Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
PATRIZIA ZAVATTARI (Tit.)
ANTONIO RESCIGNO
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/64]  TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA) [64/00 - Ord. 2020]  PERCORSO COMUNE 3 24

Obiettivi

Il corso intende fornire conoscenze di base sul normale funzionamento delle cellule e dell’organismo al fine di supportare la comprensione delle alterazioni patologiche e rendere in tal modo il tecnico di neurofisiopatologia consapevole degli interventi sanitari a lui richiesti nell’espletamento della professione.
L'insegnamento concorre alla realizzazione dell'obiettivo formativo del corso di studi in Tecniche di Neurofisopatologia fornendo allo studente gli strumenti per:
1) comprendere il flusso dell’informazione genetica nel determinare l’espressione genica secondo il dogma centrale della biologia molecolare;
2) comprendere la struttura e funzione di molecole ed aggregati molecolari di interesse biologico;
2) comprendere i meccanismi biochimico-molecolari cellulari;
3) conoscere le principali vie metaboliche, il loro significato per la funzione cellulare e le loro variazioni in diversi contesti fisiologici e patologici;
4) conoscere i meccanismi che regolano il ciclo cellulare e la divisione mitotica e meiotica;
5) comprendere le basi dell’ereditarietà mendeliana dei caratteri e della variabilità genetica, con riferimento anche alle variazioni che conducono a stati patologici.

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà avere essenziali conoscenze biologiche e biochimiche necessarie per la successiva comprensione di microbiologia, fisiologia, fisiopatologia, patologia e medicina, nonché conoscenze delle basi biologiche della unicità degli esseri umani, al fine ultimo di integrare queste conoscenze nella sua futura vita professionale.
CAPACITÀ APPLICATIVE Il corso intende dare allo studente gli elementi base per la comprensione del funzionamento del corpo umano, sapendo dimostrare di conoscere la struttura e l'organizzazione generale delle unità biologiche, la biochimica cellulare e le principali vie metaboliche, i processi cellulari di base degli esseri viventi: i meccanismi di espressione dell'informazione genetica, i meccanismi di riproduzione cellulare. Inoltre lo studente dovrà dimostrare di conoscere i principi che governano la diversificazione delle entità biologiche: i modelli di trasmissione dell'eredità, i fattori di variabilità intra-specifica.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Il corso si propone di stimolare la valutazione obiettiva della didattica proponendo costantemente agli studenti un raffronto tra i contenuti teorici proposti duranti le lezioni frontali e l’acquisizione degli stessi attraverso lo studio autonomo utilizzando i testi consigliati e il materiale didattico fornito.

ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE: Contribuire allo sviluppo della capacità di comunicazione professionale mediante l’uso di una terminologia corretta e di una descrizione organizzata e comprensibile.

Prerequisiti

BIOLOGIA APPLICATA:
È richiesta una conoscenza di nozioni di base di Chimica e Biologia.
BIOCHIMICA:
Per affrontare in maniera più proficua il corso di Biochimica, in considerazione del fatto che non è previsto uno specifico insegnamento di Chimica, si raccomanda agli studenti di acquisire/ripassare alcuni argomenti e concetti basilari di Chimica.
In particolare, si sottolinea l’importanza di conoscere:
- La struttura dell’atomo
Costituenti dell’atomo; Il modello atomico ad orbitali. I numeri quantici. Riempimento degli orbitali. Struttura elettronica degli elementi.
Tavola periodica e proprietà periodiche: Metalli, non metalli, semimetalli.
- Legami chimici: Scala dell'elettronegatività; Molecole e forze intermolecolari. Molecole non polari e polari. Legame covalente; Legame ionico; Interazioni deboli; Risonanza; Ibridazione
- Soluzioni: L’acqua; Proprietà delle soluzioni; Concentrazione delle soluzioni
- Cinetica chimica ed equilibrio chimico (tali argomenti verranno ripresi durante il corso)
Velocità di reazione; Energia di attivazione; Cenni di catalisi;
Equilibrio chimico e costante di equilibrio
- Cenni di Termodinamica: I e II legge. Concetti di Entalpia ed Entropia. Spontaneità delle reazioni, energia libera e trasformazioni energetiche.
- Elettrochimica: Numero di ossidazione degli atomi; Reazioni di ossidoriduzione; Pile chimiche; Potenziale elettrochimico standard;
- Acidi e basi: Sali. Proprietà in soluzione. Neutralizzazione acidi e basi. Forza degli acidi e delle basi. Il pH. Ionizzazione dell'acqua. Acidità e basicità; Soluzioni tampone.
- Elementi di Chimica Organica: Proprietà, classificazione e principali gruppi funzionali:
Idrocarburi; Alcoli; Ammine; Aldeidi e chetoni; Acidi carbossilici.

Contenuti

MODULO BIOLOGIA APPLICATA
•Le macromolecole della vita : gli acidi nucleici; duplicazione del DNA e cromatina
•Struttura e organizzazione dei procarioti
•Cenni sulla struttura e riproduzione dei virus
•Espressione e regolazione del messaggio genetico
•Ciclo cellulare e regolazione
•Divisione cellulare
•Ricombinazione Mutazioni
•Determinazione del sesso
•Mendelismo e alberi genealogici

MODULO BIOCHIMICA
•Le macromolecole della vita: Proteine, Glucidi, Lipidi : Struttura e proprietà
•Enzimi: generalità e meccanismo d’azione
•Bioenergetica: ATP e potenziale redox, Ciclo di Krebs, Fosforilazione ossidativa
•Cenni sull’assorbimento e Metabolismo del glucosio
•Cenni sull’assorbimento e Metabolismo dei lipidi
•Cenni sull’assorbimento e metabolismo delle proteine; Ciclo dell’urea.

Metodi Didattici

La didattica verrà erogata prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online, allo
scopo di garantirne la fruizione in modo innovativo e inclusivo.
Metodi e tecniche di interazione didattica in presenza e online:
- dialogo in aula sollecitato dal docente, in presenza o tramite chat
- Richiami e riferimenti alle condizioni normali e patologiche.
- combinazione di didattica frontale e interattiva con l'utilizzo di strumenti informatici e diversi supporti (video-proiezioni e lavagna)
Al termine del corso, ma anche della singola lezione, è previsto uno adeguato periodo di tempo per la sedimentazione delle informazioni acquisite, la gestione dei dubbi e delle perplessità.
Metodi e tecniche di didattica integrativa:
- interazione docente studente: Comunicazione tramite e-mail o incontri su piattaforma multimediale.
- interazione tra i contenuti: Video e/o pdf delle lezioni su piattaforma di ateneo E-learning (Moodle) o altri siti indicati dal docente.

Sulla base delle condizioni di contesto legate alla pandemia Covid-19, la didattica di entrambi i moduli potrà venire erogata contemporaneamente sia in presenza sia online (in diretta streaming o registrazioni). In tal caso ogni studente, all'inizio del semestre può optare, con scelta vincolante, per la didattica in presenza o a distanza.

Verifica dell'apprendimento

Verifiche in itinere al termine delle lezioni di ciascun modulo con le seguenti modalità:
- Biologia: prova orale
- Biochimica: quiz scritto misto con risposte aperte e a scelta multipla
Chi non supera le verifiche in itinere potrà sostenere l’esame orale.

Verranno valutati: (qualitativo)
acquisizione delle nozioni
conoscenza del linguaggio disciplinare
capacità di mettere in relazione concetti e conoscenze
capacità espositiva

Il voto finale corrisponderà alla media ponderata dei risultati ottenuti nei due moduli.
La valutazione sarà espressa in trentesimi.

In particolare, il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
d) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.
Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23/30)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

Biologia applicata:
-Solomon et al. Elementi di Biologia - EdiSES
-Sadava et al. Elementi di biologia e genetica - Zanichelli
-Donati et al. - Biologia & Genetica - Zanichelli
Biochimica:
- Stefani & Taddei, “Chimica e Biochimica” Zanichelli ed. ed. la più recente)
- Nelson & Cox, “I principi di biochimica di Lehninger”, Zanichelli, Bologna

Altre Informazioni

Il docente di Biologia Applicata riceve tutti i giorni per via telematica (via email: pzavattari@unica.it) o nei locali del Dipartimento di Scienze Biomediche previo appuntamento. Il docente inoltre comunica avvisi relativi ad appelli e materiale didattico mediante il sito docente https://www.unica.it/unica/page/it/patrizia_zavattari).
Il docente di Biochimica riceve gli studenti il lunedì dalle 9.00 alle 10.00, oppure su appuntamento da concordare via email.

Modalità di iscrizione agli esami: iscrizione online sul sito d'Ateneo
obbligo di frequenza: 67% delle firme di presenza.

Appelli proposti:
per le date si fa riferimento al calendario didattico di Facoltà.

Questionario e social

Condividi su: