Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
ALBERTO CAULI (Tit.)
SABRINA RITA GIGLIO
MATTEO PIGA
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/39]  MEDICINA E CHIRURGIA [39/00 - Ord. 2015]  PERCORSO COMUNE 8 110

Obiettivi

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE:Lo studente deve acquisire le conoscenze relative alla definizione e classificazione delle Malattie Reumatiche ed alla loro epidemiologia. Delle Malattie Reumatiche deve inoltre apprendere i fattori di suscettibilità e di rischio, l’eziopatogenesi, le nozioni di prevenzione, i quadri clinici. Lo studente deve apprendere le conoscenze fondamentali di genetica umana e medica, con particolare riguardo alle patologie geniche, cromosomiche e multifattoriali applicabili alla genetica medica. Deve inoltre acquisire le basi della consulenza di genetica e del laboratorio di genetica
CAPACITA’ APPLICATIVE: delle stesse Malattie lo studente dovrà acquisire la metodologia per l’anamnesi, l’esame obbiettivo e il significato degli esami di laboratorio e strumentali. Deve infine acquisire le conoscenze concernenti la terapia medica delle Malattie Reumatiche. Lo studente deve acquisire le conoscenze di base necessarie alla valutazione genealogica, alla analisi dei modelli di trasmissione utili per la diagnosi e la formulazione di prognosi di rischio individuale e riproduttivo. Deve inoltre acquisire quelle competenze indispensabili per un adeguato approccio al paziente affetto da patologie genetiche
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Lo studente imparerà ad acquisire ed integrare dati anamnestici e strumentali al fine di formulare un giudizio diagnostico nell’ambito delle malattie reumatologiche e delle patologie genetiche.
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE: Lo studente imparerà ad esporre i dati rilevanti di un determinato caso clinico e a comunicare in modo appropriato lo sviluppo e l’esito di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici mirati.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: Lo studente imparerà ad acquisire nuove informazioni e ad implementare il proprio bagaglio culturale in modo critico attraverso la consultazione ed interpretazione della recente letteratura scientifica.

Prerequisiti

Anatomia Umana, Fisiologia Umana, Patologia Generale, Medicina di Laboratorio, Medicina Interna I, Farmacologia.

Contenuti

PROGRAMMA UFFICIALE DI REUMATOLOGIA EMANATO DAL COLLEGIO NAZIONALE DEI DOCENTI DI REUMATOLOGIA

- Definizione e classificazione delle Malattie Reumatiche

- Epidemiologia delle Malattie Reumatiche

- Eziopatogenesi e fattori di suscettibilità e rischio, nozioni di prevenzione; quadri clinici; anamnesi; esame obiettivo; esami di laboratorio e strumentali con relativa sensibilità e specificità; terapia medica e riabilitazione delle seguenti malattie o gruppi di malattie:

1) ARTRITI ACUTE E CRONICHE
- ARTRITE REUMATOIDE DELLADULTO E GIOVANILE
- SPONDILOARTRITI SIERONEGATIVE O ENTESOARTRITI (Spondilite Anchilosante, Artrite Psoriasica, Artriti associate a enteropatie infiammatorie croniche, M. di Reiter cr.).


2) ARTRITI DA AGENTI INFETTIVI
- ARTRITI SETTICHE
- ARTRITI REATTIVE


3) CONNETTIVITI o MALATTIE REUMATICHE SISTEMICHE
- LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO
- SCLEROSI SISTEMICA
- POLIMIOSITE / DERMATOMIOSITE
- SINDROME DI SJOGREN
- POLIMIALGIA REUMATICA
- VASCULITI SISTEMCHE (Arterite temporale, A. di Takayasu, Panarterite Nodosa, Granulomatosi di Wegener, Sindrome di Churg-Stauss, Micropoliangioite, Sindrome di Schonlein-Henoch, Vasculite crioglobulinemica, Vasculiti secondarie a infezioni e a farmaci, Malattia di Behcet).


4) ARTROPATIE da MICROCRISTALLI, da ALTERAZIONI ENDOCRINO-
METABOLICHE e da DEPOSITO
- GOTTA
- CONDROCALCINOSI.

5) OSTEOARTROSI PRIMITIVA E SECONDARIA, GENERALIZZATA e delle VARIE
SEDI ARTICOLARI

6) ENTESOPATIE
- SPONDILOPATIA IPEROSTOSANTE DISMETABOLICA (DISH/PID)

7) MALATTIE DELLOSSO
- OSTEOPOROSI
- OSTEOMALACIA
- M. di PAGET

8) REUMATISMI EXTRA-ARTICOLARI
- FIBROMIALGIA
- REUMATISMI EXTRA-ARTICOLARI LOCALIZZATI

9) NEOPLASIE DELLE ARTICOLAZIONI e SINDROMI PARANEOPLASTICHE


10) SIDROMI SECONDARIE A NEUROPATIE PERIFERICHE
- S. DEL TUNNEL CARPALE
- SINDROME ALGODISTROFICA



PROGRAMMA UFFICIALE DI GENETICA MEDICA

1. Genetica Generale: le basi dell'ereditarietà dei caratteri
2. Eredità autosomica
3. Eredità legata al sesso
4. Eredità multifattoriale
5. Le malattie cromosomiche
6. Malattie da un singolo gene
7. La consulenza Genetica e i Tumori eredo-familiari
8. HLA e malattie.

Metodi Didattici

Metodi e tecniche d'interazione didattica in presenza del docente o a distanza in relazione alle necessità di prevenzione del contagio e riduzione della disseminazione della pandemia da COVID19.
Durante le lezioni frontali i docenti solleciteranno il dialogo volto alla comprensione in aula (anche virtuale) dei processi spiegati;si serviranno di supporti informatici e video-proiezioni.

Verifica dell'apprendimento

L'esame finale del corso è basato sulla valutazione di una prova orale.
Prova orale: lo studente dovrà rispondere a 3 domande a risposta aperta su argomenti diversi del programma presentati anche sotto forma di caso clinico. Ogni domanda viene valutata con un punteggio da 0 a 10.
In entrambi i casi il voto finale è espresso in trentesimi. La prova è superata se si consegue almeno la votazione di 18/30.
Sono valutate la conoscenza degli argomenti del corso, la capacità di formulare ipotesi diagnostiche e la capacità di verificarle mediante l’impostazione di un opportuno programma diagnostico. Sarà inoltre valutata le conoscenze non specialistiche delle terapie relative alle diverse patologie prese in esame. Viene in fine valutata la capacità di espressione, l’uso di terminologia appropriata, la capacità di sintesi.
Il voto finale tiene conto di:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
e) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
f) Capacità di sintesi.
Il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, capacità espressive modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione .
La lode si attribuisce a candidati più che eccellenti.

Testi

Reumatologia
- UNIREUMA Reumatologia per Studenti in Medicina, Ed. Idelson Gnocchi

Genetica medica
Genetica molecolare umana
Autore/i: Strachan - Read | Editore: Zanichelli
Genetica umana e medica
Autore/i: Neri - Genuardi | Editore: Elsevier – Masson

Altre Informazioni

Modalità di ricevimento studenti previo appuntamento per e-mail

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie