Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
MONICA MARIA FRANCESCA PULIGHEDDU (Tit.)
LUDOVICA TAMBURRINO
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/64]  TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA) [64/00 - Ord. 2020]  PERCORSO COMUNE 5 40

Obiettivi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE: lo studente dovrà mostrare conoscenza relativa alla genesi del sonno fisiologico e agli aspetti e condizioni patologiche che ne possono determinare un’alterazione. Lo studente dovrà mostrare conoscenza relativa alla genesi dei segnali biologici, alla tipologia di sensori adatti alla loro registrazione e alle differenti tipologie di indagini in ambito poligrafico e mostrare di possedere le conoscenze relative alle principali condizioni patologiche che possono interessare l’apparato respiratorio e a come esse possono associarsi a patologie del sonno.
CAPACITÀ APPLICATIVE: lo studente dovrà essere in grado di applicare le conoscenze teoriche acquisite per riconoscere e distinguere le differenti patologie del sonno, sapendosi orientare oltre che sull’inquadramento diagnostico anche nella scelta terapeutica da adottare e nella diagnosi differenziale con altri disturbi. Lo studente dovrà essere in grado di applicare le conoscenze teoriche acquisite per riconoscere e distinguere le differenti tipologie di segnali registrati con particolare focus sull’interpretazione dei tracciati e dovrà essere in grado di applicare le conoscenze teoriche acquisite per destreggiarsi nell’inquadramento diagnostico relativo agli esami clinici e strumentali impiegati per lo studio delle patologie respiratorie.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: lo studente sarà in grado di interpretare i dati anamnestici e strumentali per formulare un giudizio diagnostico in relazione alle patologie del sonno. Lo studente sarà in grado di interpretare e analizzare correttamente in che modo le indagini poligrafiche si differenziano e variano in termini di risultati e scelte terapeutiche nell’inquadramento dei disturbi del sonno e sarà in grado di valutare e analizzare il quadro respiratorio del paziente in modo globale grazie all’applicazione delle conoscenze teoriche e pratiche fornite durante il corso.
ABILITA’ NELLA COMUNICAZIONE: lo studente sarà in grado di esplicare lo sviluppo e l’esito di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici in ambito di medicina del sonno sia nel contesto neurologico che respiratorio in età adulta e pediatrica.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: lo studente imparerà ad acquisire nuove informazioni e ad implementare il proprio bagaglio culturale in modo critico attraverso la consultazione ed interpretazione critica della recente letteratura scientifica e sarà in grado di analizzare i segnali registrati tramite l’interpretazione dei tracciati presentati e discussi durante il corso delle lezioni.

Prerequisiti

Neurofisiopatologia 5 (PSG base e clinico)
È richiesta la conoscenza degli argomenti tratti nel modulo di Neurofisiologia, Elettroencefalografia e Neurofisiologia applicata.
Tecniche neurofisiopatologiche 7 (PSG)
È richiesta la conoscenza degli argomenti tratti nel modulo Elettroencefalografia, Neurofisiologia applicata ed Elettronica e strumentazione per indagini biomediche.
Fisiopatologia dell’apparato respiratorio
È richiesta la conoscenza degli argomenti tratti nel modulo di Anatomia e Fisiologia umana.

Contenuti

Neurofisiopatologia 5 (PSG base e clinico)
- Basi anatomiche e fisiologiche del sonno;
- Struttura del sonno normale e fisiologica;
- Panoramica delle principali tecniche diagnostiche strumentali applicate per l’inquadramento dei disturbi del sonno;
- Refertazione dell’esame poligrafico;
- Classificazione dei disturbi del sonno;
- Cenni sui disturbi respiratori in sonno;
- L'insonnia: diagnosi e cenni di trattamento (forme a medio termine e croniche, trattamento non farmacologico, trattamento farmacologico);
- Le parasonnie del sonno NREM (i disturbi dell'arousal, sonnambulismo, pavor, sleep related eating disorder);
- Le parasonnie del sonno REM (sogni terrifici, paralisi del sonno, disturbo comportamentale in sonno REM);
- L'epilessia ipermotoria sonno;
- I disturbi del movimento in sonno (sindrome delle gambe senza riposo, il mioclono notturno, i movimenti ritmici in sonno, il mioclono propriospinale, mioclono frammentario eccessivo, sussulti mioclonici);
- I disturbi del ritmo circadiano (disturbo da anticipo di fase, disturbo da posticipo di fase, disturbo da lavoro turnista, jet lag);
- Le ipersonnie di origine centrale (narcolessia, ipersonnia idiopatica, ipersonnia ricorrente privazione cronica di sonno).
Tecniche neurofisiopatologiche 7 (PSG)
- Medicina del sonno: cenni storici e requisiti strumentali del centro di medicina del sonno;
- Individuazione dei parametri poligrafici: inquadramento dei sensori, caratteristiche del segnale e modalità di acquisizione (Elettroencefalogramma, Elettroculogramma, Elettromiogramma, Elettrocardiogramma, Russamento e rumore respiratorio, Respiro toracico e addominale, Saturazione ossigeno, Fotopletismogramma, Pressione endoesofagea, Temperatura);
- Riconoscimento e individuazione degli artefatti in ambito poligrafico;
- Classificazione ASDA dei livelli di poligrafia e inquadramento delle registrazioni dinamiche e stanziali;
- La valutazione soggettiva ed oggettiva dell’eccesso di sonno: inquadramento delle indagini poligrafiche indicate (MSLT, MWT, cenni sulle scale di valutazione della sonnolenza, test di guida);
- La valutazione del difetto di sonno: actigrafia;
- Interpretazione dei tracciati: scoring e analisi del monitoraggio cardio-respiratorio, stadiazione della polisonnografia, definizione dei report;
- Definizione degli indici (AHI, ODI, RDI, PLM);
- Modalità di ventilazione e ruolo del tecnico nell’impostazione terapeutica dei respiratori in sonno (CPAP, BiPAP, interfacce e scelta della maschera, circuiti, filtri, manutenzione del ventilatore).
Fisiopatologia dell’apparato respiratorio
- Cenni di Anatomia, Fisiologia e Fisiopatologia dell’Apparato Respiratorio;
- Test di funzionalità respiratoria;
- Emogas analisi e indagini strumentali dei disturbi respiratori;
- Malattie Ostruttive delle vie aeree;
- Malattie Restrittive polmonari;
- Insufficienza Respiratoria;
- Patologie respiratorie associate a disturbi del sonno e del sistema nervoso (SLA, malattie neuromuscolari, Overlap Syndrome, OHS);
- I disturbi respiratori nel sonno: diagnosi e terapia (sindrome delle apnee ostruttive, sindrome delle apnee centrali forme cliniche, comorbidità medica e fisiopatologia, ipoventilazione alveolare, insufficienza respiratoria notturna);
- NIV e Modalità di ventilazione complessa

Metodi Didattici

Neurofisiopatologia 5 (PSG base e clinico)
Lezioni frontali con esempi, esperienze guidate con strumentazione reale mirati all’acquisizione con esempi pratici dei concetti spiegati. Esercitazioni pratiche con presentazione di casi clinici e filmati registrati nel Centro di Medicina del Sonno. Presentazione e analisi di tracciati.
Tecniche neurofisiopatologiche 7 (PSG)
Lezioni frontali con esempi, esperienze guidate con strumentazione reale mirati all’acquisizione con esempi pratici dei concetti spiegati. Esercitazioni pratiche di interpretazione e analisi dei tracciati poligrafici mirate allo scoring e alla stadiazione del sonno. Esercitazioni pratiche di individuazione e riconoscimento delle principali tipologie di artefatti registrabili sui tracciati poligrafici. Esercitazioni pratiche con impostazione e riconoscimento delle tipologie di ventilatori utilizzati per i disturbi respiratori in sonno.
Fisiopatologia dell’apparato respiratorio
Lezioni frontali con esempi, esperienze guidate con strumentazione reale mirati all’acquisizione con esempi pratici dei concetti spiegati. Esercitazioni pratiche di interpretazione e analisi di casi clinici. Esercitazioni pratiche di interpretazione delle indagini strumentali impiegate per lo studio delle patologie dell’apparato respiratorio. Presentazione pratica delle principali modalità di ventilazione.

Verifica dell'apprendimento

Il numero di appelli è definito in accordo con il regolamento di Facoltà. Appelli extra per fuori corso possono essere, per motivate ragioni, richiesti al docente. Il corso integrato prevede una prova congiunta, di tipo orale, sui tre moduli del corso. Durante la prova verranno posti quesiti in grado di valutare la capacità del candidato di esprimersi in modo corretto in relazione alla materia, la sua capacità di esporre i concetti presentati e quella di applicare le proprie conoscenze. La valutazione è oggettiva, definita sulla base della percentuale di correttezza di ogni risposta (alla quale è associato un punteggio fisso, non noto al candidato, sulla base del livello di difficoltà). Il voto finale corrisponderà alla media ponderata dei risultati ottenuti nei tre moduli. La valutazione sarà espressa in trentesimi.

Testi

Neurofisiopatologia 5 (PSG base e clinico
Dispense del corso e materiale fornito dal docente gratuitamente agli studenti accessibile tramite il sito del corso. Per approfondimenti è possibile consultare i seguenti testi:
- Manuale di Medicina del Sonno S. Coccagna
- American Academy of Sleep Medicine. International Classification of Sleep Disorders, 3rd ed. Darien, IL: American Academy of Sleep Medicine, 2014.
- Principles and practice of Sleep Medicine (Kryger, Roth, Dement).
Tecniche neurofisiopatologiche 7 (PSG)
Dispense del corso e materiale fornito dal docente gratuitamente agli studenti accessibile tramite il sito del corso. Per approfondimenti è possibile consultare i seguenti testi:
- AASM Manual of Sleep Scoring.
Fisiopatologia dell’apparato respiratorio
Dispense del corso e materiale fornito dal docente gratuitamente agli studenti accessibile tramite il sito del corso.

Altre Informazioni

Le iscrizioni agli appelli di esame verranno effettuate mediante accesso sul sito d’Ateneo.
Potranno sostenere l’esame gli studenti che avranno frequentato non meno del 70% delle lezioni frontali complessive e non meno del 50% di ciascun modulo e frequenza di tutte le ore previste per l’attività professionalizzante.

Questionario e social

Condividi su: