UniCa UniCa News Notizie Cultura e inclusività, l'Ateneo ci crede

Cultura e inclusività, l'Ateneo ci crede

Dibattito di altissimo profilo nel Polo umanistico di Sa Duchessa, al VII convegno nazionale della Società Italiana di Pedagogia Speciale, sul tema “Politiche, culture e ricerca in dialogo”: confronto serrato tra specialisti con la regia del team di ricerca di Antonello Mura. RESOCONTO e FOTO
16 maggio 2018
VII convegno della Società Italiana di Pedagogia Speciale

L'indicazione del Rettore: "Dobbiamo mettere in gioco tutte le nostre risorse per lavorare su questo aspetto"

di Valeria Aresu

Cagliari, 15 maggio 2018 Aula Capitini al completo per il VII convegno della Società Italiana di Pedagogia Speciale (SIPeS), coordinato dal prof. Antonello Mura e dal suo gruppo di ricerca. Per due giorni, Cagliari è stata la capitale italiana della ricerca sui temi dell’integrazione e della formazione delle professionalità educative.

“L’inclusività è una delle sfide più grandi del nostro ateneo - ha sottolineato il Rettore Maria Del Zompo, nell'intervento che ha aperto i lavori della giornata di lunedì - Dobbiamo mettere in gioco tutte le nostre risorse, per concentrarci maggiormente su questo aspetto. Oggi ci troviamo in un’aula particolare, molto vissuta, recentemente affrescata da uno street artist, che l’ha trasformata nell’aula dell’apprendimento e della conoscenza. È importante conciliare la cultura e l’inclusività con le nostre risorse, per superare ogni ostacolo e ottenere il massimo”.

Maria Del Zompo, Rettore del nostro ateneo
Maria Del Zompo, Rettore del nostro ateneo

Roberta Caldin, presidente della SIPeS: "Politica, cultura e ricerca necessitano di essere in dialogo per la realizzazione di un percorso di didattica speciale che possa essere efficace"

L’obiettivo dell’iniziativa è promuovere il dialogo tra tutti gli esponenti della comunità scientifica.  “Il dialogo è una prerogativa della pedagogia speciale. Politica, cultura e ricerca necessitano di essere in dialogo per la realizzazione di un percorso di didattica speciale che possa essere efficace”, ha spiegato Roberta Caldin, presidente della SIPeS.

Roberta Caldin, presidente della Società Italiana Pedagogia Speciale
Roberta Caldin, presidente della Società Italiana Pedagogia Speciale

Al centro del dibattito di lunedì, la riforma dei percorsi di formazione degli insegnanti della scuola media e superiore e di quello degli insegnanti di sostegno

Al centro del dibattito di lunedì, la riforma dei percorsi di formazione degli insegnanti della scuola media e superiore e di quello degli insegnanti di sostegno, dei nuovi percorsi di formazione per gli educatori e gli insegnanti degli asili nido e dei percorsi obbligatori di riqualificazione degli educatori attualmente in servizio. Presente anche Francesco Feliziani, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna: “In Italia persistono due aspetti preoccupanti: abbiamo meno della metà delle risorse necessarie a ricoprire il fabbisogno nazionale di insegnanti di sostegno; quasi tutti sono privi di autorizzazione. È quindi necessario che lo Stato pensi a formare un numero adeguato di insegnanti di sostegno”

Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna
Francesco Feliziani, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna

Luigi Guerra, docente dell’Università di Bologna: “Le politiche per l’inclusione non possono esistere soltanto all’interno degli ambienti scolastici, ma devono essere estese anche oltre essi”

“Impegno e politiche sono due aspetti fortemente interconnessi tra loro, nella formazione di educatori e insegnanti”, ha affermato Michele Corsi, docente dell’Università di Macerata, che ha passato la parola a Luigi Guerra, docente dell’Università di Bologna: “Le politiche per l’inclusione non possono esistere soltanto all’interno degli ambienti scolastici, ma devono essere estese anche oltre essi”.

Michele Corsi e Luigi Guerra al convegno "Disabilità e sfide per l'educazione inclusiva"
Michele Corsi e Luigi Guerra al convegno "Disabilità e sfide per l'educazione inclusiva"

Illustrati anche i più recenti risultati della ricerca scientifica in materia di inclusione e contesti scolastici, con il supporto dei migliori ricercatori italiani

Il dibattito della seconda giornata - presieduto da Felice Corona, docente dell’Università di Salerno -  ha invece messo in luce i più recenti risultati della ricerca scientifica in materia di inclusione e contesti scolastici.

“In tutta Europa, oggi, le sedi della ricerca scientifica sono anche le sedi della professionalità. La realtà italiana è ancora molto lontana da questo obiettivo. Persiste, infatti, una distanza incolmabile e terribilmente fastidiosa tra il mondo delle professioni e le normative. Sono quindi necessari passi avanti sotto questo aspetto – ha spiegato Piero Crispiani, docente dell’Università di Macerata - Una scienza è considerata tale se vi sono dei professionisti che la esercitano, è quindi necessario comprendere che sono i pedagogisti, che lavorano quotidianamente, ad indicare quale sia il profilo professionale agli accademici. Non viceversa”.

L'intervento di Piero Crispiani, docente dell'Università di Macerata
L'intervento di Piero Crispiani, docente dell'Università di Macerata

Servono insegnanti validi e capaci, percepiti come componenti fondamentali nell'implementazione dell'istruzione inclusiva, anche dalle associazioni dei genitori

L’importanza dei professionisti del settore è stata evidenziata anche dall’intervento di Anna Maria Murdaca, docente dell’Università di Messina: “In un contesto scolastico, il processo di didattica inclusiva non puó far a meno di insegnanti validi e capaci. Essi sono percepiti come componenti integrali e fondamentali nell’implementazione dell’istruzione inclusiva, anche dalle associazioni dei genitori”.

L'intervento di Anna Maria Murdaca, docente dell'Università di Messina
L'intervento di Anna Maria Murdaca, docente dell'Università di Messina

Spazio anche all’inclusività in ambienti universitari, “un campo ancora poco esplorato, ma proprio per questo di grande valore per la pedagogia italiana – ha ribadito Angelo Lascioli, docente dell’Università di Verona – Sono necessari degli studi capaci di rendere la didattica universitaria più inclusiva”.

Ai lavori è intervenuto anche Angelo Lascioli, docente dell'Università di Verona
Ai lavori è intervenuto anche Angelo Lascioli, docente dell'Università di Verona
Tematiche: Inclusione

Link

Ultime notizie

16 ottobre 2018

Stato, lavoro e capitale globale

Le dinamiche del conflitto capitale-lavoro e il ruolo degli Stati approfondite nel ciclo di seminari organizzati dal GramsciLab in collaborazione con l'Istituto Gramsci della Sardegna. Si comincia giovedì 18 ottobre con Angela Romano

16 ottobre 2018

La cultura, chiave per la crescita

L'ntervento del Rettore al Congresso della Camera del Lavoro metropolitana di Cagliari: "Grati per la passione di chi si fa carico dei diritti dei lavoratori. E' essenziale insistere sulla responsabilità sociale di tutti: senza sviluppo e innovazione, la nostra società non cresce. Per questo occorre battersi per la formazione delle persone"

Questionario e social

Condividi su: