La Prova Finale del Corso di Studio ha valore di Esame di Stato abilitante all'esercizio della professione.
La prova finale si compone di:

Prova abilitante

Nel corso della quale lo studente deve dimostrare competenza sia teorica che pratica nell'esecuzione di due diverse indagini. Il candidato sorteggia due tipologie di indagine fra cinque preventivamente selezionate dalla Commissione di Laurea fra tutte quelle su cui è stato preparato e che una volta conseguita la Laurea sarà abilitato a svolgere. Lo studente dovrà, sotto la supervisione di due o più componenti della Commissione, specificamente individuati per tipologia di indagine: - analizzare il caso assegnato, - effettuare la procedura diagnostica richiesta. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e le abilità teoriche-pratiche e tecnicooperative proprie dello specifico profilo professionale. Nell’esecuzione della prova i componenti della Commissione potranno effettuare domande inerenti all’esecuzione della prova pratica ed annotare su apposita scheda la specifica indagine eseguita dal candidato e il livello di performance rilevato, espresso in % (minimo richiesto per ciascuna prova: 70%). Una volta completata la prova pratica, sentito il parere dei componenti che hanno supervisionato i candidati, la Commissione al completo approva o meno il superamento della prova pratica.
Il superamento della prova consente l’ammissione alla discussione di una dissertazione scritta.

Dissertazione della tesi

La tesi tratterà una tematica relativa ad uno dei settori scientifico-disciplinari di base, caratterizzanti, affini o integrativi, o, comunque, coerente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio; nell'elaborato lo studente riporta le conoscenze acquisite sull'argomento trattato, dimostrando la capacità di elaborare criticamente le informazioni desunte dalle ricerche effettuate sui dati consultati.

Questionario e social

Condividi su: