni irraggiungibile. Così dalla Sardegna arriva una proposta scientifica per la potabilizzazione delle acque troppo ricche di fluoro.
La scoperta è economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale. Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” a Daegu, in Corea del Sud, ed è stato selezionato tra i sette finalisti. Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno, infatti, c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi. Il team di ricercatori è composto anche da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto Flowered), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento). La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.
Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.

CAGLIARIPAD.IT
CAGLIARIPAD.IT

YOUTG.NET
Acqua e ricerca, un geologo sardo tra i sette scienziati migliori al mondo

CAGLIARI.  Alfredo Idini, geologo dottorando del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari, ha partecipato con un’idea originale al “World Water Challenge 2018” (WWCH 2018, Daegu, Corea del Sud) ed è stato selezionato tra i sette finalisti. L’importante risultato è stato centrato grazie ad una borsa di dottorato innovativo PON con caratterizzazione industriale (XXXII ciclo del Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari), strettamente connessa al progetto Horizon2020 FLOWERED.
Il team di ricercatori del Dipartimento, oltre che dal dottor Idini, è composto da Franco Frau (docente di Mineralogia e tutor del dottorando e supervisore della proposta WWCH 2018), Giorgio Ghiglieri (coordinatore del progetto FLOWERED), Elisabetta Dore (assegnista FLOWERED), Dario Fancello (assegnista del Dipartimento).
Il “World Water Challenge 2018” è organizzato nell’ambito del “Korea International Water Week 2018” (KIWW 2018, https://www.kiww.org/), un evento internazionale nel quale vengono discussi tutti i temi inerenti all’acqua come risorsa: dalla sua gestione responsabile e sostenibile ai problemi di siccità, contaminazione e potabilizzazione. L’evento coinvolge oltre 16mila partecipanti tra i quali enti governativi di tutto il mondo, associazioni, ONG, industrie e mondo accademico, ed è articolato in numerosi tavoli di discussione, workshop, seminari, congressi ed esposizioni. E’ dunque un’importante e prestigiosa vetrina internazionale per l’Università di Cagliari, e costituisce l’occasione per avviare rapporti con aziende e altri gruppi di ricerca.
Il World Water Challenge è un contest internazionale finalizzato alla risoluzione di problematiche di rilevanza globale inerenti alle risorse idriche. Nella prima fase i partecipanti sono invitati a indicare alcune problematiche: quelle di maggiore interesse vengono selezionate come “Challenges”, vengono cioè identificate come sfide da risolvere dai ricercatori che partecipano. Nella seconda fase vengono valutate le soluzioni alle sfide proposte dai partecipanti, e soltanto le migliori accedono al “Final Round”.
Tra le sei “Challenges” scelte quest’anno c’è l’eccesso di fluoro nelle acque, tematica ambientale-sanitaria che riguarda più di 300 milioni di persone in 25 Paesi: un tema su cui un team di ricercatori geologi del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari lavora da oltre due anni grazie al progetto FLOWERED (http://www.floweredproject.org/), finanziato con i fondi della Comunità Europea “Horizon2020”. La soluzione proposta dal dottor Idini, volta alla potabilizzazione di acque ricche in fluoro, è risultata prima nella sua “Challenge”: si caratterizza per essere economica, efficiente e basata su tecnologie molto semplici, e pertanto applicabile anche in contesti ambientali difficili come le aree rurali della Rift Valley dell’Africa Orientale (area di studio di FLOWERED).
La finale del “World Water Challenge 2018” si terrà il 13 settembre a Daegu in Corea del Sud: in quell’occasione il dottor Idini, ufficialmente invitato a partecipare a totale carico del KIWW 2018, presenterà la soluzione proposta ad un uditorio internazionale, mentre il giorno successivo si terrà la cerimonia di premiazione.

YOUTG.NET
YOUTG.NET

Ultime notizie

04 agosto 2020

Cardiologia, odontoiatria e cardiochirurgia assieme per una comunicazione efficace

Il Consensus maturato sull’iniziativa dei docenti dell’Università di Cagliari, Elisabetta Cotti e Giuseppe Mercuro. “Lo screening dentale preoperatorio sui pazienti in attesa di interventi chirurgici cardiovascolari elettivi” è la cornice del percorso condiviso dalle principali Società scientifiche del settore

04 agosto 2020

AD ADIUVANDUM, UniCa c’è

L’Università di Cagliari a pieno titolo nella cordata di enti e istituzioni che intendono avviare un’azione di tutela della salute nell’ambito dell’emergenza sanitaria da COVID-19: il primo passo sarà l’avvio di uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus. Si comincerà dalla Facoltà di Medicina e chirurgia. E’ quanto comunicato questa mattina da Maria Del Zompo, Rettore di UniCa, e Francesco Marongiu, Prorettore per le attività sanitarie dell’Ateneo, a Maria Antonietta Mongiu, coordinatrice della rete alla base dell’iniziativa. RASSEGNA STAMPA

03 agosto 2020

Le tecnologie di CentraLabs e il simulatore dell’AC75

Ricerca, scienze nautiche, professionalità. Nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato l’innovativa classe di imbarcazioni, ideata per partecipare alla 36^ edizione dell’America’s Cup presented by Prada. L’intesa tra gli ingegneri coordinati da Paolo Fadda e 3D Aerospazio di Antonio Depau

01 agosto 2020

Double degree, ecco i primi laureati

Quattro studenti dell'indirizzo internazionale del corso di laurea in Economia e gestione aziendale hanno tagliato il traguardo perfettamente nei tempi, con il massimo dei voti e con la lode: ottengono, oltre al titolo italiano, anche quello rilasciato dalla University of Applied Sciences di Bielefeld (Germania). E sono stati più forti della pandemia. Maria Del Zompo, Rettore di UniCa: "Sono stati doppiamente coraggiosi, orgogliosa di guidare il nostro Ateneo". Il coordinatore del corso Alessandro Mura: "Quattro giovani davvero brillanti". Il corso è uno dei punti di forza dell'offerta didattica dell'Università di Cagliari. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: