Cotutela di tesi

È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria (Voltaire)

La cotutela di tesi per il dottorato di ricerca (art. 16 del Regolamento di Ateneo dei corsi di dottorato di ricerca) consiste nell’elaborazione di una tesi sotto la direzione congiunta di un/a docente dell’Ateneo e di un/a docente dell’università estera partecipante alla cotutela, con il ruolo di supervisori/e dell’attività di ricerca e del lavoro di tesi del/della dottorando/a. 

Come fare per attivare una cotutela?

Per i/le dottorandi/e immatricolati/e all'Università degli Studi di Cagliari, con il supporto del/della supervisore/a, è necessario proporre un progetto di ricerca e individuare un/a referente all’estero. Entro il primo semestre del secondo anno, si dovrà presentare domanda tramite apposito modulo:

  • al Settore dottorati e master;
  • al Collegio dei docenti del corso di dottorato di ricerca.

Per i/le dottorandi/e immatricolati presso un Ateneo estero, è necessario individuare un/a referente UniCa e presentare domanda tramite apposito modulo:

  • al Settore dottorati e master;
  • al Collegio dei docenti del corso di dottorato di ricerca.

Successivamente, si dovranno fornire all’Ufficio i contatti del/della referente amministrativo/a presso l’università partner, in modo che l’Ufficio possa avviare l’iter per la stipula della convenzione specifica di cotutela.

Il/La dottorando/a sarà iscritto in entrambe le università e dovrà soggiornare nell’università partner per un periodo compreso tra i 6 e i 18 mesi durante i 3 anni del programma di dottorato.

L'esame finale sarà unico e si svolgerà presso una delle due università partecipanti all’accordo. 

Al termine del percorso di cotutela, il/la dottorando/a riceverà un doppio titolo riconosciuto da entrambe le istituzioni

 

Per maggiori informazioni:

Settore dottorati e master: dottoratiemaster@unica.it

Dott.ssa Monica Carta, e-mail: monica.carta@amm.unica.it

Dott.ssa Roberta Leu, e-mail: roberta.leu@amm.unica.it

Questionario e social

Condividi su: