UniCa UniCa News Notizie L'Università di Cagliari a Medicina33

L'Università di Cagliari a Medicina33

RICERCA SCIENTIFICA: Nella seguitissima rubrica del Tg2 della RAI è andato in onda un servizio sul lavoro del team del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica sull’interpretazione dell'ECG fetale, esame clinico decisivo per la gravidanza, la nascita e la cura tempestiva di eventuali patologie. Il VIDEO con l'intervista con Danilo Pani
16 aprile 2018
GUARDA IL SERVIZIO DI PAOLO MASTINO

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 16 aprile 2018 - E' andato in onda nei giorni scorsi un servizio di Paolo Mastino all'interno di "Medicina33", la popolare rubrica del Tg2 della RAI, sulla ricerca portata avanti da uno dei team dell’EOLAB - il Laboratorio di Microelettronica e Bioingegneria guidato da Luigi Raffo, operativo al Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica - in collaborazione con l’équipe della Cardiologia pediatrica dell’Azienda ospedaliera Brotzu di Cagliari.

In particolare, il coordinatore del progetto, Danilo Pani, ha spiegato i dettagli della ricerca, indicando le fasi più avanzate e la tempistica prevista.

UniCaNews aveva dato la notizia nei mesi scorsi: già all'epoca l'eco suscitata dai primi risultati dell'équipe guidata da Pani fu grande. E' possibile vedere tutta la trasmissione andata in onda su RAI2 (con un'ospite intervistata in studio), cliccando nel link qui sotto.

Link

Ultime notizie

19 ottobre 2018

Operativo il Centro UNICApress

Diretto da Elisabetta Marini, pubblicherà e distribuirà prodotti editoriali di qualità derivanti dalla ricerca e dalla didattica condotte in Ateneo, o che abbiano attinenza con tematiche di interesse per l’Università degli Studi di Cagliari, o più in generale per la Sardegna. Importante la scelta culturale e politica di pubblicare con formato digitale ad accesso aperto

19 ottobre 2018

L’elicriso, un nuovo alleato per la bonifica dei siti minerari dismessi

Pubblicato su una rivista internazionale lo studio di un team di ricercatori dell’Università di Cagliari che dimostra la grande capacità della pianta di trattenere zinco, piombo e cadmio a livello radicale e limitarne la diffusione. Nella scoperta coinvolti tre dipartimenti, Hortus Botanicus Karalitanus e il Centro Conservazione Biodiversità

Questionario e social

Condividi su: