Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
FABIO BOTTA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 


Obiettivi

L’insegnamento ha come obiettivo formativo la conoscenza istituzionale dell’intero sistema del diritto privato romano dalle origini alla Compilazione giustinianea.
Conoscenza e comprensione: l'impostazione dell’insegnamento mira a delineare la formazione storica degli istituti.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: l’acquisizione delle conoscenze istituzionali inerenti al diritto privato romano, nel suo complessivo disegno storico, è propedeutica a consentire agli allievi di rilevare autonomamente, nei limiti di un corso di base, la dogmatica di cui si avvalgono i giuristi romani.
Autonomia di giudizio: le indicazioni, seppure essenziali, circa gli orientamenti della contemporanea dottrina romanistica consentono di valorizzare il pluralismo metodologico.
Abilità comunicative: l’insegnamento mira a formare gli allievi anche dal punto di vista di un corretto approccio al vocabolario tecnico giuridico elaborato dai giuristi romani, ancor oggi utilizzato.
Capacità di apprendimento: l’insegnamento mira a fornire agli allievi gli elementi fondamentali per ulteriori approfondimenti – anche in sede di tesi di laurea – nelle discipline romanistiche.

Prerequisiti

Nessuna particolare indicazione trattandosi di insegnamento di base. L’insegnamento delle Istituzioni di diritto romano è, per consolidata tradizione didattica, collegato a quello di Storia del diritto romano, di cui si consiglia la frequenza.

Contenuti

Le lezioni e l’esame verteranno sull’intero sistema del diritto privato romano (fonti, persone, beni, successioni, obbligazioni, processo) dalle origini alla Compilazione giustinianea.

Metodi Didattici

Normalmente il corso è articolato in 72 ore. Oltre alle lezioni tradizionali (62 ore), sono previsti seminari ed esercitazioni (10 ore), svolti, insieme al docente da tutore e cultori della materia, che consentono agli studenti frequentanti sia di impratichirsi nella tecnica delle formule processuali e della soluzione di quesiti giuridici, sia di essere consapevoli della persistenza delle categorie giuridiche romane. Nell' A.A. 2021/2022”, tuttavia, come si ricava dal Manifesto Generale degli Studi si è stabilito che “La didattica verrà erogata prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online, allo scopo di garantirne la fruizione in modo innovativo e inclusivo”.

Verifica dell'apprendimento

La preparazione dello studente (esame di profitto) sarà verificata attraverso un colloquio orale, di tipo tradizionale. Nella valutazione si terrà conto dei seguenti elementi: conoscenza della materia, capacità di sintesi e analisi, capacità espressive. Supererà l'esame lo studente che riporterà almeno 18/30. I criteri docimologici sono i seguenti:
1) mancato superamento della prova: insufficiente capacità analitico-argomentativa e carenze metodologiche gravi a fronte del necessario esame critico delle problematiche sottostanti agli istituti e questioni oggetto del corso;
2) da 18 a 21: preparazione sufficiente o appena più che sufficiente; conoscenza minima delle problematiche affrontate; presenza di lacune non particolarmente ampie;
3) da 22 a 24: preparazione media caratterizzata da non particolare approfondimento e da lacune colmabili nel prosieguo del percorso formativo nelle discipline romanistiche;
4) da 25 a 27: preparazione nel complesso buona anche se non particolarmente approfondita; linguaggio tecnico adeguato;
5) da 28 a 30: preparazione ottima od eccellente; linguaggio tecnico e modo di esprimersi puntuale e preciso;
6) 30 e lode: qualora le caratteristiche di eccellenza indicate sub 5) emergano al massimo livello la commissione esprime anche la lode. .Gli allievi beneficiari della «Tessera baby» sono invitati a segnalare al docente eventuali specifiche esigenze in tempo utile per programmare le relative modalità di organizzazione ed è comunque assicurata loro la precedenza, insieme con gli allievi con disabilità, nel giorno e nellora della convocazione per lappello.

Testi

Manuali consigliati:
G. Pugliese F. Sitzia L. Vacca, Istituzioni di diritto romano, Sintesi, 2a ed., Giappichelli, Torino, 2010;
M. Talamanca, Elementi di diritto privato romano, 2a ed., Giuffrè, Milano 2013;
G. Nicosia, Nuovi profili istituzionali di diritto privato romano, 7a ed., Libreria Editrice Torre, Catania 2017.

Altre Informazioni

Seminari, simulazione delle prove d'esame

Questionario e social

Condividi su: