Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
GAVINO FAA (Tit.)
DANIELA FANNI
Periodo
Annuale 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/39]  MEDICINA E CHIRURGIA [39/00 - Ord. 2015]  PERCORSO COMUNE 12 135

Obiettivi

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE: lo studente dovrà conoscere principali lesioni morfologiche (macroscopiche, microscopiche e ultrastrutturali) delle principali entità patologiche sistematiche. Inoltre, lo studente dovrà conoscere le correlazioni tra alterazioni citologiche, istologiche e quadro clinico.
CAPACITA’ APPLICATIVE: lo studente dovrà acquisire la capacità di affrontare il percorso diagnostico patologico delle principali entità patologiche sistematiche; lo studente dovrà sapersi spiegare le diagnosi differenziali dal punto di vista patologico, correlando ed integrando i dati clinici, di laboratorio, strumentali al quadro macroscopico, istologico, eventualmente immunofenotipico, ultrastrutturale e di biologia molecolare.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: lo studente imparerà ad acquisire ed integrare i dati anamnestici, di laboratorio e strumentali con i dati di macroscopica, istologia, immunoistochimica, ultrastrutturali e di biologia molecolare al fine di formulare un giudizio diagnostico nell’ambito delle principali entità patologiche sistematiche.
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE: lo studente imparerà ad esporre e a comunicare in modo appropriato i dati rilevanti ad una determinata patologia relativa ad un caso clinico.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: lo studente imparerà ad acquisire nuove informazioni e ad implementare il proprio bagaglio culturale in modo critico attraverso la consultazione ed interpretazione critica della recente letteratura scientifica.

Prerequisiti

Conoscenza dell'Anatomia umana normale e dell'istologia umana normale di tutti gli organi ed apparati.

Contenuti

ANATOMIA PATOLOGICA
I PARTE
CITOLOGIA
- Criteri morfologici citologici di malignità
- Citologia cervico-vaginale (Bethesda System)
- Citologia urinaria (Paris System)
- Citologia mammaria
- Citologia tiroidea
PATOLOGIA DELLA TESTA E DEL COLLO
- Cavo orale: patologia infiammatoria, lesioni precancerose e patologia neoplastica
- Tumori delle ghiandole salivari
RESPIRATORIO
- Immaturità polmonare, displasia acinare, proteinosi alveolare
- Laringiti, bronchiti e bronchioliti
- Broncopneumopatia cronica ostruttiva
- Edema polmonare
- IRDS e ARDS – SARS
- COVID 19: meccanismi molecolari, patologia sistematica, istologia polmonare, aspetti
ultrastrutturali della patologia polmonare
- Tromboembolia polmonare
- Polmonite lobare
- Broncopolmonite a focolai
- Polmoniti virali
- TBC
- Polmoniti interstiziali idiopatiche
- Sarcoidosi
- Pleuriti
- Tumori polmonari primitivi
- Iperplasia idiopatica di cellule neuroendocrine
- Tumori neuroendocrini
- Ciliopatie
LINFATICO
- schema di lettura del linfonodo
- Linfoadeniti aspecifiche
- Linfoadeniti granulomatose
- Linfoadenite da Bartonella Henselae, da EBV, da TBC e da toxoplasma
- Linfomi non Hodgkin a cellule B: follicolare, mantellare, della zona marginale, leucemia
linfatica cronica, DLBCL, Burkitt
- Linfomi non Hodgkin a cellule T: ALCL, Linfoma di derivazione dai linfociti T periferici non
altrimenti specificati, angioimmunoblastico, linfomi di derivazione dai linfociti T-helper follicolari
- Linfoma di Hodgkin classico e sue varianti (scleronodulare, cellularità mista, ricco in linfociti,
deplezione linfocitaria) e nodulare a prevalenza linfocitaria.
- Timomi
MIDOLLO OSSEO
- schema di lettura della biopsia osteomidollare
- Aplasia midollare
- Mielodisplasie
- Leucemia mieloide acuta
- Leucemia mieloide cronica
- Mielofibrosi idiopatica
- MGUS e mieloma multiplo
PLACENTA
- schema di lettura della placenta: datazione
- Funisite, arterite e flebite funicolare
- Corionamnioniti
- IUGR
- Eclampsia
- Mola idatidea
- Coriocarcinoma
CUORE E VASI
- Rimodellamento cardiaco
- Cuore d’atleta
- Cardiopatia ischemica
- Aterosclerosi
- ACE2, COVID19 e patologia cardiovascolare
- Infarto acuto del miocardio
- Miocarditi
- Cardiomiopatie: ipertrofica, dilatativa, aritmogena, restrittiva
- Cardiopatia reumatica
- Endocarditi
- Pericarditi
- Vasculiti: Horton, Takaysu, panarterite nodosa, Kawasaki
RENE
- Schema di lettura della biopsia renale: valutazione dell’architettura
- Lesioni elementari del glomerulo
- ruolo della miscroscopia elettronica nella diagnosi della patologia renale
- Rene policistico
- Sindrome di Alport
- Minimal Change Disease (nefrosi lipoidea)
- Glomerulonefriti: membranosa, membranoproliferativa, da depositi di IgA, proliferativa
extracapillare, post-streptocogica
- Glomerulosclerosi focale segmentale
- Glomerulonefrite lupica
- Nefropatia diabetica
- Amiloidosi renale e malattia da catene leggere
- Nefrosclerosi
- Necrosi tubulare acuta
- Tumori primitivi del rene
GHIANDOLA MAMMARIA
- Displasia mammaria
- Carcinoma duttale in situ e invasivo
- Carcinoma lobulare
- Morbo di Paget
- Classificazione molecolare del carcinoma mammario
- Fibroadenoma e tumore filloide
II PARTE
GASTROENTERICO
- Esofagiti
- Esofago di Barrett
- Malattia da reflusso
- Tumori esofagei
- Gastriti
- Malattia ulcerativa peptica
- Polipi gastrici
- Tumori gastrici
- Morbo celiaco
- Malattia diverticolare
- Coliti
- IBD
- Polipi e adenomi del colon-retto
- Neoplasia di ileo, colon e retto
PANCREAS
- Pancreatiti acute e croniche
- Carcinoma del pancreas
FEGATO
- Schema di lettura della biopsia epatica
- Lesioni elementari
- Epatiti virali
- COVID
- Epatiti da farmaci
- Epatiti autoimmuni (AILD)
- Epatopatia alcolica
- Steatoepatite non-alcolica (NAFLD e NASH)
- Morbo di Wilson
- Deficit di A1AT
- Patologia delle vie biliari intraepatiche
- Cirrosi
- Carcinoma epatocellulare
- Carcinoma co

Metodi Didattici

Il corso si svolgerà con lezioni frontali che prevedono l’uso di presentazioni e attività pratica con presentazione di casi clinici patologici diagnosticati all’interno dei laboratori dell’UOC di Anatomia Patologica dell’AOU di Cagliari. Sia le lezioni frontali, ma soprattutto l’attività didattica pratica, prevedono l’utilizzo di materiale iconografico statico e dinamico unitamente ai dati clinico-laboratoristici-strumentali a fine esemplificativo del processo diagnostico patologico istopatologico integrato. La didattica verrà erogata online a distanza.

Verifica dell'apprendimento

L'esame finale del corso è basato sulla valutazione di una prova orale e tiene conto della prova in itinere eventualmente sostenuta alla fine del promo semestre. Nella prova orale lo studente dovrà rispondere a multiple domande a risposta aperta su diversi argomenti del programma presentati. Ogni domanda viene valutata con un punteggio da 0 a 10.
In entrambi i casi il voto finale è espresso in trentesimi. La prova è superata se si consegue almeno la votazione di 18/30.
Le modalità di verifica e di valutazione e i criteri di attribuzione del voto finale si basano sulla capacità di appropriatezza del linguaggio utilizzato dal candidato e sulla capacità di descrizione dello stesso delle principali entità patologiche sistematiche.
Il voto finale tiene conto di:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
e) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
f) Capacità di sintesi.
Il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune, capacità espressive modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e di espressione grafica; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e di espressione grafica.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

Gallo d'Amati. Anatomia Patologica La sistematica. Seconda Edizione (2018). EDRA

Altre Informazioni

Le iscrizioni agli appelli di esame verranno effettuate mediante accesso su ESSE3
Potranno sostenere l’esame gli studenti che avranno frequentato non meno del 70% delle lezioni frontali complessive e non meno del 50% di ciascun modulo e frequenza di tutte le ore previste per l’attività professionalizzante.
Le diapositive delle lezioni didattica frontale sono state caricate in formato .pdf caricati sulla piattaforma Teams, Team Lezioni di Anatomia Patologica.

Questionario e social

Condividi su: