UniCa UniCa News Notizie Un ricercatore di UniCa nel Quartier generale di Huawei

Un ricercatore di UniCa nel Quartier generale di Huawei

Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni del PRALab di UniCa, ha tenuto una talk sull’intelligenza artificiale su invito del colosso delle telecomunicazioni all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, il meeting mondiale di assoluto prestigio che si è svolto a Shenzen (Cina). Tra i selezionatissimi invitati anche il Nobel per la Fisica del 2014 Shuji Nakamura. RASSEGNA STAMPA
20 maggio 2018
Battista Biggio (il terzo da sinistra) all'STW 2018 della Huawei

Un nuovo riconoscimento alla qualità della ricerca scientifica dell'Ateneo: ancora una volta gli specialisti del PRALab incassano importanti apprezzamenti a livello internazionale

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 17 maggio 2018 - Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni del PRALab di UniCa, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018. Il professore, che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto martedì una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity al workshop annuale. Tra i professori e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.

La talk che Battista Biggio ha tenuto a Shenzen
La talk che Battista Biggio ha tenuto a Shenzen

Il ricercatore di UniCa si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity, che a Cagliari si studia da anni

La talk tenuta dal prof. Biggio verteva sul problema della sicurezza dell’intelligenza artificiale: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che le AI ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.

Il ricercatore di UniCa ha parlato poi della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni, come quelle in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

Un'altra immagine della talk tenuta da Battista Biggio
Un'altra immagine della talk tenuta da Battista Biggio

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di sabato 19 maggio 2018
Cronaca di Cagliari (Pagina 22 - Edizione CA)
Telefonia e sicurezza, il prof vola in Cina
Battista Biggio del Dipartimento di ingegneria e ricercatore PraLab

È stato convocato dal colosso della telefonia “made in China” per offrire il contributo dell'Università cagliaritana alla ricerca sulla cybersecurity. Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni, ha partecipato al Huawei Strategy and Technology Workshop 2018 che si è svolto a a Shenzen.
Il professore del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica che collabora con il PraLab ha tenuto un discorso sull'intelligenza artificiale e sulla cybersecurity accanto a docenti ed esperti internazionali, tra loro anche il premio Nobel Shuji Nakamura.
Biggio si è soffermato sui sistemi che riescono a ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del PraLab studiano da anni. Sua la spiegazione sulle modalità con le quali dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input possono essere manipolati per ingannare la loro capacità di rilevazione.
Battista Biggio ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PraLab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell'utente, fino ai sistemi di riconoscimento dell'impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

ANSA
Ricercatore sardo alla corte di Huawei

(ANSA) - CAGLIARI, 18 MAG - Nuove frontiere della cybersecurity a Cagliari. Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell'Università del capoluogo, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all'Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore. Il professore - del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE), ma collabora anche con il PRALab, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity.
Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu. Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale. E ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati.
Il ricercatore dell'Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Inoltre ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell'utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell'impronta e del volto e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.
    (ANSA).

ANSA
ANSA

L’UNIONE SARDA online
Il ricercatore cagliaritano Battista Biggio protagonista in Cina al workshop Huawei
CULTURA » CAGLIARI

Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell'Università di Cagliari, è stato protagonista nei giorni scorsi a Shenzen, in Cina, del prestigioso Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore.
Il professore - che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli -, invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il quartier generale e ha tenuto una relazione soffermandosi in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Al centro del suo intervento, dunque, il problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite "tecniche che causano le allucinazioni alle AI"). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Tra i docenti e gli esperti invitati in Cina, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Il ricercatore dell'Università di Cagliari ha anche parlato della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell'utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell'impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

CASTEDDUONLINE.IT
Ricercatore dell’Università di Cagliari nel quartier generale di Huawei in Cina
Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018

Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore.
Il professore – che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli – è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity. Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull’intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Per questo la sua talk è stata incentrata sul problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che – se applicati ai segnali stradali – ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

CASTEDDUONLINE.IT
CASTEDDUONLINE.IT

VISTANET.IT
Ricercatore dell’Università di Cagliari nel quartier generale di Huawei
Battista Biggio, ricercatore di sistemi di elaborazione delle informazioni è stato invitato dal colosso delle telecomunicazioni Huawei al meeting mondiale che si è svolto a Shenzen. Tra i selezionatissimi invitati anche il Premio Nobel per la Fisica, Shuji Nakamura

Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore. Il professore – che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli – è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity. Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull’intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Per questo la sua talk è stata incentrata sul problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che – se applicati ai segnali stradali – ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

SARDEGNAOGGI.IT
Un ricercatore dell'Universita' di Cagliari in Cina, nel quartier generale di huawei
Si chiama Battista Biggio, è un ricercatore di sistemi di elaborazione delle informazioni e ha tenuto una comunicazione sull'intelligenza artificiale in Cina.


Il contributo del professore è stato dato in occasione dell'huawei strategy and technology workshop 2018, il meeting mondiale di assoluto prestigio che si è svolto a shenzen, in Cina.
Tra i selezionatissimi invitati anche il nobel per la fisica del 2014 Shuji Nakamura.
Il professore, che afferisce al dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile Huawei, ha visitato il quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cyber security.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori studiano da anni.
Ha, inoltre, illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell'utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell'impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

SARDEGNAOGGI.IT
SARDEGNAOGGI.IT

SARDEGNALIVE.NET
Battista Biggio, dall’Ateneo cagliaritano al colosso della telefonia mobile Huawei
Biggio si è soffermato sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity

Di Alessandro Congia

Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore.
Il professore - che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli - è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity. Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Per questo la sua talk è stata incentrata sul problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”).
Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

SARDEGNALIVE.NET
SARDEGNALIVE.NET

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
Cybersecurity. Un ricercatore dell’Università di Cagliari invitato da Huawey in Cina
Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore

Il professore – che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli – è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity. Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull’intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Per questo la sua talk è stata incentrata sul problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che – se applicati ai segnali stradali – ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

CAGLIARIPAD.IT
Ricercatore sardo alla corte di Huawei

Nuove frontiere della cybersecurity a Cagliari. Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università del capoluogo, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore. Il professore – del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE), ma collabora anche con il PRALab, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity.
Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu. Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull’intelligenza artificiale. E ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Inoltre ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto e alla costruzione di adesivi che – se applicati ai segnali stradali – ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

CAGLIARIPAD.IT
CAGLIARIPAD.IT

SARDINIAPOST.IT
Cybersecurity, i cinesi di Huawei a lezione dal cagliaritano Battista Biggio

Nuove frontiere della cybersecurity (la sicurezza sul web) a Cagliari. Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università del apoluogo, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei strategy and technology workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore. Il professore – del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (Diee) e collaboratore del PraLab, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity.
Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji
Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del Led blu. Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull’intelligenza artificiale. E ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PraLab lavorano da anni. Inoltre ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto e alla costruzione di adesivi che – se applicati ai segnali stradali – ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

YOUTG.NET
Un prof di Cagliari dà lezione di cybersecurity ai cinesi della Huawei

SHENZEN. Battista Biggio, ricercatore di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Università di Cagliari, è intervenuto nei giorni scorsi a Shenzen (Cina) all’Huawei Strategy and Technology Workshop 2018, un appuntamento mondiale per il settore.
Il professore - che afferisce al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica (DIEE) e collabora con il PRALab, il Laboratorio diretto dal prof. Fabio Roli - è stato invitato dal colosso della telefonia mobile, ha visitato il Quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cybersecurity. Tra i docenti e gli esperti invitati al prestigioso appuntamento, anche il Premio Nobel 2014 per la Fisica, Shuji Nakamura, inventore con Isamu Akasaki e Hiroshi Amano del LED blu.
Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori del team di Roli studiano da anni. Per questo la sua talk è stata incentrata sul problema della sicurezza: il ricercatore del DIEE ha spiegato come può accadere che i dati che i sistemi di intelligenza artificiale ricevono come input vengano manipolati in modo da ingannare la loro capacità di rilevazione (la rivista Wired le ha definite “tecniche che causano le allucinazioni alle AI”). Huawei è da sempre particolarmente sensibile al tema, e in numerosi punti della città di Shenzen è installato un sistema di riconoscimento facciale.
Il ricercatore dell’Università di Cagliari ha parlato anche della manipolazione dei virus informatici e delle tecniche utilizzate per ingannare i sistemi di riconoscimento vocale, tutti argomenti su cui lui e tutto il team del PRALab lavorano da anni. Ha illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell’utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell’impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.

YOUTG.NET
YOUTG.NET

Ultime notizie

16 ottobre 2018

Stato, lavoro e capitale globale

Le dinamiche del conflitto capitale-lavoro e il ruolo degli Stati approfondite nel ciclo di seminari organizzati dal GramsciLab in collaborazione con l'Istituto Gramsci della Sardegna. Si comincia giovedì 18 ottobre con Angela Romano

16 ottobre 2018

La cultura, chiave per la crescita

L'ntervento del Rettore al Congresso della Camera del Lavoro metropolitana di Cagliari: "Grati per la passione di chi si fa carico dei diritti dei lavoratori. E' essenziale insistere sulla responsabilità sociale di tutti: senza sviluppo e innovazione, la nostra società non cresce. Per questo occorre battersi per la formazione delle persone"

15 ottobre 2018

Il ricordo, la memoria

Con Angelino Cherchi è scomparso il caposcuola della cardiologia in Sardegna. Il ricordo di Giuseppe Mercuro e Luigi Meloni, docenti del nostro Ateneo

15 ottobre 2018

UniCa, lo sguardo è verso il futuro

Mattinata intensa con Carlo Ratti per l’inaugurazione del 398mo Anno accademico: un viaggio indimenticabile alla scoperta del cambiamento già in atto nelle nostre città. L’invito del docente del MIT agli studenti, sulle orme di JFK: “Non chiedetevi cosa l’università può fare per voi. Domandatevi piuttosto cosa voi potete fare per l’università”. Il Rettore: “L’esito dell’accreditamento è ufficiale: siamo l’Ateneo italiano che migliora di più”. La rappresentante degli studenti, Sara Agus: “L’esperienza universitaria è palestra di vita che educa all’impegno sociale”. Il rappresentante del personale, Ernesto Batteta: “L’Ateneo può vantarsi di noi”. Resoconto, IMMAGINI e VIDEO

Questionario e social

Condividi su: