Progetto DISCENTIA

Con D.M. n. 267 del 12.05.2017 è stato ammesso a finanziamento il progetto “Internazionalizzazione” sulla programmazione MIUR 2016/2018 per un importo totale di € 1.032.764,00.

Il progetto DISCENTIA (DIgital SCience and EducatioN for Teaching Innovative Assessment) nasce dalla profonda convinzione dell’Ateneo di Cagliari sul fatto che l’insegnamento universitario possa accompagnare l’apprendimento degli studenti in tutte le fasi della carriera universitaria, dalla fase di accoglienza fino all’acquisizione del titolo di studio, e garantire l’acquisizione di competenze adeguate ad affrontare il mondo del lavoro nella società europea della Conoscenza.

L’Ateneo sostiene il processo di convergenza del sistema di istruzione superiore verso il modello condiviso del Processo di Bologna e promuove una formazione che porta lo studente al centro della pianificazione (e della realizzazione) dell’offerta didattica, passando da un modello ex cathedra, incentrato sul professore e su ciò che insegna, ad un modello dinamico incentrato su chi apprende e sulle competenze che acquisirà durante gli studi.
Il progetto è stato finanziato dal MIUR per un importo pari a € 1.195.300, mentre il cofinanziamento dell’Ateneo è di € 265.000.

Obiettivo
Supportare l’aggiornamento dei docenti con riferimento alle metodologie didattiche in ambito universitario; formare nuovi assunti, dottorandi, tecnici e quanti stanno a contatto con gli studenti, anche attraverso la modalità e-learning, su problematiche e tecniche della didattica universitaria, con specifica attenzione allo studente.

Risultati attesi
Fornire ai docenti uno strumento ulteriore per accrescere il successo formativo degli studenti.
Diffondere in Ateneo la realizzazione di una didattica moderna utile a sostenere l’apprendimento attivo dello studente.
Aggiornare qualitativamente le competenze didattiche dei docenti per migliorare la didattica universitaria.
Diffondere tra i docenti le opportunità didattiche offerte dalle tecnologie dell’informazione.
Aumentare quantitativamente il numero dei docenti che hanno ricevuto una formazione in ambito didattico.
Fornire strumenti per il monitoraggio e il supporto alla formazione a dottorandi, assegnisti e personale tecnico-amministrativo che assistono alle attività di studio degli studenti, con la supervisione del docente titolare.
Tali risultati verranno raggiunti attraverso una serie coordinata di azioni previste negli anni 2017 e 2018.

Azioni 2017
Attività di formazione di base per i docenti dell’Ateneo: aspetti docimologici della didattica e relazioni esistenti tra obiettivi formativi, metodi e strumenti didattici, e metodi e criteri di valutazione (2 edizioni).
Attività di formazione specifica su utilizzo di nuove tecnologie, in particolare di tipo informatico.
Predisposizione di lezioni in e-learning a favore di dottorandi, assegnisti e tutor didattici che supportano le attività di studio degli studenti, al fine di fornire loro le necessarie competenze metodologiche.
Predisposizione di uno strumento informatico per il monitoraggio delle attività, concepito come un “cruscotto” di controllo relativo alla gestione delle attività, e più specificatamente come un sistema destinato a tracciare lo svolgimento e a fornire la reportistica delle attività formative svolte e dei soggetti partecipanti.

Azioni 2018
Attività di formazione di base per i docenti dell’Ateneo: aspetti docimologici della didattica e relazioni esistenti tra obiettivi formativi, metodi e strumenti didattici, e metodi e criteri di valutazione.
Attività di formazione specifica su utilizzo di nuove tecnologie, in particolare di tipo informatico.
Erogazione della didattica in e-learning a favore dei dottorandi, assegnisti e tutor didattici che supportano le attività di studio degli studenti.
Attività di formazione specifica per il personale tecnico-amministrativo che affianca i docenti nelle attività di laboratorio;
Interventi seminariali a contenuto specifico.
Creazione di laboratori per didattica virtualizzata multidisciplinare rivolta, con differenti livelli di approfondimento e profilazione, ai professori, ricercatori, personale tecnico-amministrativo, tutori, dottorandi e assegnisti, che consenta di generare processi di sperimentazione didattica avanzata.

Questionario e social

Condividi su: