Garanzia giovani

Garanzia giovani in Sardegna

Attraverso la misura di accompagnamento al lavoro del programma Garanzia giovani, l’università di Cagliari s’impegna a offrire ai giovani fino ai 29 anni, che non studiano e non lavorano (Neet), un percorso personalizzato di formazione o un’opportunità lavorativa.

Il piano è un’importante occasione anche per le imprese che, beneficiando delle agevolazioni previste nelle diverse regioni, possono investire su giovani motivati e rinnovare così il loro capitale umano.
Il ministero sta coinvolgendo le aziende anche attraverso la sottoscrizione di protocolli con le principali associazioni di categoria, che prevedono la promozione di percorsi di tirocinio e di contratti di apprendistato e la pubblicazione sul portale nazionale Garanzia giovani delle offerte di lavoro e delle opportunità di formazione sul luogo di lavoro.
Sono previsti bonus occupazionali per le nuove assunzioni e incentivi specifici per l’attivazione di tirocini e contratti di apprendistato o la trasformazione di un tirocinio in contratto di lavoro.

Per accedere a questi strumenti, le aziende rispondono ad avvisi pubblici e bandi regionali, nei quali sono indicate le modalità di partecipazione e i prerequisiti per beneficiare delle agevolazioni.
Per usufruire delle agevolazioni previste dal Programma è necessario che l’azienda attivi una delle misure incentivate, a favore di un giovane Neet, entro i 29 anni, che ha aderito all’iniziativa Garanzia giovani e sostenuto il primo colloquio di orientamento nei nostri uffici.

In dettaglio gli incentivi previsti per ogni misura e le modalità di accesso:

  • Assunzioni a tempo indeterminato: viene riconosciuto un bonus ai datori di lavoro variabile da 1.500 a 6.000 euro, in funzione del grado di occupabilità del giovane. In particolare, qualora la classe di profilazione del giovane sia molto alta, il bonus ammonterà a 6.000 euro. ll riconoscimento del bonus è di competenza dell’Inps.
  • Assunzioni a tempo determinato o in somministrazione: viene riconosciuto un bonus da 1.500 a 4.000 euro, in base alla profilazione del giovane, alla durata del contratto e alle differenze territoriali. Il riconoscimento del bonus è di competenza dell’Inps. In caso di trasformazione a tempo indeterminato del contratto di lavoro, alle aziende è riconosciuto un incentivo da 1.500 a 6.000 euro, la cui erogazione è gestita dall’Inps.
  • Apprendistato per l’Alta formazione e la ricerca (III livello): incentivo per l’attivazione del contratto fino a 6.000 euro. Si accede tramite avviso pubblico regionale.

Le imprese possono aderire a Garanzia giovani e rendere disponibili le offerte.

Questionario e social

Condividi su: