UniCa UniCa News Notizie Pensare l’impossibile. L’immaginazione tra letteratura e scienza

Pensare l’impossibile. L’immaginazione tra letteratura e scienza

Venerdì 20 aprile, nell’Aula Motzo di Sa Duchessa, una giornata di studi che unisce gli studi umanistici e quelli scientifici
18 aprile 2018
Pensare l’impossibile. L’immaginazione tra letteratura e scienza

di Valeria Aresu

Cagliari 17 aprile 2018 – L’Aula Motzo della Facoltà di Studi Umanistici ospiterà nella giornata di venerdì, a partire dalle 9, il seminario dal titolo “Pensare l'impossibile. L'immaginazione tra letteratura e scienza”. L’iniziativa - organizzata da Andrea Cannas, docente di Letteratura italiana, Marina Guglielmi, docente di Critica letteraria e Letterature comparate, e Giovanni Vito Distefano, ricercatore di Italianistica - ha l’ambizione di aprire un dialogo fra le discipline scientifiche e quelle di tradizione umanistica, un primo passo per un progetto che vuole essere d’ampio respiro.

Parteciperanno all’iniziativa, infatti, studiosi e ricercatori provenienti da dipartimenti eterogenei sia per ambito disciplinare (letteratura, filosofia, matematica e fisica), sia per  “radicamento territoriale” (Parigi, Roma, Firenze, Palermo, Cagliari), tra i quali sarà presente, nelle vesti di visiting professor, Luciano Boi.

La giornata terminerà con la lettura, musicata dal vivo, di una selezione di “Interviste impossibili”.

La locandina dell'evento
La locandina dell'evento
Tematiche: Studi umanistici

Ultime notizie

19 ottobre 2018

Operativo il Centro UNICApress

Diretto da Elisabetta Marini, pubblicherà e distribuirà prodotti editoriali di qualità derivanti dalla ricerca e dalla didattica condotte in Ateneo, o che abbiano attinenza con tematiche di interesse per l’Università degli Studi di Cagliari, o più in generale per la Sardegna. Importante la scelta culturale e politica di pubblicare con formato digitale ad accesso aperto

19 ottobre 2018

L’elicriso, un nuovo alleato per la bonifica dei siti minerari dismessi

Pubblicato su una rivista internazionale lo studio di un team di ricercatori dell’Università di Cagliari che dimostra la grande capacità della pianta di trattenere zinco, piombo e cadmio a livello radicale e limitarne la diffusione. Nella scoperta coinvolti tre dipartimenti, Hortus Botanicus Karalitanus e il Centro Conservazione Biodiversità

Questionario e social

Condividi su: