Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
SANDRO DEMURO (Tit.)
GUIDO STEFANO MARIANI
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[60/77]  CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE [77/00 - Ord. 2018]  PERCORSO COMUNE 10 96

Obiettivi

Conoscenza e capacità di comprensione
Approfondita conoscenza dei meccanismi di integrazione delle conoscenze di base nel campo delle dinamiche ambientali costiere e marine. Acquisizione di conoscenze specifiche delle tecniche del rilevamento. Lezioni teoriche mirate a far acquisire allo studente conoscenze approfondite e la loro applicazione in campo. Capacità di comprendere i meccanismi evolutivi delle dinamiche ambientali costiere.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Acquisizione di competenze applicative nella raccolta, analisi e rappresentazione di indicatori ambientali anche mediante tecniche di Telerilevamento e GIS.
Attività pratiche autonome e guidate per la determinazione delle componenti ambientali costiere e marine mediante l'analisi degli elementi e dei processi fisici connessi con la morfodinamica costiera; lavoro di gruppo in laboratorio anche con l’uso di sistemi informativi territoriali per la rappresentazione dei dati e la loro elaborazione, con particolare attenzione alle dinamiche costiere, ai beni geomorfologici e alle problematiche ambientali. Capacità di lettura ed interpretazione di geoportali e web gis. Consultazione di database geografici e ricerca bibliografica in rete, strumenti conoscitivi di base necessari per l’aggiornamento continuo delle conoscenze.
Capacità di raccolta, analisi e rappresentazione di indicatori ambientali anche con tecniche di Telerilevamento e GIS.

Prerequisiti

Geografia Fisica e cartografia

Contenuti

Utilizzo delle conoscenze di geomorfologia e sedimentologia per la difesa e la conservazione di aree costiere. I metodi e gli strumenti d’indagine. Classificazione delle coste (Inman e Nordstrom, Johnson, Cotton, Shepard). Bilancio sedimentario. Tendenza evolutiva di un sistema costiero (stabilità, arretramento, avanzamento). Definizione di spiaggia e classificazione delle zone e delle componenti. Costruzione di modelli digitali terra-mare (spiaggia emersa – spiaggia intertidale - spiaggia sottomarina). Caratteri dei sedimenti (tessitura, composizione e parametri statistici) e degli ambienti di sedimentazione con riferimento particolare a quelli dei sistemi costieri. Analisi di un sistema costiero spiaggia - duna con campionature ed osservazioni sul campo. Trattamento in laboratorio dei campioni ed elaborazione dei dati. Modalità di trasporto sedimentario. Strutture sedimentarie di fondo. I sedimenti come traccianti della dispersione. Concetti di base della morfodinamica e di idrodinamica. Modificazioni indotte dalle opere marittime e antropiche in generale alla dinamica ed evoluzione di un sistema costiero. Le diverse strategie per la difesa delle coste e le opzioni di adattamento alla variazione climatica e alle modificazioni antropiche. Azioni di conservazione connesse ad Agenda 2030 ONU. Sostenibilità ambientale. Studio e monitoraggio dei sistemi costieri e impostazione di una rete di misura terra mare. Modificazioni delle coste indotte da opere antropiche e risposta del sistema costiero. Casi di studio, esempi ed applicazioni sulle coste della Sardegna e del mondo. Esercitazioni in laboratorio Sedimentologia. Geofisica marina - Faro di Punta Sardegna – Osservatorio Coste E Ambiente Naturale Sottomarino: uso di software per cartografia, idrodinamica, sedimentologia, geomorfologia. Esercitazioni Attività sul campo anche a bordo di imbarcazioni da ricerca. Escursioni - campi scuola: Campo scuola presso O.C.E.A.N.S. (Osservatorio Coste E Ambiente Naturale Sottomarino) - faro di Punta Sardegna (Palau), con stage dedicato.

Metodi Didattici

La didattica è organizzata in situazioni normali in lezioni frontali suddivise, a seconda dell'argomento, in una parte teorica e una di laboratorio. Nel presente anno accademico, invece, a causa della complessa situazione emergenziale dovuta al Covid.19
la didattica potrà essere erogata contemporaneamente sia in presenza (se ci saranno le condizioni di sicurezza di legge) sia online, delineando dunque una didattica mista che potrà essere fruita nelle aule universitarie ma al contempo anche a distanza. Ogni studente, all'inizio del semestre potrà optare, con scelta vincolante, per la didattica in presenza o a distanza. In funzione della disponibilità delle aule e del numero di studenti che opteranno per la modalità in presenza, potrà essere prevista comunque una turnazione per l'effettivo accesso in aula."

Verifica dell'apprendimento

L’esame consta di una prova orale, articolata in tre domande principali che spaziano sull'intero programma e dall'esame degli elaborati effettuati durante il laboratorio.

Il giudizio tiene conto dei criteri di valutazione descritti di seguito.

Qualità delle conoscenze, abilità, competenze.
Appropriatezza, correttezza e congruenza:
a) delle conoscenze
b) delle abilità
c) delle competenze

Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nell'esposizione dei contenuti;
d) Capacità di collegare diversi argomenti in modo appropriato ed efficace;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’espressione grafica di nozioni e concetti.

Qualità relazionali:
Disponibilità all’interazione con il docente durante il colloquio.

Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

tenuto conto dei criteri descritti, il giudizio e il voto finale può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. Le capacità espressive sono modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; le capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; la capacità di sintesi scarsa e le capacità di espressione grafica limitate; l'interazione con il docente durate il colloquio è scarsa.
b) Discreto (da 21 a 23/30)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderatamente approfondimento, con poche lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità di dialogo, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra della media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

- Coastal Processes and Geomorphology. Masselink Gerhard, Hodder Education.
- I ritmi del mare - F. Ricci Lucchi. Ed. NIS (Nuova Italia Scientifica).
- Manuale per la gestione delle spiagge - studi, indagini ed esperienze sulle spiagge sarde e corse - De Muro S. e De Falco G. (2010) - University press – Scienze Costiere e Marine, CUEC. ISBN 978-88-8467-629-0 – pp. 1-368.
- La forma delle coste - E. Pranzini. Ed. ZANICHELLI.
- Exploring ocean science – Kate Stowe (Ed. Wiley).
- Shore Protection Manual - 4th ed., 2 Vol.,U.S. Army Engineer Waterways Experiment Station, U.S., Government Printing Office, Washington, DC.
- Coastal Engineering Manual - Engineer Manual 1110-2-1100, U.S. Army Corps of Engineers, Washington, D.C. (in 6 volumes).
- Geomatica di M. Gomarasca
- Geomorfologia di G.B. Castiglioni
- LE UNITA DI PAESAGGIO di Giuseppe Gisotti
- CARTOGRAFIA NUMERICA di Niccolò Dainelli
- GIS E AMBIENTE di Giancarlo Graci
-GIS open source di Valerio Noti
-GIS per la cartografia e l’analisi territoriale di Faustino Cetraro

Altre Informazioni

Medcoastlab, OCEANS, Laboratorio Spiagge a Rischio Erosione

Questionario e social

Condividi su: