Al via “SUPERA”

Terminato il kickoff meeting del progetto Horizon 2020 per la parità di genere nella ricerca con l’Università di Cagliari tra i partner: si tratta di uno dei due progetti sul tema finanziati in tutta Europa. Al lavoro un team multidisciplinare del nostro Ateneo. RASSEGNA STAMPA
10 giugno 2018
Un'immagine del kickoff meeting del progetto SUPERA

“Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 9 giugno 2018 - E’ partito ufficialmente con il kick off meeting del 7 e 8 giugno a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri 7 partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi 4 anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro regionale di programmazione della Regione Sardegna.

Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.  L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo.

L'iniziativa, promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, coinvolge docenti di quattro dipartimenti e il Comitato Unico di Garanzia, presieduto dal Prorettore vicario Francesco Mola

L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America e ha visto l’attiva partecipazione di Paola Carboni della Direzione per la ricerca e il territorio, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda. Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili.

I docenti coinvolti: dall'alto in senso orario: Luigi Raffo, Ester Cois, Cristina Cabras, Ilenia Ruggiu, Silvia Balia, Giovanni Sulis, Francesco Mola, Paola Fadda
I docenti coinvolti: dall'alto in senso orario: Luigi Raffo, Ester Cois, Cristina Cabras, Ilenia Ruggiu, Silvia Balia, Giovanni Sulis, Francesco Mola, Paola Fadda

Il progetto è coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna) e coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, partner internazionali di assoluto livello

I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e  100mila alla Regione Autonoma della Sardegna.

La scrittura di SUPERA è iniziata nel 2016 con lo sviluppo di una prima versione, apprezzata dalla Commissione, ma non finanziata. Nel 2017 il progetto è stato modificato e ripresentato, stavolta con successo. Il progetto è coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna) e coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, la Fondation Nationale des Sciences politiques (Francia), la Central Europe University (Ungheria) e il Centro de Estudios sociais (Portogallo), in qualità di “Research performing organizations” (istituzioni di ricerca), la Regione autonoma della Sardegna e il Ministero dell’economia, industria e competitività spagnolo in qualità di “Research funding organizations” (enti che finanziano la ricerca). Il partner tecnico belga “Yellow Window”, infine, fornirà supporto tecnico specialistico.

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di domenica 10 giugno 2018
Agenda Cagliari (Pagina 34 - Edizione CA)
Supera, parità di genere tra i ricercatori europei
Università e Regione insieme nel piano avviato a Madrid

Ha preso il via nei giorni scorsi a Madrid “Supera”, il progetto grazie al quale l'Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei piani di lavoro che favoriscano la parità di genere nel mondo della ricerca. I partecipanti hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi quattro anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all'Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro di programmazione della Regione. Il complessivo per portare avanti tutte le iniziative europee è di circa due milioni di euro, di cui 280 mila andranno all'Università di Cagliari e 100 mila alla Regione.
Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the promotion of equality in research and academia” rientra nell'ambito delle attività che l'Università promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. «Durante i quattro anni del progetto Supera, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca» si legge nella nota stampa dell'ateneo. «L'iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall'interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell'intero ateneo».
I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. La scrittura di Supera è iniziata nel 2016 con lo sviluppo di una prima versione, apprezzata dalla Commissione, ma non finanziata. Nel 2017 il progetto è stato modificato e ripresentato, stavolta con successo.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

LA NUOVA SARDEGNA di domenica 10 giugno 2018
PARITÀ DI GENERE
L'Università di Cagliari
ospite a Madrid per il progetto "Supera"

CAGLIARI Inizia a Madrid "Supera", il progetto grazie al quale l'Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei «gender equality plan» per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti dell'universistà, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi quattro anni di lavoro.
Per la Sardegna, oltre all'Università di Cagliari partecipa anche una delegazione del Centro di programmazione della Regione. Il progetto corona l'attività che l'Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca. L'iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare per il miglioramento del benessere nell'ateneo.
L'iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che del Comitato unico di garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e da Paola Fadda.
Il risultato è anche il frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni sul tema ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all'Università di Cagliari e 100mila alla Regione.

LA NUOVA SARDEGNA
LA NUOVA SARDEGNA

L’UNIONE SARDA
Anche l'Università di Cagliari in un progetto per il superamento delle disparità di genere

Oggi alle 16:35

È partito ufficialmente il 7 e l'8 giugno a Madrid "Supera", "Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia", il progetto grazie al quale l'Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei "gender equality plan" per il superamento delle disparità di genere nel mondo della ricerca.
A Madrid sono state stilate scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi 4 anni di lavoro.
Per la Sardegna, oltre all'Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro regionale di programmazione della Regione Sardegna.
Per l'Università di Cagliari il progetto corona un percorso che l'Ateneo promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale.
Durante i quattro anni del progetto Supera, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca. Ricercatrici e ricercatori potranno collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell'intero ateneo.
I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due.
Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all'Università di Cagliari e 100mila alla Regione Autonoma della Sardegna.
(Unioneonline/D)

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

SARDINIAPOST.IT
Progetto parità di genere Università di Cagliari: a Madrid al via “Supera”
9 giugno 2018  Cagliari, Cronaca, In evidenza 11

E’ partito a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi quattro anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro di programmazione della Regione Sardegna. Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti diricerca.
L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo. L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda. Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e 100mila alla Regione.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

ANSA
Progetto parità di genere Università di Cagliari a Madrid
Al via a Madrid "Supera", il progetto grazie al quale l'Università di Cagliari svilupperà dei "gender equality plan" per il superamento delle disparità

Al via a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi quattro anni di lavoro.
Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro di programmazione della Regione Sardegna. Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.
L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo. L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda.
Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e 100mila alla Regione.

ANSA
ANSA

CAGLIARIPAD.IT
Progetto parità di genere Università di Cagliari a Madrid
Al via a Madrid "Supera", il progetto grazie al quale l'Università di Cagliari svilupperà dei "gender equality plan" per il superamento delle disparità

Al via a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri sette partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi quattro anni di lavoro.
Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro di programmazione della Regione Sardegna. Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.
L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo. L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda.
Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e 100mila alla Regione.

CAGLIARIPAD.IT
CAGLIARIPAD.IT

YOUTG.NET
L'Università di Cagliari "Supera" le discriminazioni di genere nella ricerca: progetto al via a Madrid

MADRID. Si chiama Supera, è l'acronimo di "Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia" ed è un progetto che mira al superamento delle differenze di genere nel mondo della ricerca e dell'università. La partenza ufficiale è stata a Madrid: l'ateneo cagliaritano, con sette partner internazionali,  svilupperà  dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi 4 anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro regionale di programmazione della Regione Sardegna.
Il progetto corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto Supera, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.  L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo.
La scrittura di SUPERA è iniziata nel 2016 con lo sviluppo di una prima versione, apprezzata dalla Commissione, ma non finanziata. Nel 2017 il progetto è stato modificato e ripresentato, stavolta con successo. Il progetto è coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna) e coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, la Fondation Nationale des Sciences politiques (Francia), la Central Europe University (Ungheria) e il Centro de Estudios sociais (Portogallo), in qualità di “Research performing organizations” (istituzioni di ricerca), la Regione autonoma della Sardegna e il Ministero dell’economia, industria e competitività spagnolo in qualità di “Research funding organizations” (enti che finanziano la ricerca). Il partner tecnico belga “Yellow Window”, infine, fornirà supporto tecnico specialistico.

YOUTG.NET
YOUTG.NET

CAGLIARIPOST.IT
“Supera”, Università di Cagliari in prima fila contro le disparità di genere nella ricerca
giugno 9, 2018 Stefano Meloni  0 Commenti disparità di genere, madrid, Supera, UniCa

Superare la disparità relativa al genere nel mondo della ricerca. E’ questa la parte saliente del progetto “Supera” che l’Università di Cagliari e i suoi sette patner internazionali hanno portato nel meeting di Madrid il 7 e 8 giugno.
Nella capitale iberica, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, si è cominciato a parlare di scadenze e pianificazioni valide per i prossimi quattro anni di lavoro dove i partecipanti saranno impegnati nello sviluppo di piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.
“Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA) suggella il lavoro svolto dall’Università di Cagliari finalizzato a promuove da anni il tema delle pari opportunità su scala internazionale. Grazie a questa iniziativa, i diversi ricercatori dei diversi dipartimenti sono messi nelle condizioni di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo.
La prima stesura di Supera risale al 2016 ma è solo un anno dopo che il progetto, modificato e ripresentato, ottiene il meritato successo. Coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna), il progetto coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, la Fondation Nationale des Sciences politiques (Francia), la Central Europe University (Ungheria) e il Centro de Estudios sociais (Portogallo). E poi, in qualità di “Research performing organizations” (istituzioni di ricerca), vi sono la Regione autonoma della Sardegna e il Ministero dell’economia, industria e competitività spagnolo in qualità di “Research funding organizations” (enti che finanziano la ricerca). Infine. Il partner tecnico belga “Yellow Window” fornirà supporto tecnico specialistico.

CAGLIARIPOST.IT
CAGLIARIPOST.IT

CASTEDDUONLINE.IT
Ricerca scientifica e disparità di genere, al via il “progetto Supera”
E’ partito ufficialmente con il kick off meeting del 7 e 8 giugno a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri 7 partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca

Redazione Cagliari Online  9 giugno 2018

E’ partito ufficialmente con il kick off meeting del 7 e 8 giugno a Madrid “SUPERA”, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri 7 partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi 4 anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro regionale di programmazione della Regione Sardegna.
Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.  L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo.
L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda. Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e  100mila alla Regione Autonoma della Sardegna.
La scrittura di SUPERA è iniziata nel 2016 con lo sviluppo di una prima versione, apprezzata dalla Commissione, ma non finanziata. Nel 2017 il progetto è stato modificato e ripresentato, stavolta con successo. Il progetto è coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna) e coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, la Fondation Nationale des Sciences politiques (Francia), la Central Europe University (Ungheria) e il Centro de Estudios sociais (Portogallo), in qualità di “Research performing organizations” (istituzioni di ricerca), la Regione autonoma della Sardegna e il Ministero dell’economia, industria e competitività spagnolo in qualità di “Research funding organizations” (enti che finanziano la ricerca). Il partner tecnico belga “Yellow Window”, infine, fornirà supporto tecnico specialistico.

CASTEDDUONLINE.IT
CASTEDDUONLINE.IT

Ultime notizie

14 ottobre 2019

La tecnologia di UniCa custodisce i dati ambientali dei parchi dell’Himalaya – Karakorum Range

Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, siglato un accordo di collaborazione scientifica per la realizzazione di un sistema di acquisizione e gestione di dati ambientali a supporto del Piano di gestione del Parco del Deosai nel Pakistan settentrionale. Maria Teresa Melis ha guidato un team che sta implementando una piattaforma di acquisizione e gestione di dati ambientali basata sull’utilizzo di una nuova app che si appoggi su immagini da satellite ESA-Sentinel

14 ottobre 2019

ContaminationLab, al via la settima edizione

Sei mesi di formazione avanzata gratuita per 120 studenti e laureati. Il percorso di eccellenza promosso dall’Università di Cagliari mette in palio dieci borse di studio da quattromila euro ciascuna per gli studenti provenienti d’oltre Tirreno. Le iscrizioni on line si chiudono a mezzanotte dell’8 novembre

14 ottobre 2019

Con l'UNICEF, per approfondire i diritti dei più deboli

Firmato questa mattina un accordo di collaborazione che rinnova l'attivazione del Corso di approfondimento su educazione e sviluppo. Il Rettore Maria Del Zompo: "Soddisfatti di essere stati coinvolti e di proseguire il percorso fatto insieme". Il Presidente di UNICEF Italia, Francesco Samengo: "Grati all'Università di Cagliari: teniamo corsi dal 1987, il primo si è svolto proprio in questo Ateneo".

13 ottobre 2019

Nano-grid intelligente in Cittadella. L’ateneo di Cagliari con ENI CBC MED per avere allo stesso tempo energia sicura, accessibile e rispettosa dell’ambiente

Per la biblioteca del Polo Universitario di Monserrato è imminente il via ad un importante intervento di efficientamento energetico tramite sistemi fotovoltaici e ‘smart microgrids’ grazie alla cordata internazionale del Progetto BERLIN. Lo staff dell’Ateneo - Fabrizio Pilo (responsabile scientifico), Susanna Mocci e Gianni Celli - in squadra con diversi partner di Cipro, Grecia e Israele. Tra i partner associati la Regione Sardegna e il comune di Ussaramanna. Kick-off Meeting e presentazione ufficiale il 24 e 25 ottobre a Limassol e Nicosia (Cipro)

Questionario e social

Condividi su: