Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
PAOLO COTZA (Tit.)
MAURO LALLAI
Periodo
Annuale 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[60/77]  CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE [77/00 - Ord. 2018]  PERCORSO COMUNE 10 80

Obiettivi

Obiettivi di apprendimento:
Il modulo di Diritto e legislazione ambientale si propone di fornire agli studenti la conoscenza e la comprensione di precise nozioni giuridiche e del quadro normativo di riferimento in ambito ambientale e la conoscenza e la riflessione sui diversi interessi e sui diversi attori istituzionali coinvolti nelle politiche ambientali sia a livello statale che comunitario ed internazionale.
Attraverso queste conoscenze, lo studente si impegna ad acquisire le seguenti abilità:
1. Abilità nella comunicazione: acquisire un linguaggio tecnico giuridico e capacità argomentative,
2. Abilità di apprendimento: saper leggere un testo giuridico (di dottrina, di giurisprudenza e normativo); acquisire gli strumenti di base per lo sviluppo continuo di conoscenze e competenze es: saper ricercare tutte le norme di interesse per il caso specifico; sapersi tenere aggiornati sugli sviluppi normativi, saper consultare materiale bibliografico, normativo, e giurisprudenziale.
3. Capacità di riflessione sulle responsabilità sociali ed etiche che conseguono alle scelte effettuate o ai giudizi formulati.
Alla fine del corso lo studente diligente avrà acquisito la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e le abilità raggiunte per affrontare con professionalità le differenti problematiche inerenti ai molteplici sbocchi occupazionali che il corso offre loro. In particolare le seguenti competenze:
- saper dialogare con persone con diverse conoscenze e competenze, saper comunicare informazioni e concetti giuridici anche a non specialisti del settore;
- saper leggere e interpretare una norma e distinguere la portata applicativa dei diversi tipi di norme;
- elaborare e applicare idee originali in un contesto di ricerca;
- saper ideare e sostenere argomentazioni anche per risolvere problemi sulla base di informazioni scarse;
- saper raccogliere dati e informazioni utili per determinare giudizi autonomi;

Prerequisiti

E' richiesta una formazione culturale generale di base; in particolare la conoscenza della Costituzione italiana

Contenuti

Argomenti:
Le fonti del diritto in materia ambientale: italiane, europee, internazionali. (italiane 2h; europee; 2 h; internazionali 2h)
Le relazioni fra le diverse tipologie di norme in materia ambientale (un esempio concreto: la tutela della posidonia) ( + dibattito in aula + verifica apprendimento 5h)
L’art. 117 della Costituzione: le competenze (un esempio concreto spiegato attraverso una o più sentenze della Corte Costituzionale) ( + lettura sentenza + verifica apprendimento 7h)
La ponderazione di interessi (tre esempi concreti: l’inquinamento elettromagnetico, la caccia, gli incidenti rilevanti) ( + dibattito + verifica apprendimento 4h)
I principi ambientali comunitari, internazionali e italiani ( + verifica apprendimento 4h)
Le principali norme italiane a tutela dell’ambiente e casi concreti da analizzare e sui quali discutere (durante tutto il corso)
La direttiva habitat e norme di recepimento interne: ( + lettura guidata normativa+ verifica apprendimento 10h)
Le politiche energetiche ( + dibattito 4h)

Metodi Didattici

Il corso è svolto attraverso lezioni frontali teoriche, verifiche periodiche dell’apprendimento e la partecipazione degli studenti a dibattiti in aula.
All’interno delle lezioni è prevista anche la lettura guidata di documenti (dottrina, norme, sentenze) e gruppi di studio su casi concreti.
Durante il corso verranno fornite indicazioni sul materiale da studiare settimanalmente e/o su esercitazioni da svolgere a casa. Durante il corso verranno somministrati questionari di autovalutazione.
I questionari sono suddivisi in due tipologie: la prima contiene domande (aperte o a risposta multipla) sugli argomenti svolti quindi è volto a verificare l’apprendimento delle conoscenze; la seconda tipologia è volta a verificare le competenze acquisite: commentare una sentenza, proporre soluzioni su tematiche note, altro.
Agli studenti è richiesto di studiare con costanza anche in previsione della somministrazione dei questionari. Gli studenti saranno avvisati almeno una settimana prima della somministrazione del questionario.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento avviene durante l'esame di profitto.
Durante l''esame orale mira viene verificato il livello di conoscenza della materia dello studente e la sua capacità di formulare percorsi logici e applicarli su esempi concreti.

Testi

- Paolo COTZA, Introduzione di metodo al diritto pubblico dell'ambiente, in Rivista Amministrativa Repubblica Italiana, fascicolo n. 1-2 del 2020 (Euro 25,00 IVA incl.).
Contattare Redazione (Dott.ssa Ginevra Paoletti), via Tortolini, 34 ROMA - tel.06.8070949
- N. LUGARESI, Diritto dell'ambiente, Cedam, 2020
- P. Dell'Anno, Diritto dell'ambiente Cedam, 2021

Altre Informazioni

Durante lo svolgimento del corso verranno fornite delle dispense, materiale di dottrina e giurisprudenza, testi normativi e spunti per dibattiti e/riflessioni sulle tematiche affrontate in aula in aggiunta e/o in luogo dei paragrafi dei manuali suggeriti.
Alla fine di ogni argomento verrà somministrato un questionario per la verifica dell'apprendimento, si suggerisce pertanto di studiare il materiale con la cadenza suggerita di volta in volta in modo da rispettare la propedeuticità degli argomenti.
Saranno pubblicate su didattica le slides utilizzate per la lezione e questionari con percorso guidato di soluzione.
Il materiale fornito dalla docente sarà reperibile su didattica.

Questionario e social

Condividi su: