UniCa Igiene Dentale Corso Informazioni sul corso

Informazioni sul corso

Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Ordinamento
IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE)  
Durata
3   Anni  
Crediti
180  
Tipo di Corso
Corso di Laurea  
Normativa
D.M. 270/2004  
Classe di Laurea
L/SNT3 - Classe delle lauree in Professioni sanitarie tecniche
Tipo di Accesso
Accesso Programmato 
Sedi Didattiche
Cagliari - Università degli Studi 
Sito del Corso
Accedi alla pagina web del Corso 
Elenco Insegnamenti per Percorso/Curriculum
PERCORSO COMUNE - Ordinamento 2017


Requisiti di accesso


Titoli
 
Un'opzione a scelta tra le seguenti
1. - Titolo di Scuola Superiore
2. - Titolo straniero


Coordinatore
ELISABETTA COTTI
elisabetta.cotti@unica.it


Date e Scadenze


Leggi il Manifesto generale degli studi

Contribuzione studentesca


Leggi il Regolamento contribuzione studentesca

Tassa per la partecipazione ai test di ammissione ai Corsi di studio Euro 23,05
Studenti in corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 319,30 a Euro 3.001,45 in funzione dell'ISEE e dei CFU acquisiti
Studenti fuori corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 335,27 a Euro 4.602,75 in funzione dell'ISEE, dell'anno di fuori corso e dei CFU acquisiti
Imposta di bollo Euro 16
Tassa regionale ERSU per reddito complessivo familiare superiore a Euro 25.000 Euro 140
Sono previsti esoneri totali dal pagamento delle tasse o parziali (contributo calmierato e riduzioni), indicati nel Regolamento contribuzione studentesca che è opportuno consultare.

Informazioni generali


Status professionale conferito dal titolo

Igienista Dentale
Gli Igienisti dentali svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale, su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'odontoiatra.

Gli igienisti dentali hanno le competenze per:
-l’accesso al corso di laurea magistrale della classe delle lauree magistrali delle professioni sanitarie tecniche, necessaria per acquisire competenze di tipo dirigenziali per profili organizzativi non medici;
- affrontare i percorsi di aggiornamento e qualificazione post-laurea (master di primo livello; corsi di formazione continua e di perfezionamento).

Caratteristiche prova finale

Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano di studi.
Per la preparazione della tesi e per la prova finale sono attribuiti 5 crediti. Per essere ammesso
all’esame di laurea lo studente deve avere seguito tutti i corsi del piano di studio ed aver superato tutti gli esami previsti. L’esame di laurea verte su una prova pratica e sulla discussione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore; può essere prevista la figura di un docente correlatore.
La prova finale consiste nella dimostrazione di abilità professionali (prova pratica) e nella discussione di una dissertazione scritta (tesi).

Obiettivi formativi specifici:
La prova finale, ai sensi dell’articolo 6 comma 3 del D.Lgs 502/92 e successive modificazioni, ha valore di Esame di Stato abilitante all’esercizio professionale di Igienista Dentale.

Conoscenze richieste per l'accesso

Per essere ammessi al corso di laurea occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo; occorre, inoltre, il possesso o l'acquisizione di un'adeguata preparazione iniziale di biologia, chimica, matematica e fisica e cultura generale.
Il numero di studenti ammessi al Corso è determinato in base alla programmazione nazionale e regionale, alla disponibilità di personale docente, di strutture didattiche (aule, laboratori) e di strutture assistenziali utilizzabili per la conduzione di attività pratiche, applicando gli standard definiti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Il corso è programmato a livello nazionale, ai sensi dell'art. 1 della legge 264/1999; ad esso si applicano le disposizioni in materia di programmazione a livello nazionale annualmente emanate dal Ministero dell'Università e della Ricerca e riportate nei bandi di concorso.

Modalità di verifica della preparazione iniziale
La verifica della preparazione iniziale è organizzata dalla Facoltà, sulla base delle disposizioni emanate ogni anno dal MIUR, secondo quanto previsto in materia di accesso ai corsi a programmazione nazionale.
La prova consiste nella soluzione di quesiti formulati con varie opzioni di risposta, di cui il candidato ne deve individuare una soltanto, scartando le conclusioni errate, arbitrarie o meno probabili su argomenti di Cultura Generale e Ragionamento Logico, Biologia, Chimica, Fisica e Matematica (secondo il programma di cui all'All. A del D.M. ministeriale che definisce i contenuti e le modalità di svolgimento delle prove per i corsi ad accesso programmato a livello nazionale).

Nel caso in cui la verifica della preparazione iniziale non sia positiva, il Consiglio di Classe indicherà specifici obblighi formativi aggiuntivi.
Gli ammessi al CdS che hanno conseguito nella prova di ammissione un punteggio inferiore a quello stabilito ogni anno dal Consiglio di Classe, acquisiscono un debito formativo nelle materie di Biologia e Chimica.
Allo scopo di consentire il recupero del debito formativo, il Consiglio del CdS istituisce attività didattiche propedeutiche che sono svolte nell'arco del 1° semestre del primo anno di corso e che devono essere obbligatoriamente seguite dagli Studenti ammessi con debito formativo.
Tali attività didattiche propedeutiche saranno garantite da i Docenti facenti parte del CdS, o da Tutor didattici appositamente selezionati. La verifica dei risultati conseguiti nelle attività didattiche propedeutiche avverrà nell'ambito della prova di valutazione dei corsi corrispondenti.

Le informazioni sui requisiti di ammissione e sulle modalità di accesso sono consultabili ai seguenti link:
sito di Ateneo: http://people.unica.it/orientamento/bandi-di-selezione/

Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione

ITALIANO

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Igienista Dentale
Gli Igienisti dentali svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale, su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'odontoiatra.

Gli igienisti dentali hanno le competenze per:
-l’accesso al corso di laurea magistrale della classe delle lauree magistrali delle professioni sanitarie tecniche, necessaria per acquisire competenze di tipo dirigenziali per profili organizzativi non medici;
- affrontare i percorsi di aggiornamento e qualificazione post-laurea (master di primo livello; corsi di formazione continua e di perfezionamento).

Conoscenza e comprensione

Area generica
Il laureato dovrà:
- conoscere e saper comprendere i fondamenti della fisica, della statistica e dell’informatica, delle basi della chimica, della genetica e della biologia, con particolare riferimento alle specifiche discipline del cavo orale;
- conoscere e saper comprendere i fondamenti della anatomia umana, istologia, fisiologia con particolare riferimento dell’apparato stomatognatico;
- conoscere e saper comprendere i fondamenti della patologia umana e dei principali quadri morbosi e delle problematiche cliniche e terapeutiche ad essi connesse e complementari al proprio profilo professionale;
- conoscere e saper comprendere le basi mediche, chirurgiche, assistenziali e della loro applicazione nelle fasi di trattamento del paziente, secondo i principi pedagogici, della psicologia, della sociologia e della bioetica;
- conoscere e saper comprendere nozioni interdisciplinari di tipo linguistico, giuridico, bioetico e inerenti alla sicurezza negli ambienti di lavoro;
- conoscere e saper comprendere i fondamenti delle terapie farmacologiche correlate direttamente e indirettamente alla pratica dell’igiene dentale e le eventuali implicazioni delle procedure terapeutiche di patologie sistemiche riguardanti la pratica dell’igiene dentale;
- conoscere e saper comprendere i fondamenti di radiologia e di radioprotezione;
- conoscere e saper comprendere i principi generali di igiene e prevenzione delle infezioni crociate e quindi delle modalità e procedure di disinfezione, sanificazione e sterilizzazione applicate al proprio profilo professionale;
- conoscere e saper comprendere tutto ciò che è relativo agli aspetti demografici, la prevenzione e il trattamento delle malattie di pertinenza dell’igienista dentale;
- conoscere e saper comprendere le manifestazioni orali strettamente correlate a patologie sistemiche; nonché quelle di origine locale e iatrogena;
- conoscere e saper comprendere i fondamenti relativi allo sviluppo embriogenenetico dell’apparato stomatognatico e le alterazioni e/o patologie che possono verificarsi durante le varie fasi di crescita dello stesso;
- conoscere e saper comprendere le principali caratteristiche dei materiali dentali strettamente correlati alla pratica della professione di igienista dentale;
- conoscere e saper comprendere gli aspetti caratterizzanti il profilo professionale dell’igienista dentale acquisiti attraverso l’attività pratica presso strutture ospedaliere;
- conoscere e saper comprendere i tessuti costituenti il cavo orale e in particolar modo dei tessuti di sostegno degli elementi dentali e quindi delle patologie ad essi correlate;
- conoscere e saper comprendere i principali quadri morbosi e delle procedure terapeutiche, mediche e chirurgiche complementari alla professione dell’igienista dentale;
- conoscere e saper comprendere tutto ciò che è necessario all’esecuzione delle manovre di primo soccorso;
- conoscere e saper comprendere le nozioni di tipo teorico utili all’approfondimento delle nozioni necessarie allo sviluppo delle competenze dell’igienista dentale.

Gli strumenti didattici finalizzati al conseguimento delle conoscenze e comprensione sono essenzialmente attività frontali, seminari, laboratori, esercitazioni, tirocini clinici e le ore di studio individuale.
Ciascuna attività formativa può essere erogata come Corso integrato o monodisciplinare, laboratorio, seminario, esercitazione e tirocinio clinico e al termine della stessa è prevista una valutazione dei risultati di apprendimento previsti (conoscenze, capacità, abilità, capacita di apprendimento e autonomia di giudizio).
La valutazione avverrà attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, compenetrando le conoscenze acquisite.
Verrà valutato il contributo critico dimostrato nel corso di attività laboratoriali, seminariali e di tirocinio, nonché durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale (tesi di laurea).
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi nelle diverse discipline avviene attraverso le tipologie di prove e secondo i criteri valutativi dichiarati nelle schede programmi degli insegnamenti.

Capacità di apprendimento

I laureati in Igiene Dentale devono, anche attraverso l'utilizzo di banche dati online,
acquisire capacità di aggiornamento delle conoscenze teoriche attraverso la consultazione e l'analisi delle pubblicazioni scientifiche proprie delle Scienze dell'Igiene dentale, I laureati devono essere in grado di proseguire in piena autonomia il loro percorso di studio e di crescita culturale (laurea magistrale, Corsi di perfezionamento universitari, Master universitari).
I laureati devono essere in grado di interpretare correttamente la legislazione concernente l'esercizio della professione di igienista dentale del paese dell'Unione Europea in cui esercitano e di svolgere l'attività professionale nel rispetto delle norme medico-legali ed etiche vigenti.
La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, valutando lo studio eseguito sia in classe che autonomamente. Verrà valutato il contributo critico dimostrato nel corso di attività seminariali e di tirocinio clinico, nonché durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale (tesi di laurea).

Il laureato dovrà possedere la capacità di apprendere le basi della metodologia della ricerca e sviluppare argomenti di ricerca al fine di migliorare la qualità delle sue nozioni teoriche e dei protocolli di trattamento.

Abilità comunicative

- capacità di comunicazione con il paziente, con le altre figure sanitarie e nei gruppi di lavoro, utilizzando in maniera idonea il linguaggio medico scientifico
- capacità di comunicare attraverso conoscenze linguistiche di base in un'altra lingua
- capacità di comunicazione con il paziente, con le altre figure sanitarie e nei gruppi di lavoro, utilizzando in maniera idonea le conoscenze sulle patologie sistemiche e la loro manifestazione a livello del cavo orale
- capacità di comunicare col paziente con termini semplici ma appropriati il suo stato di salute e i trattamenti che dovranno essere eseguiti.

Autonomia di giudizio

- capacità di valutare autonomamente lo stato di salute del cavo orale del paziente e decidere la terapia di I.O.P.
- capacità di valutare le criticità dello stato di salute generale del paziente
- capacità di valutare sicurezza ed eventuali rischi nella gestione del campo operativo e relativa applicazione degli stessi
- capacità di valutare autonomamente lo stato di salute dei tessuti duri e molli del cavo orale

Il laureato deve avere la capacità di raccogliere ed interpretare i dati (normalmente nel proprio campo di studio) ritenuti utili a determinare giudizi autonomi, inclusa la riflessione su temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi. Il laureato in Igiene Dentale: -Deve essere in grado di gestire autonomamente il trattamento non chirurgico della malattia parodontale e la prevenzione della carie, sempre comunque su indicazione dell'odontoiatra o di altri soggetti abilitati all'esercizio della odontoiatra. - Deve essere in grado di valutare l'efficacia del piano di trattamento, degli interventi compiuti e dei risultati conseguiti. - Deve essere in grado di riconoscere i propri limiti nell'assistere il paziente e riconoscere l'esigenza di indirizzare il paziente ad altre competenze per terapie odontoiatrico-riabilitative o mediche. L'autonomia di giudizio dei laureati si esprimerà con il riconoscimento e la capacità di valutare autonomamente le criticità legate allo stato del paziente, in relazione agli aspetti di igiene orale e prevenzione delle patologie odontoiatriche e nel mettere a punto schemi di prevenzione pratici e/o sperimentali e nello scegliere metodologie, strategie, eventuale utilizzo di apparecchiature, ottimali per raggiungere i risultati attesi, anche grazie alla revisione critica delle informazioni reperite con la ricerca bibliografica e/o informatica. La maturazione di tali capacità avverrà e sarà verificata durante i tirocini. Uguale rilevanza assumeranno la partecipazione attiva alle lezioni, la preparazione degli esami e della prova finale, ulteriori momenti di maturazione e di verifica. L'acquisizione di un comportamento coerente con i fondamenti deontologici costituirà uno degli obiettivi che completerà il percorso formativo. L'autonomia di giudizio sarà verificata mediante le valutazioni da parte dei tutor addetti, mediante gli esami di tirocinio e attraverso la verifica legata all'esame finale

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Area generica
Il laureato dovrà saper:
- applicare le conoscenze delle materie di base utili alla comprensione dei fenomeni fisici, chimici e biologici del settore medico;
- applicare le conoscenze di base della chimica, della genetica e della biologia utili alla comprensione e all’apprendimento delle specifiche discipline del cavo orale;
- illustrare compiutamente e con chiarezza al paziente la morfologia, la fisiologia e l’anatomia delle strutture proprie dell’apparato stomatognatico;
- mettere in pratica la totalità delle prestazioni relative alla professione di igienista dentale, adottando comportamenti atti a prevenire rischi aggiuntivi sia per il paziente, che per l’ambiente;
- utilizzare i dispositivi di protezione individuale;
- organizzare la propria attività dal punto di vista manageriale;
- definire durante l’esercizio della propria professione i comportamenti necessari al controllo delle infezioni crociate, alla prevenzione delle contaminazioni fisiche, chimiche e microbiologiche;
- valutare l’esistenza di eventuali interazioni tra malattie sistemiche e lesioni del cavo orale;

In particolare, il laureato deve essere in grado di:
- riconoscere gli aspetti morfologico-funzionali strettamente correlati allo stato di salute del cavo orale e quindi i segni clinici di una condizione patologica locale e/o sistemica;
- riconoscere i segni vitali e saper praticare le manovre di primo soccorso;
- praticare la gamma completa delle prestazioni caratterizzanti il proprio profilo professionale, su indicazione del medico odontoiatra e nel contesto del trattamento globale del paziente;
- stabilire, durante l’esercizio della professione, efficaci protocolli di prevenzione delle infezioni crociate;
- interagire con altre figure professionali, appartenenti o meno al mondo della sanità, nella pianificazione di interventi volti alla prevenzione delle malattie orali nella comunità;
- comunicare efficacemente con il paziente, motivandolo all’utilizzo di tecniche di igiene orale domiciliare appropriate ed efficaci e quindi sensibilizzare lo stesso al controllo del proprio stato di salute orale attraverso un piano di follow up periodici, un adeguato controllo della propria alimentazione e del proprio stile di vita;
- interagire con i componenti del team specialistico, in particolare con il medico odontoiatra.
Lo studente, nel corso del proprio percorso formativo, deve acquisire le capacità necessarie alla consultazione, costruzione e/o aggiornamento di banche dati, l’acquisizione della documentazione scientifica necessaria alla costruzione di un elaborato autonomo provvisto di iconografia e bibliografia e rappresentativo della tesi per la prova finale.
In ultima analisi, i laureati devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e le proprie capacità di comprensione e quindi definire un valido e maturo approccio professionale al lavoro. Gli stessi devono possedere competenze e abilità comunicative, ideare e sostenere argomentazioni, per affrontare in maniera adeguata la loro attività lavorativa, e conoscere le norme etiche e medico-legali vigenti nel paese in cui esercitano.

Gli strumenti didattici finalizzati al raggiungimento delle capacità di applicare le conoscenze includono, oltre all'insieme delle attività didattiche rivolte allo studente (lezioni frontali, autoapprendimento, ecc.), un'attività pre-clinica a banchi individuali e di tirocinio clinico sul paziente.
La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, compenetrando le conoscenze acquisite nel corso di attività specifiche (feedback di valutazione durante i tirocini clinici e non attraverso schede di valutazione e/o report clinici sulla pratica professionale) e quelle conseguite mediante lo studio personale. Inoltre, viene preso in esame il contributo critico dimostrato nel corso delle esercitazioni, seminari e di tirocinio clinico, e la capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell’attività relativa alla prova finale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi nelle diverse discipline avviene attraverso le tipologie di prove e secondo i criteri valutativi dichiarati nelle schede programmi degli insegnamenti.

Competenze associate alla funzione

Igienista Dentale
Le competenze associate alla funzione dell’Igienista Dentale sono innanzitutto quelle acquisite attraverso il percorso formativo del Corso di Laurea abilitante all’esercizio della professione: conoscenze dei fondamenti della anatomia, fisiologia, patologia umana, procedure terapeutiche medico chirurgiche e le pratiche tecnico-assistenziali relative alle attività contenute nel Decreto Ministeriale istitutivo del profilo professionale (D.M. del Ministero della sanità 15 marzo 1999, n. 137 e successive modificazioni ed integrazioni). Nonché altre competenze trasversali: linguistiche, bioetiche, giuridiche e tecnologiche.

Funzione in contesto di lavoro

Igienista Dentale
Gli igienisti dentali svolgono attività di educazione sanitaria dentale e partecipano a progetti di prevenzione primaria nell'ambito del sistema sanitario pubblico; collaborano alla compilazione della cartella clinica odontostomatologica e si occupano della raccolta di dati tecnico-statistici; provvedono all'ablazione del tartaro e alla levigatura delle radici nonché all'applicazione topica dei vari mezzi profilattici; provvedono all'istruzione sulle varie metodiche di igiene orale e sull'uso dei mezzi diagnostici idonei ad evidenziare placca batterica e patina dentale motivando l'esigenza dei controlli clinici periodici; indicano le norme di un'alimentazione razionale ai fini della tutela della salute dentale.

Descrizione obiettivi formativi specifici

Nell'ambito della professione sanitaria di Igienista Dentale, i Laureati sono gli operatori sanitari cui competono, le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanità 15 marzo 1999, n. 137 e successive modificazioni ed integrazioni, ovvero svolgono, su indicazione degli Odontoiatri e dei Medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'Odontoiatria, compiti relativi alla prevenzione delle affezioni orodentali. I Laureati in Igiene dentale svolgono attività di educazione sanitaria dentale e partecipano a progetti di prevenzione primaria nell'ambito del sistema sanitario pubblico; collaborano alla compilazione della cartella clinica odontostomatologica e si occupano della raccolta di dati tecnico-statistici; provvedono all'ablazione del tartaro e alla levigatura delle radici nonché all'applicazione topica dei vari mezzi profilattici; provvedono all'istruzione sulle varie metodiche di igiene orale e sull'uso dei mezzi diagnostici idonei ad evidenziare placca batterica e patina dentale motivando l'esigenza dei controlli clinici periodici; indicano le norme di un'alimentazione razionale ai fini della tutela della salute dentale; svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale, su indicazione degli Odontoiatri e dei Medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'odontoiatria.
I Laureati in Igiene dentale sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici che si sviluppano in età evolutiva, adulta e geriatrica, sui quali si focalizza il loro intervento clinico. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attività formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi della professione sanitaria suddetta.
Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico del profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attività formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati e di un coordinatore del tirocinio.

Breve descrizione del percorso formativo
Il piano di studi è stato progettato dal CdL secondo gli obiettivi formativi definiti dall’ordinamento didattico ministeriale, i regolamenti di Ateneo, gli obiettivi di apprendimento definiti dal CdL e le risorse messe a disposizione dalla Facoltà.
Nel primo anno lo studente maturerà le conoscenze di base che gli permetteranno di sviluppare lo studio fisiologico, patologico e le metodologie cliniche e le procedure terapeutiche del profilo professionale. Inizierà ad approcciarsi alla pratica professionale in laboratorio per poter poi inserirsi all’interno dei team clinici.
Nel secondo anno approfondirà le conoscenze delle materie caratterizzanti per meglio conoscere le procedure terapeutiche di pertinenza dell’attività clinica dell’Igienista dentale. Inizierà l’approccio al paziente come secondo operatore mettendo in pratica le conoscenze teoriche. Una volta raggiunte le competenze lavorerà come primo operatore.
Nel terzo anno maturerà ulteriori conoscenze nelle materie specifiche della figura dell’Igienista dentale e dal punto di vista clinico svolgerà il compito, su paziente, come primo operatore in relazione agli obiettivi professionalizzanti.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie