UniCa UniCa News Notizie Cinque storie di successo firmate UniCa

Cinque storie di successo firmate UniCa

Nel portale “I mestieri dei matematici”, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono ben cinque i laureati in Matematica di UniCa a raccontare i propri successi lavorativi. Ecco le loro storie.
05 aprile 2018
Cinque laureati in Matematica del nostro Ateneo su "I Mestieri dei Matematici"

di Valeria Aresu

Cagliari 4 aprile 2018 – Studiare matematica all’università non è una scelta molto popolare. Questa disciplina è spesso vittima del pregiudizio di essere troppo astratta e priva di sbocchi lavorativi che esulino dall’insegnamento. Un’idea che non corrisponde alla realtà: in un mondo in cui la tecnologia investe sempre più settori, la matematica gioca un ruolo fondamentale e conosce infinite declinazioni.

Alcune di queste le hanno raccontate Alberto Pambira, Elisabetta Mereu, Rossella Murtas, Serena Sanna e Marco Gilardi - cinque laureati in Matematica del nostro ateneo - nel portale “I Mestieri dei Matematici”,  ideato dal Progetto Nazionale di Matematica del Piano Lauree Scientifiche e promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, con lo scopo di rispondere ad alcune domande che molti giovani interessati alla matematica si pongono al momento di scegliere il corso di studi universitari.

Grazie alla laurea in matematica, conseguita nel corso di laurea coordinato da Stefano Montaldo, i cinque hanno potuto intraprendere percorsi lavorativi stimolanti, in ben tre settori diversi: economia e finanza, medicina e biologia, università e computer grafica.

Alberto Pambira afferma di aver sempre saputo di voler fare il matematico. L’iscrizione all’università ha contribuito ad alimentare questa sua grande passione, permettendogli di confrontarsi con “una scienza dinamica ed in continua evoluzione”.

Dopo la laurea ha intrapreso una carriera nel mondo dell’economia e della finanza, ed attualmente si occupa di provvedere supporto matematico per la valutazione  dei modelli interni delle grandi banche e del loro capitale di vigilanza, e di influenzare le scelte di policy che determinano la creazione e applicazione delle regole bancarie internazionali.

Alberto Pambira e le Sears towers a Chicago.
Alberto Pambira e le Sears towers a Chicago.

Elisabetta Mereu, Rossella Murtas e Serena Sanna hanno trovato la propria strada nel settore di Medicina e Scienze della vita. Elisabetta Mereu è sempre stata affascinata dalla possibilità di poter applicare gli studi matematici alla biologia e alla medicina. Oggi lavora come genomic data science al Centro Nazionale di analisi genomica di Barcellona (CNAG). Nel raccontare la sua storia, sottolinea come la laurea in matematica sia stata indispensabile nella formazione che poi l’ha portata ad affrontare un mestiere che unisce quattro discipline diverse: matematica, biologia, medicina e statistica.

Elisabetta Mereu e il suo gruppo di lavoro del CNAG
Elisabetta Mereu e il suo gruppo di lavoro del CNAG

Quando scelse di iscriversi al corso di laurea in matematica, Rossella Murtas, non pensava ancora a cosa sarebbe successo dopo aver tagliato il traguardo. Durante gli anni universitari ha scoperto l’amore per la statistica, e alle sue possibili applicazioni nella medicina. Oggi, a soli 31 anni, si occupa di epidemiologia ambientale e sullo studio degli effetti delle esposizioni ambientali sullo stato di salute della popolazione per l’ATS di Milano.

Rossella Murtas
Rossella Murtas

Per Serena Sanna la matematica è sempre stata una passione: durante gli anni delle superiori si dedicava alla risoluzione di problemi ed equazioni per hobby.  Oggi è ricercatrice in genetica all’Università di Groningen. Gli studi matematici le hanno dato le basi necessarie per destreggiarsi nello studio del genoma di migliaia di individui.

Serena Sanna alla Thomas Francis Jr. School of Public Health II (Università del Michigan, Stati Uniti)
Serena Sanna alla Thomas Francis Jr. School of Public Health II (Università del Michigan, Stati Uniti)

Ma alla matematica ci si può arrivare anche per vie traverse, come nel caso di Marco Gilardi. Grazie ad una rivista trovata per caso nell’edicola del suo paese, si appassiona alla computer grafica e alla programmazione.  Oggi insegna nel corso di laurea in Games Technology, alla University of the West of Scotland.  La matematica è infatti coinvolta in diverse fasi della creazione dei videogiochi, dallo sviluppo della meccanica di gioco e del design, all’effettiva produzione del software e degli algoritmi.

Marco Gilardi
Marco Gilardi

Link

Ultime notizie

16 ottobre 2018

Stato, lavoro e capitale globale

Le dinamiche del conflitto capitale-lavoro e il ruolo degli Stati approfondite nel ciclo di seminari organizzati dal GramsciLab in collaborazione con l'Istituto Gramsci della Sardegna. Si comincia giovedì 18 ottobre con Angela Romano

16 ottobre 2018

La cultura, chiave per la crescita

L'ntervento del Rettore al Congresso della Camera del Lavoro metropolitana di Cagliari: "Grati per la passione di chi si fa carico dei diritti dei lavoratori. E' essenziale insistere sulla responsabilità sociale di tutti: senza sviluppo e innovazione, la nostra società non cresce. Per questo occorre battersi per la formazione delle persone"

15 ottobre 2018

Il ricordo, la memoria

Con Angelino Cherchi è scomparso il caposcuola della cardiologia in Sardegna. Il ricordo di Giuseppe Mercuro e Luigi Meloni, docenti del nostro Ateneo

15 ottobre 2018

UniCa, lo sguardo è verso il futuro

Mattinata intensa con Carlo Ratti per l’inaugurazione del 398mo Anno accademico: un viaggio indimenticabile alla scoperta del cambiamento già in atto nelle nostre città. L’invito del docente del MIT agli studenti, sulle orme di JFK: “Non chiedetevi cosa l’università può fare per voi. Domandatevi piuttosto cosa voi potete fare per l’università”. Il Rettore: “L’esito dell’accreditamento è ufficiale: siamo l’Ateneo italiano che migliora di più”. La rappresentante degli studenti, Sara Agus: “L’esperienza universitaria è palestra di vita che educa all’impegno sociale”. Il rappresentante del personale, Ernesto Batteta: “L’Ateneo può vantarsi di noi”. Resoconto, IMMAGINI e VIDEO

Questionario e social

Condividi su: