UniCa UniCa News Notizie Studenti di Boston (USA) studiano all'Università di Cagliari

Studenti di Boston (USA) studiano all'Università di Cagliari

Ingegneria ambientale e gestione rifiuti: diciannove studenti americani un mese in città nell’ambito del quarto programma internazionale “Dialogue of Civilizations”
15 maggio 2018
15 maggio 2018 - Nel polo universitario di via Marengo la prima foto di gruppo a Cagliari per i giovani della Northeastern University di Boston appena giunti nel nostro ateneo

Il benvenuto da parte del prorettore all’internazionalizzazione e del presidente della facoltà di ingegneria e architettura

Cagliari, 15 maggio 2018
Ivo Cabiddu

Ieri mattina nell’aula magna di Ingegneria c’è stato l’incontro di benvenuto con diciannove studenti americani, un’intera classe della Northeastern University di Boston (USA), accompagnati a Cagliari dalla professoressa Annalisa Onnis-Hayden nell’ambito del quarto programma internazionale “Dialogue of Civilization”. Questo primo appuntamento ufficiale si è svolto alla presenza della professoressa Alessandra Carucci, prorettore delegata all’internazionalizzazione e del presidente della facoltà di Ingegneria e Architettura, prof. Corrado Zoppi.
     
I giovani statunitensi – Colin Bergmann, Catherine Clement, Alina Dess, Madeline DuBois, Sami El Khatib, Daniel Fils-Aime, Hazel Yu, Sydney Leveckis, Leo Li, Hannah Mellecker, Marissa (Missy) Muilenburg, Bailey Noack, Zachary Pierce, Chen QinXin (Riley), Alex Sanjana, Kevin Tompkins, Emma Totsubo, Louiza Wise e Ryan Woolery – saranno ospiti qui in città, nella foresteria dell’Ateneo di Cagliari (Campus Aresu), per circa un mese. Durante il loro soggiorno, iniziato qualche giorno fa, potranno frequentare corsi, lezioni e seminari sul tema della gestione sostenibile dei rifiuti, sulle pratiche europee per il recupero delle risorse e sulle buone pratiche applicate in Sardegna per la tutela ambientale (Sustainable Waste Management, European Practices for Resource Recovery, Environmental Protection).
 
Oltre a conoscere impianti e aziende sarde del settore e approfondire le tecnologie e le politiche adottate nell’Isola con esperti e docenti del nostro ateneo – tra cui il professor Aldo Muntoni, l’ingegner Giovanna Cappai, l’ingegner Giorgia De Gioannis e il professor Nanni De Giudici – i ragazzi del Massachusetts, seguiti  anche dall’assistente di Boston Nicholas Tooker, avranno modo di visitare diverse località della Sardegna e di poterne quindi apprezzare le bellezze naturali, la varietà e la ricchezza culturale. Nell'arco di questo mese, come negli analoghi precedenti corsi del 2015, del 2016 e del 2017, sono inoltre in programma attività congiunte con gli studenti dell’Università di Cagliari e con diversi attori della realtà professionale isolana nel campo .
 

da sinistra: Annalisa Onnis-Hayden, Alessandra Carucci e Corrado Zoppi
da sinistra: Annalisa Onnis-Hayden, Alessandra Carucci e Corrado Zoppi

LAUREATA A CAGLIARI, DOCENTE A BOSTON

A Boston la professoressa Annalisa Onnis-Hayden è docente di ingegneria civile e ambientale, studiosa di materie quali ecotossicologia, sistemi di trattamento biologico, sostenibilità ecologica e salute.

 

Annalisa Onnis-Hayden
Annalisa Onnis-Hayden

ARGOMENTI DI STUDIO

Tecnologie e politiche per il recupero di risorse, smaltimento e trattamento dei rifiuti solidi urbani e industriali, con particolare attenzione a processi, materiali ed energia di recupero, caratterizzazione dei rifiuti, riduzione alla fonte, riciclaggio e selezione delle diverse frazioni, compostaggio, digestione anaerobica. Impatto ambientale di diversi scenari di gestione dei rifiuti, analisi e progettazione preliminare delle opzioni di smaltimento. Governance, scienza e ingegneria sanitaria ambientale, aspetti socio-politici legati alla gestione dei rifiuti e della tutela ambientale.

15 maggio 2018Studenti delle università di Cagliari e di Boston presentano i loro atenei
15 maggio 2018Studenti delle università di Cagliari e di Boston presentano i loro atenei

Ultime notizie

15 gennaio 2019

Calendario dei prossimi eventi di SARDINIA YOUNG ARCHITECTS

Mercoledi 16 gennaio, alle 16, nella sala conferenze del Castello di San Michele, interviene il regista e architetto Giovanni Columbu su 'CINEMA E ARCHITETTURA. CRITICA DELLA VALORIZZAZIONE'. L'appuntamento nel ciclo di incontri, presentazioni di libri e seminari organizzati dalla scuola di Architettura dell’Università di Cagliari e da Casa Falconieri per promuovere l'ottima qualità dell’architettura emergente in Sardegna. Eventi SYA2018 ed esposizione dei migliori progetti in programma fino al primo febbraio

15 gennaio 2019

Un ateneo che promuove l’equità e la cittadinanza sostanziale

Entra nella fase operativa il progetto “SUPERA - Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia”, finanziato da Horizon2020 e coordinato per il nostro Ateneo da Luigi Raffo: a breve un questionario on line, una rete di monitoraggio permanente in tutto l’Ateneo e una serie di FAB LAB sul tema. Perché la parità di genere si raggiunga anche nella ricerca scientifica. Resoconto, galleria fotografica e RASSEGNA STAMPA con i servizi andati in onda nei TG: la notizia rilanciata anche da ILSOLE24ORE e SKYTG24

14 gennaio 2019

SUPERA, parità di genere nella ricerca

Lunedì 14 gennaio dalle 10.30 nell’Aula magna del Rettorato la presentazione del progetto europeo “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” che coinvolge tutto l'Ateneo nella predisposizione di un Piano per il superamento delle disuguaglianze. RASSEGNA STAMPA

14 gennaio 2019

All’Università di Cagliari giovani da tutto il mondo per i corsi multidisciplinari del Dutch Art Institute

Per tre giorni nella Cittadella dei Musei i corsi del Master in Fine Arts certificato dal Ministero dell’Educazione Olandese. L’appuntamento è ospitato dal Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio dell’ateneo grazie alla professoressa Rita Pamela Ladogana. Tra i docenti di UniCa coinvolti anche il professor Carlo Lugliè e il ricercatore Andrea Corsale. Per Alessandra Carucci, prorettore all’internazionalizzazione “In futuro possibile un ulteriore canale di cooperazione didattica e scientifica in nuovi ambiti di studi e specializzazioni”

Questionario e social

Condividi su: