Seleziona l'Anno Accademico:     2015/2016 2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021
Docente
MAURIZIO MEMOLI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[11/77]  ECONOMIA E FINANZA [77/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 6 36

Obiettivi

CONSIDERANDO LA SITUAZIONE DI QUARANTENA E LE DISPOSIZIONI DEL GOVERNO E DELL' ATENEO DI CAGLIARI, LE LEZIONI SONO TENUTE, STRAORDINARIAMENTE, IN VIA TELEMATICA. GLI ESAMI DI PROFITTO SARANNO ORALI E LA PARTE LABORATORIALE SARA' RIDOTTA. SI PREGA DI LEGGERE IL PROGRAMMA RIMODULATO. PER QUALSIASI DUBBIO CONTATTARE IL DOCENTE ALL'INDIRIZZO: memoli@unica.it


Il corso fornisce le conoscenze di base, di tipo sia teorico sia metodologico, per la comprensione e l’analisi delle problematiche socio-economiche del mondo contemporaneo in una prospettiva geografica. Tale obiettivo generale viene affrontato attraverso lo studio delle principali teorie sull’organizzazione dei sistemi territoriali alle diverse scale geografiche e degli aspetti connessi alla loro strutturazione da un punto di vista politico, sociale ed economico.
Durante il corso verranno affrontate e approfondite alcune problematiche quali il rapporto tra spazio, luogo e territorio, sviluppo e sottosviluppo, processi globali e sviluppo locale e superamento dei paradigmi.
Una specifica parte del corso è dedicata ai temi della geografia del mondo globale attuale attraverso una parte seminariale legata allo scacchiere mediterraneo.

In coerenza con gli obiettivi formativi definiti dal Corso di Laurea in Economia e Finanza, i risultati dell’apprendimento attesi sono declinabili anche in base ai Descrittori di Dublino:
1) Conoscenza e capacità di comprensione. Il corso facilita lo studio di teorie e metodi di analisi geografica noti come di quelli più innovativi. L’obiettivo principale è leggere, con gli studenti, le pratiche politiche territoriali e spaziali (nelle scale nazionali e internazionali) e le interpretazioni dell’epoca post-politica.
2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione. Gli approcci studiati saranno resi applicabili attraverso il lavoro laboratoriale in aula attraverso il lavoro collettivo. L’obiettivo è quello di rendere gli studenti in grado di comprendere le logiche, le dinamiche e gli strumenti concettuali e applicativi propri delle politiche, del governo e delle governance territoriali affinché possano assumere conoscenza e comprensione critica da utilizzare nell’approccio adottato nelle future attività.
3) Autonomia di giudizio. Durante le fasi laboratoriali frequentanti saranno incitati a costruire una propria visione delle problematiche e delle soluzioni da proporre anche in ordine alla conoscenza critica necessaria alla comprensione degli elementi di discriminazione territoriale (sostenibilità economica, sociale, politica, ambientale).
4) Abilità comunicative. Gli studenti saranno stimolati ad intervenire in classe esponendo attraverso un caso singolo (o di gruppo) le posizioni e le convinzioni raggiunte grazie a momenti dialettici collettivi. Il momento collettivo è sostanziale nell’apprendimento attraverso il confronto e facilita la costruzione di un “Patto d’aula” di crescita collettiva più che individuale
5) Capacità di apprendimento. La frequenza e la partecipazione al corso sono prodromi inevitabili del processo di miglioramento delle capacità singole e collettive della comprensione dialettiche dei problemi della contemporaneità e del loro possibile soluzione.

Prerequisiti

In assenza di propedeuticità formali, si ritiene che lo studente che segue il corso debba possedere adeguate competenze linguistiche, logiche, culturali, politiche.

Contenuti

Teorie e metodi della geografia (12 ore di lezione)
• Elogio all’errore della rappresentazione
• Spazio, luogo, territorio, paesaggio, reti,
• Interpretazioni della modernità
• Determinismi, possibilismi, quantitativismi
• La logica liquida del tempo contemporaneo
• Politica e amministrazione la regione amministrativa e le città metropolitane

Seconda parte: Geo-economica: scenari della transcalarità: locale, globale, politiche di sviluppo. Temi classici della geografia economica (18 ore di lezione)
• Il concetto di sviluppo
• Popolazione e mobilità
• Localizzazione sviluppo e squilibrio regionale
• Il dibattito sulla globalizzazione
• Sviluppo economico locale e sviluppo territoriale
• Ambiente, e sostenibilità
• Fordismo e post-fordismo

Parte terza, - Laboratorio - Geografie del Mediterraneo: relazioni, conflitti, paesaggi (6 ore)
In questa parte laboratoriale saranno affrontati i temi della geografia del mediterraneo contemporaneo:
• tra storia e geografia, ambienti, natura, mare, terra, città, territori, insediamenti
• popolazioni, migranti, genere, ospitaltà, economia, reti, scambi, free trade

Metodi Didattici

L’insegnamento si articola in 24 ore di didattica frontale e in un laboratorio di 12 ore volto allo studio diretto della geografia del mediterraneo contemporaneo.
N.B. In linea di massima le lezioni saranno tenute in presenza. Ma, in ragione delle politiche nazionali e alle misure adottate dall'Ateneo legate al rischio contagio COVID19, il piano delle lezioni potrà subire delle variazioni. Si consiglia di seguire le informazioni rese pubbliche dalla Facoltà e dal Corso di laurea o contattare il docente all'indirizzo memoli@unica.it nei giorni precedenti l'inizio delle lezioni.

Verifica dell'apprendimento

N.B. Al momento della compilazione del programma, gli esami si svolgono in forma orale e telematica in ragione delle politiche nazionali e alle misure adottate dall'Ateneo legate al rischio contagio COVID19. Ma, confidando nelle prossime variazioni, è plausibile che si possano svolgere in forma scritta e in presenza. Si consiglia di seguire le informazioni rese pubbliche dalla Facoltà e dal Corso di laurea o contattare il docente all'indirizzo memoli@unica.it.

L’apprendimento viene verificato attraverso un esame orale che sarà svolto in via telematica inerente le principali tematiche affrontate. Il corretto svolgimento della prova richiede che lo studente evidenzi l’acquisizione di una corretta comprensione dei concetti e la maturazione di un approccio critico alla discipline politiche e spaziali.

Coerentemente con i descrittori individuati negli obiettivi formativi, verranno valutate:
1) la comprensione critica e la chiarezza nell’esprimere i contenuti teorici (valutazione conoscenza e comprensione).
2) la capacità di rielaborare i concetti e di sintetizzarli, anche attraverso il confronto con casi esemplificativi territoriali splicitati in aula o scelti dallo studente (valutazione capacità di applicare conoscenza e comprensione).
3) la capacità di assumre decisioni di politica territoriale, motivandola attraverso approcci e strumenti teorici affrontati, illustrandone il percorso logico seguito, nonché gli effetti socio-territoiali multiscalare (valutazione autonomia di giudizio).
4) La protenzza e chiarezza logica, linguistica e espositiva e di sintesi dei temi e dei problemi di piano territoriale (valutazione abilità comunicative)
5) la conoscenza degli approcci teorici moderni e della post-moderintà in geografia (valutazione capacità di apprendimento).

Il punteggio della prova d’esame è espresso in trentesimi.

FREQUENZA, PROVE D'ESAME, PESO DELLE PROVE

FREQUENTANTI (75% presenze)
I e le frequentanti dovranno scegliere un articolo/tema dal testo : P. Giaccaria, M. Paradiso, (eds), Mediterranean Lexicon, p. 39-53, Società Geografica Italiana (ROMA) /Unione Geografica Internazionale, e proporne una sintesi critica scritta di 500 parole da inviare al termine del corso. Tale sunto varrà, per i frequentanti, per il 50% del voto finale. Il restante 50% sarà determinato dall'esame orale (on line) sostenuto rispondendo a domande relative al manuale:
Bignante, Celata, Vanolo, 2014, Geografie dello sviluppo, Una prospettiva critica e globale, Utet.

NON FREQUENTANTI

I non frequentanti sostengono la sola prova orale che prevede:
alcune domande sul manuale: Bignante, Celata, Vanolo, 2014, Geografie dello sviluppo, Una prospettiva critica e globale, Utet;
e domande su 2 (due) articoli a scelta tratti dal volume: P. Giaccaria, M. Paradiso, (eds), Mediterranean Lexicon, p. 39-53, Società Geografica Italiana (ROMA) /Unione Geografica Internazionale.

Il voto sarà determinato dall'insieme del colloquio.

Testi

MANUALE
Bignante, Celata, Vanolo, 2014, Geografie dello sviluppo, Una prospettiva critica e globale, Utet.

LABORATORIO
Giaccaria, M. Paradiso, (eds), Mediterranean Lexicon, p. 39-53, Società Geografica Italiana (ROMA) /Unione Geografica Internazionale.

STUDENTI ERASMUS
per coloro che non intendono studare il manuale in italiano, sarà possibile individuare testi in lingua straniera che lo sostituiscano inviando una mail a: memoli@unica.it.

Altre Informazioni

Costituiscono altresì materiale di supporto alla didattica le dispense presenti nel sito del docente. Per ogni chiarimento o richiesta particolare o fissare un appuntamento scrivrere a: memoli@unica.it.

Questionario e social

Condividi su: