Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
GIAN LUCA FERRI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/39]  MEDICINA E CHIRURGIA [39/00 - Ord. 2020]  PERCORSO COMUNE 5 65

Obiettivi

Obiettivi
Lo studente sarà in grado di descrivere l’organizzazione strutturale dell’apparato locomotore; in particolare dovrà saper identificare le ossa del neurocranio e splancnocranio e descriverne le caratteristiche peculiari, spiegare il significato delle caratteristiche di superficie delle singole ossa, nonché discuterne la funzione, con aspetti correlati allo sviluppo ed alle diverse età.
Lo studente sarà in grado di descrivere le relazioni esistenti tra ossa appartenenti allo scheletro assile ed appendicolare e relativi muscoli, correlando le caratteristiche morfologiche a quelle funzionali e spiegando in che modo le diverse leve rendono i muscoli efficienti nel compimento dei movimenti dello scheletro.
Tali conoscenze saranno strumentali alla comprensione delle alterazioni fisiopatologiche e delle manifestazioni cliniche e del ragionamento diagnostico.

Descrittori di Dublino
Conoscenza e capacità di comprensione:
Acquisizione di strumenti critici e familiarità con le tematiche inerenti le diverse parti del sistema locomotore, la loro architettura e relazioni, anche ai sensi dell’anatomia clinica e delle principali correlazioni funzionali di organismo nel movimento e nelle posture.
Capacità applicative:
Attività autonome e guidate per la sistematizzazione delle conoscenze mediante riconoscimento delle diverse strutture nervose in atlanti con illustrazioni e reiativi software 3D.
Autonomia di giudizio:
Le lezioni saranno impostate in modo da consentire agli studenti di acquisire la capacità di valutare criticamente le conoscenze degli argomenti trattati.
Abilità nella comunicazione:
Acquisizione della capacità di descrivere in modo essenziale, completo e con lessico adeguato l’organizzazione del sistema locomotore e i rapporti immediati tra l’attività funzionale delle componenti osse, articolari, muscolari, e relativa innervazione periferica. Uso del linguaggio specifico (nomenclatura e terminologia) in modo appropriato, autonomo e significativo. Dimostrazione della comprensione delle conoscenze apprese mediante comunicazione orale e rappresentazioni grafiche.
Capacità di apprendere:
Conoscenze teoriche essenziali della struttura di ossa, articolazioni, muscoli ed elementi del sistema nervoso periferico, acquisite da testi avanzati di livello universitario ed eventualmente da pubblicazioni su riviste internazionali utili per lo sviluppo, l’approfondimento e l’aggiornamento continuo delle conoscenze.

Prerequisiti

Prerequisiti
Conoscenze di istologia, biochimica nei limiti di quanto stabilito del Regolamento didattico del corso di laurea.

Contenuti

Anatomia esterna e di superficie dell’organismo e delle sue parti. Posizione anatomica di riferimento, linee e piani di riferimento, terminologia anatomica e del movimento. Regioni, cavità e spazi corporei.
APPARATO LOCOMOTORE
Generalità, classificazione e cenni sullo sviluppo delle ossa. Classificazione e struttura generale delle sinartrosi e delle articolazioni sinoviali e relativi movimenti. Per alcune articolazioni si richiede uno studio analitico: descrizione delle superfici articolari, organizzazione della capsula articolare, legamenti di rinforzo, rapporti con i muscoli.
Generalità sui muscoli scheletrici, classificazione, muscoli agonisti e antagonisti, formazioni accessorie, fasce e logge muscolari. Per alcuni muscoli si richiede uno studio analitico: origine, inserzione, rapporti ed azione.
Testa: Caratteristiche generali, architettura e rapporti delle ossa che costituiscono il neuro e lo splancnocranio. Osso ioide. Fosse craniche anteriore, media e posteriore: costituzione, forami e loro contenuto, comunicazioni con altre regioni. Fosse temporale, infratemporale e pterigopalatina. Cavità orbitarie, nasali e buccale. Seni paranasali. Studio analitico dell’articolazione temporo-mandibolare. Generalità sui muscoli mimici, studio analitico dei muscoli masticatori.
Tronco: Colonna vertebrale nel suo insieme; caratteristiche generali delle vertebre e distintive dei diversi tratti della colonna. Coste e sterno. Gabbia toracica nell’insieme. Studio analitico delle articolazioni intervertebrali, cranio-vertebrali, costo- vertebrali.
Nomenclatura e rapporti dei muscoli spino-appendicolari e spino-costali. Studio analitico dei muscoli trapezio e grande dorsale. Generalità sui muscoli spino-dorsali. Fasce del dorso. Studio analitico dei muscoli sternocleidomastoideo, sopra e sottoioidei e scaleni. Generalità sui muscoli prevertebrali. Fasce del collo. Muscoli intrinseci del torace. Studio analitico dei muscoli toraco-appendicolari, diaframma, muscoli retto, obliqui interno ed esterno, trasverso, quadrato dei lombi e le relative fasce. Canale inguinale.
Arto superiore: Caratteristiche generali di scapola, clavicola, omero, ulna e radio. Nomenclatura e posizione delle ossa della mano. Generalità sulle articolazioni del cingolo scapolare. Studio analitico delle articolazioni scapolo-omerale e del gomito. Generalità sulle articolazioni radio-carpica e della mano. Studio analitico dei muscoli della spalla e del braccio. Nomenclatura dei muscoli dell’avambraccio, disposizione nelle relative logge e principali azioni dei gruppi muscolari. Generalità sui muscoli della mano. Cavità ascellare. Fossa cubitale.
Arto inferiore: Caratteristiche generali dell’osso dell’anca e di femore, tibia, fibula e patella. Nomenclatura e posizione delle ossa del piede. Bacino osseo. Generalità sulle articolazioni del cingolo pelvico. Studio analitico delle articolazioni coxo-femorale e del ginocchio. Generalità sulle articolazioni talo-crurale e del piede. Studio analitico dei muscoli dell’anca e della coscia. Nomenclatura dei muscoli della gamba, disposizione nelle relative logge e principali azioni dei diversi gruppi muscolari. Generalità sui muscoli del piede. Triangolo femorale e canale dei vasi femorali. Fossa poplitea.
Sistema Nervoso Periferico
Organizzazione e formazione dei nervi spinali. Plessi spinali e loro rami principali, aspetti anatomo-funzionali e nozioni sul decorso.
Organizzazione anatomo-funzionale dei nervi cranici. Elementi essenziali su loro origine apparente e decorso cranico. Organizzazione e rami principali del Trigemino (Corso Dispari).
Organizzazione generale del sistema nervoso viscerale, componenti sensitive e motorie, relazioni con i nervi spinali, cenni sulle relazioni con i nervi cranici (Corso Dispari).

Metodi Didattici

Metodi e tecniche d’interazione didattica in presenza del docente:
Lezioni frontali.
Dialogo in aula sollecitato dal docente volto alla comprensione dei temi trattati e alla gestione di dubbi e perplessità sulle informazioni acquisite.
Combinazione di didattica frontale e interattiva con l'utilizzo di modelli anatomici.
Il Docente sarà disponibile per incontri e/o spiegazioni su richiesta, tramite contatto e-mail.

La didattica verrà erogata in presenza e/o on line, in rapporto alle indicazioni organizzative dell’Università e del Corso di Laurea. Ogni studente, all'inizio del semestre, può manifestare, con scelta vincolante, la preferenza per la sua partecipazione alla didattica in presenza, o a quella svolta a distanza. In funzione della disponibilità e dell’organizzazione complessiva, potrà essere prevista una turnazione per l'accesso alla didattica in presenza.

Verifica dell'apprendimento

Ci si iscrive all’esame con procedura telematica (ESSE3). Le date degli esami sono pubblicate sul sito web del Corso di Laurea. Nel caso di un elevato numero di iscritti, sarà programmata la valutazione nell’arco di alcuni giorni. Per le esigenze connesse alla situazione epidemiologica, l'esame potrà essere svolto con ausili informatici autorizzati dall'Ateneo.
La valutazione finale/esame sarà effettuata mediante colloquio, in cui lo studente dovrà discutere alcuni argomenti proposti dal docente, inerenti l’organizzazione del sistema locomotore, le sue parti e loro interazioni topografiche e funzionali, il sistema nervoso periferico, ed aspetti applicativi relativi a movimento e posture. Lo studente potrà usare rappresentazioni schematiche redatte al momento.
Saranno valutate la qualità delle conoscenze, le competenze, l’uso di terminologia appropriata, la capacità di espressione, le capacità logiche e di sintesi, e di collegamento tra concetti e conoscenze.
Il voto è espresso in trentesimi, tramite valutazione complessiva dei docenti della commissione, in base alle risposte sugli argomenti proposti, per ciascuno dei quali deve essere dimostrata una preparazione almeno elementare. La prova è superata se si consegue almeno la votazione di 18/30.
Il voto finale tiene conto di:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Uso appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
e) Capacità di collegare differenti argomenti in un disegno generale coerente, curando organizzazione e connessioni logiche del discorso;
f) Capacità di sintesi.
Il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni, livello superficiale, molte lacune, capacità espressive modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità di livello elementare; scarsa capacità di sintesi ed espressione grafica; scarsa interazione durante il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discrete nozioni, scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e di espressione grafica.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato mostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e di espressione grafica.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza ed attitudine alla sintesi; elevate capacità di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra nozioni estese ed approfondite, lacune irrilevanti; elevate capacità espressive e padronanza del linguaggio; ottima capacità dialogica, attitudine a collegamenti tra argomenti; ottima capacità di sintesi e dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente che dimostrano eccellente, coerente e sicura competenza e padronanza degli argomenti.

Testi

Cunningham’s: Trattato di Anatomia umana. Piccin
Standring S; ANATOMIA DEL GRAY – Elsevier Masson
Moore KL- Dalley AF; ANATOMIA UMANA con riferimenti clinici – Casa Editrice Ambrosiana

Testi accessori

F.H. Netter; ATLANTE DI ANATOMIA UMANA - Masson
Platzer; ANATOMIA UMANA; ATLANTE TASCABILE, Vol 1, Apparato Locomotore – Casa Editrice Ambrosiana
J. Sobotta; ATLANTE DI ANATOMIA UMANA - UTET
Gilroy A.M. et al. – ATLANTE DI ANATOMIA – PROMETHEUS UNIVERSITA’ – UTET

Altre Informazioni

Modalità di ricevimento studenti: previo appuntamento via email (consultare il sito web dell’università di Cagliari per i relativi indirizzi)

Questionario e social

Condividi su: