Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
ANTIOCO FLORIS (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[80/72]  ARCHITETTURA [72/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 4 40

Obiettivi

Una delle caratteristiche del cinema è quella di creare mondi, o più semplicemente suggestioni visive, attraverso la manipolazione dello spazio e del tempo. Anche il cinema, come accade in architettura, elabora prodotti attraverso una progettazione che coniuga funzionalità (obiettivo da raggiungere) e gusto (attenzione alla forma). Lo spazio e il tempo vengono narrativizzati e adattati alle esigenze del racconto e, per mezzo di uno specifico linguaggio, resi funzionali a particolari esigenze comunicative ed estetiche.
Il corso si propone inizialmente di introdurre i concetti a fondamento del linguaggio cinematografico e quindi di osservare, attraverso l'analisi di alcuni film particolarmente rappresentativi, come nel XX secolo la narrativizzazione dello spazio e del tempo sia stata praticata in riferimento a riflessioni teoriche che hanno coinvolto registi, filosofi e studiosi.

Obiettivi formativi

- Conoscenza e comprensione:
conoscenza dei concetti di base del linguaggio cinematografico in una prospettiva teorico-metodologica e, in taluni casi, pratica. Inquadramento dei problemi e dei concetti nel contesto di elaborazione e di fruizione in modo da cogliere le sfumature derivanti dall'evoluzione storica.

- Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
capacità di individuare le caratteristiche dell'opera cinematografica riconoscendone i caratteri peculiari e mettendoli in confronto con altri prodotti.

- Autonomia di giudizio:
capacità di esprimere considerazioni e valutazioni consapevoli, e nella misura del possibile autonomamente critiche, sui problemi affrontati.

- Abilità comunicative:
capacità di sviluppare concetti in modo chiaro e articolato.

- Capacità di apprendimento:
acquisizione di competenze in senso dinamico e problematico con capacità di adeguare le conoscenze alle mutate condizioni operative in cui lo studente si troverà in sede lavorativa.

Prerequisiti

Trattandosi di un'attività svolta in una laurea magistrale i cui requisiti di accesso non prevedono il possesso di conoscenze specifiche di settore, i concetti di base verranno ripresi man mano che il corso andrà avanti. È comunque opportuna una conoscenza di base della storia contemporanea (dagli inizi del Novecento ai giorni nostri) e la padronanza della cultura umanistica trattata nei programmi delle scuole di diverso ordine e grado precedentemente frequentate

Contenuti

Contenuti

Il film come rappresentazione visuale e sonora
Lo spazio filmico
I fattori estetici e ideologici
Il montaggio
Racconto, narrazione, diegesi
Il realismo
Il linguaggio del cinema
Il cinema e il suo spettatore
Il cinema e le altre arti
Il post cinema

Il programma si sviluppa su questa struttura:

1 – Introduzione al racconto cinematografico: ‘Smoke’ (W. Wang, USA/D 1995) 5° episodio ‘Aggie’

2 – Il cinema della Repubblica di Weimar e ‘Metropolis’ (F. Lang, D 1927)

3 – Il montaggio sovrano e ‘La corazzata Potemkin’ (‘Bronenosec Potemkin’, S. M. Ejzenstejn, URSS 1925)

4 – L’arte al servizio del potere: il Terzo Reich e ‘Trionfo della volontà’ (‘Triumph des Willens’, L. Riefenstahl, D 1935)

5 – Il classicismo hollywoodiano e ‘Casablanca’ (M. Curtiz, USA 1942)

6 – Hollywood contro Hollywood: il caso ‘Quarto potere’ (‘Citizen Kane’, O. Welles, USA 1941)

7 – Il cinema italiano dal Neorealismo alla commedia: ‘Ladri di biciclette’ (V. De Sica, I 1948) e ‘Il sorpasso’ (D. Risi, I 1962)

8 – Il postmoderno e ‘Blade Runner’ (R. Scott, USA 1982)

9 – Ipermediazione e post cinema: ‘Lola corre’ (Lola Rennt, T. Tykwer, D 1998)


N.B. Tutti i film da vedere sono reperibili in questa pagina https://elearning.unica.it/course/view.php?id=322


.

Metodi Didattici

La didattica verrà erogata contemporaneamente sia in presenza sia online, delineando dunque una didattica mista che possa essere fruita nelle aule universitarie ma al contempo anche a distanza.
Secondo le direttive disposte dall'Ateneo, ogni studente, all'inizio del semestre può optare, con scelta vincolante, per la didattica in presenza o a distanza. In funzione della disponibilità delle aule e del numero di studenti che
opteranno per la modalità in presenza, potrà essere prevista comunque una turnazione per l'effettivo accesso in aula."

L'attività verrà sviluppata attraverso lezioni frontali e con l'utilizzo di strumentazione e materiale multimediale
Potranno essere concordate attività di approfondimento di natura seminariale e laboratoriale.

Verifica dell'apprendimento

Per poter ottenere i crediti previsti lo studente deve sostenere un esame orale.

criteri di attribuzione del voto:
- padronanza espressiva, anche con riferimento al metalinguaggio di una determinata disciplina;
- capacità di inquadramento dell'argomento anche in senso cronologico;
- capacità di elaborazione critica dei concetti;
- utilizzo del lessico appropriato e di settore.

Testi

Bibliografia

Testo a carattere generale
G. Rondolino, D. Tomasi, "Manuale del film. Linguaggio, racconto, analisi", Torino, UTET (diverse edizioni, usare la più recente)

Testi per l'approfondimento sui singoli film trattati

M.P. Comand, "Dino Risi. Il sorpasso", Torino, Lindau, 2002 (il volumetto è reperibile in formato PDF a questo indirizzo https://www.academia.edu/20061054/Dino_Risi._Il_sorpasso)

F. Pitassio, "Metropolis: aporie del moderno", in L. Quaresima (a cura di), "Cinema tedesco: i film", Milano-Udine, Mimesis, 2019, pp. 135-162
L. Farinotti, "La forma del culto. Il Trionfo della volontà", in in L. Quaresima (a cura di), "Cinema tedesco: i film", Milano-Udine, Mimesis, 2019, pp. 241-266
A. Floris, "Lola corre: 'Il cinema tedesco ha di nuovo preso la rincorsa", in L. Quaresima (a cura di), "Cinema tedesco: i film", Milano-Udine, Mimesis, 2019, pp. 440-460
Questi ultimi tre saggi saranno reperibili nella pagina del corso di Estetica del cinema nella piattaforma Moodle d'Ateneo https://elearning.unica.it/course/view.php?id=322


Altri testi verranno indicati durante il corso

Il programma d’esame prevede la conoscenza delle tematiche connesse a ognuno dei punti indicati alla voce "contenuti" del corso e in sede di valutazione ogni aspetto potrà essere oggetto della prova, ma in relazione alla conoscenza precisa dei film si potrà optare su tre titoli su cui verrà incentrata la riflessione di approfondimento.


Testi suggeriti per approfondire
A. Angelucci (a cura di), "Estetica e cinema", Bologna, Il Mulino, 2009
J. Aumont, A. Bergala, M. Marie, M. Vernet, "Estetica del film", Torino, Lindau, 2009

Altre Informazioni

.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie