Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
FABIO PARASCANDOLO (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[20/44]  STORIA E SOCIETÀ [44/00 - Ord. 2016]  PERCORSO COMUNE 6 30

Obiettivi

L’unità didattica ha per obiettivo l'apprendimento degli strumenti fondamentali (teorici e metodologici) degli studi geografici volti all’analisi delle dinamiche territoriali, secondo una prospettiva storico-culturale. Il corso ha inoltre la finalità di far acquisire le competenze necessarie a una successiva applicazione delle conoscenze nella ricerca, nella didattica e nei sistemi di trasmissione della cultura propri della società dell'informazione, e ciò tenendo per altro conto dei valori delle società locali.

Le competenze che si intendono sviluppare riguardano l’acquisizione di una buona conoscenza delle dinamiche ambientali, politiche, economiche e sociali in una prospettiva interdisciplinare, con particolare riguardo alle discipline del territorio. I laureati dovranno essere in grado di avere acquisito una preparazione approfondita anche negli studi delle discipline geografiche in vista di una sua successiva applicazione nella ricerca, nella didattica e negli studi culturali.
I laureati dovranno dimostrare conoscenze e capacità di comprensione che estendono quelle del primo ciclo di studi, consentendo loro di elaborare idee originali. Essi esprimeranno capacità di applicare conoscenza e comprensione, e di risolvere problemi in ambiti nuovi e inseriti in contesti interdisciplinari. Saranno messi in grado di integrare le conoscenze, gestirne la complessità e formulare giudizi autonomi, anche sulla base di informazioni incomplete, includendo la riflessione sulle responsabilità sociali ed etiche collegate all’applicazione delle loro conoscenze e valori. Dovranno infine saper comunicare le loro conclusioni e conoscenze e la ratio ad esse sottesa, a interlocutori specialisti e non specialisti.
Dovranno altresì agire autonomamente, acquisendo capacità di apprendimento e applicandole nella ricerca e nell’uso critico delle fonti e della letteratura.

Prerequisiti

Conoscenza dei principali paradigmi geografici. Lo studente deve essere in grado di individuare problematiche geografiche generali e saper inquadrare il rapporto fra società, culture e territorio nella trasformazione del mondo attuale globalizzato, nell'area mediterranea in particolare.

Contenuti

L'unità didattica, articolata in tre parti, si baserà sulla geografia del paesaggio come filtro di analisi per interpretare i rapporti socio-ecologici e la loro evoluzione storica. L'approccio sviluppato terrà conto della consolidata lezione della geografia umana, e più in generale di quella delle scienze del territorio. Il corso esaminerà le relazioni fra spazio, luoghi, ambiente naturale e ambiente antropizzato per poi articolarsi in esemplificazioni di casi di studio dedicati a disparate tematiche ed aree geografiche, Sardegna compresa. Non verrà tralasciata la descrizione di assetti ambientali e territoriali che risultino compatibili con l'integrità degli ecosistemi, con la preservazione della qualità dei paesaggi e con modelli sostenibili di cambiamento sociale.

Parte prima: Introduzione ai mutamenti strutturali della territorialità.
Verrà sviluppato un percorso di analisi del contesto geografico globale, con descrizione ragionata delle tipologie di spazi, degli attori, delle politiche e delle pratiche di trasformazione ambientale e paesaggistica dei territori, considerati nella loro evoluzione storica dalla pre-modernità, alla modernità compiuta, all'attuale periodo di turbolenze sistemiche.

Parte seconda: Breve rassegna di teorie e metodi di studio dell'ambiente e del paesaggio.
Evoluzione degli approcci “ambientalisti” alle regolazioni del mondo contemporaneo e panoramica recente delle relazioni società/natura. La biosfera, trasformata in “ambiente che abitiamo” verrà analizzata sotto il profilo qualitativo delle interrelazioni sistemiche tra entità materiali viventi e non viventi, umane e non-umane, inquadrabili nella corrente fase di globalizzazione antropocenica.

Parte terza: Caso-studio tematico sulla Sardegna rurale.
Verranno presi in esame i processi di modernizzazione delle attività sociali e le pratiche di frequentazione temporanea dei territori; ne risulterà un mosaico di luoghi di residenza quotidiana, modificati nel tempo dai mutamenti socioeconomici e insediativi, e di località “turistizzate” in funzione di pratiche dovute alla presenza periodica di visitatori esterni. Si ricorrerà a modelli interpretativi geo-storici, con riscontri di criticità socioecologiche.

Metodi Didattici

Le lezioni saranno generalmente impartite attraverso delle presentazioni. E’ previsto lo svolgimento di attività seminariali e di esercitazioni da svolgere in base a studi di caso. Agli studenti è consigliato l’uso di atlanti geografici. Alcuni approfondimenti saranno condotti attraverso media audiovisuali e il web.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione dello studente prevede una prova finale orale. L’acquisizione delle competenze sarà valutata attraverso la dimostrazione da parte dello studente delle capacità di utilizzare
le conoscenze geografiche per analizzare le dinamiche ambientali, politiche, economiche e sociali, in una prospettiva interdisciplinare e con particolare riguardo alle discipline del territorio.

Attraverso il colloquio orale, l’attribuzione del voto concernerà per tre quarti la capacità di apprendimento e di interpretazione critica dei seguenti temi: Parte I - teorico-introduttiva, Parte II – Territorio, ambiente e paesaggio, aspetti metodologici, Parte III - Caso di studio tematico.
La capacità di istituire collegamenti fra i diversi temi, la padronanza espressiva dello specifico linguaggio geografico, l'attiva partecipazione degli studenti alle lezioni, alle esercitazioni e al lavoro svolto individualmente sotto forma di esercizi e relazioni saranno valutate per un ulteriore quarto del voto complessivo.
Il soddisfacimento degli aspetti sopra indicati è condizione necessaria per il raggiungimento di una valutazione pari a 29/30. I voti superiori a 29/30 verranno attribuiti agli studenti le cui prove soddisfano tutti gli aspetti sopra elencati e dimostrano inoltre una conoscenza eccellente degli argomenti, l'impiego di una logica appropriata e l'integrale correttezza delle procedure individuate per la soluzione dei quesiti.

Testi

Testi adottati:

PARTE PRIMA
a) L. Decandia, Dell’identità. Saggio sui luoghi: per una critica della razionalità urbanistica, Rubettino, Soveria Mannelli-CZ, 2000, pp. 49-127 (Parte seconda, integrale e Parte terza, parziale).
b) F. Parascandolo, “Crisi dei paesaggi, agricoltura e ritorni alla terra”, Quaderno 12 - Abitare la Terra. Strutture del paesaggio e insediamenti rurali, a cura di Gabriella Bonini e Rossano Pazzagli, VIII edizione Summer School Emilio Sereni, Istituto Cervi editore, Reggio Emilia, 2017 (20 pp.).
b) F. Parascandolo, M. Tanca, “I paesaggi nell'Antropocene”, in C. Giorda (a cura di), Geografia e Antropocene. Uomo, ambiente, educazione, Carocci editore, Roma, 2019, pp. 50-60 .

PARTE SECONDA
a) Enzo Scandurra, “Biosfera, l'ambiente che abitiamo”, e “La questione ambientale: nascita e sviluppo”, in Id., et al., Biosfera, l'ambiente che abitiamo, Derive Approdi, Roma, 2020, pp. 7-54 e pp. 83-130.
b) Cristiano Giorda, “Piccolo lessico per una scrittura geografica dell'Antropocene”, in C. Giorda (a cura di), Geografia e Antropocene. Uomo, ambiente, educazione, Carocci editore, Roma, 2019, pp. 26-49.

PARTE TERZA
a) F. Parascandolo, “Dalla modernizzazione socio-territoriale ad embrionali elementi di transizione ecologica. Appunti per una genealogia dei mutamenti insediativi in Centro Sardegna”, in F. Salvatori (a cura di), XXXII Congresso Geografico Italiano, L’apporto della Geografia tra rivoluzioni e riforme (Roma, 7-10 Giugno 2017), A.Ge.I., Roma, 2019 (9 pp.).
b) F. Parascandolo, “Territori rurali e sostenibilità nel processo di costruzione della Sardegna turistica”, Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Cagliari, Nuova serie XXII, 2004, Cagliari, 2005 (21 pp.).

Altre Informazioni

Molti dei testi in programma saranno forniti agli studenti durante il corso come allegati di e-mail, mentre altri documenti accessori e integrativi si troveranno nella pagina docente di “UniCa” dedicata al MATERIALE DIDATTICO. Indipendentemente dalla frequenza e dalle modalità di frequenza alle lezioni (in presenza o a distanza) e al fine di facilitare la piena conoscenza delle metodologie impiegate ai fini dell'esame, gli studenti saranno tenuti a conferire con il docente mediante un ricevimento in teleconferenza appositamente programmato, e a farlo almeno una volta prima dello svolgimento dell'esame (per il quale è anche prevista una simulazione durante il corso).

Questionario e social

Condividi su: