Seleziona l'Anno Accademico:     2015/2016 2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021
Docente
ADRIANA DI LIBERTO (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
INGLESE 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[11/83]  ECONOMIA, FINANZA E POLITICHE PUBBLICHE [83/10 - Ord. 2017]  Economia e Politiche Pubbliche 6 36

Obiettivi

Il tema della valutazione delle politiche è entrato prepotentemente nell'agenda politica italiana. L’obiettivo dell'insegnamento è fornire agli studenti gli strumenti indispensabili per condurre in autonomia un lavoro di valutazione di una politica pubblica con la metodologia controfattuale. La sfida centrale di questi metodi consiste nell'individuare in modo rigoroso il legame causa-effetto tra la realizzazione di un intervento, il verificarsi di cambiamenti tra i destinatari dell'intervento e la risoluzione di un problema di rilevanza collettiva.
Gli studenti acquisiranno:
• una conoscenza critica dei diversi approcci alla valutazione delle politiche pubbliche;
• la capacità di riconoscere quali metodologie si possono utilizzare in diverse situazioni per stimare tali effetti causali;
• la capacità di padroneggiare gli strumenti di analisi utili per la valutazione nei diversi contesti;
• la capacità di ottenere stime numeriche degli effetti applicando gli strumenti analitici a rappresentazioni stilizzate di singole politiche;
• la capacità di discutere la validità dei risultati, i loro limiti e la loro applicabilità in altri contesti.
Gli studenti saranno inoltre in grado di far leva su specifiche competenze trasversali– in particolare autonomia di giudizio, comunicazione scritta e orale, comprensione dell’inglese scritto, problem solving, lavoro di gruppo orientato al risultato – sviluppate attraverso le attività svolte sia in aula che nel laboratorio informatico. Ciò consentirà loro di attivare tali conoscenze in contesti professionali e per scopi diversi.

Prerequisiti

Il programma proposto richiede la conoscenza delle metodologie statistico-econometriche di base e dei principali modelli di Microeconomia e Macroeconomia. Sebbene non sia obbligatorio, si consiglia agli studenti di superare l’esame di Metodi di analisi econometrica prima di seguire il corso di Valutazione delle politiche pubbliche.

Contenuti

Il corso introduce gli approcci principali utilizzati per la valutazione delle politiche pubbliche e illustra gli strumenti econometrici utilizzati per stimare l'effetto causale di un intervento pubblico. Nel dettaglio, verranno esaminati i seguenti argomenti:
• L’idea di risultato potenziale e la distinzione tra fattuale e controfattuale;
• La definizione rigorosa di ‘effetto’ come differenza tra situazione fattuale e situazione controfattuale
• Le strategie quantitative per l’analisi controfattuale: il quadro generale
• La metodologia sperimentale
• Il metodo differenza nelle differenze e altre metodologie con dati panel.
• L’uso della regressione e metodi IV.
• Le tecniche di abbinamento statistico
• Il Regression discontinuity (RD): le metodologie Sharp e Fuzzy RD
• L’analisi delle serie storiche interrotte

Metodi Didattici

Compatibilmente con la situazione epidemiologica in corso, l'insegnamento si svolgerà con modalità differenti volte a stimolare il coinvolgimento degli studenti in varie forme e a sviluppare specifiche competenze trasversali. Oltre alle lezioni frontali, che copriranno circa il 60% delle ore di insegnamento previste, gli studenti parteciperanno alle esercitazioni in laboratorio (circa il 30%), mentre il tempo restante verrà dedicato alle presentazioni e ai lavori di gruppo.
Per ciascuna metodologia analizzata verranno discussi in classe sia i punti di forza e di debolezza dei diversi approcci che numerosi casi-studio. Verranno inoltre effettuate in laboratorio informatico simulazioni di valutazioni di politiche pubbliche con dati reali utilizzando il software STATA. Tutte le attività saranno condotte con l obiettivo di fornire agli studenti strumenti utili alla autovalutazione e in funzione del rafforzamento delle competenze trasversali indicate negli Obiettivi formativi.
Benché non obbligatoria, la frequenza è fortemente consigliata, così come un atteggiamento proattivo all'apprendimento degli argomenti.
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

Per superare l'esame con profitto gli studenti svilupperanno la loro abilità di condurre in modo indipendente e leggere in modo critico la letteratura empirica sull' argomento. La verifica dell' apprendimento prevede modalità diverse tra studenti frequentanti e non.
Per gli studenti frequentanti il giudizio finale sarà determinato:
- per il 25% dall'abilità dimostrata nel presentare in classe metodologie e risultati di un caso reale di valutazione di una politica pubblica;
- per il 75% dal risultato ottenuto nella prova finale che consisterà in un esame scritto (durata un ora e cinque minuti) in cui si chiederà di risolvere una serie di esercizi pratici sui diversi metodi di valutazione delle politiche affrontati nel corso e/o rispondere a domande riguardanti gli argomenti svolti durante il programma. La presentazione dovrà essere preparata in mini-gruppi (decisi dal docente) formati da 2 (max 3) studenti.

Per gli studenti non frequentanti la parte (75%) della prova finale consistente nell’esame scritto rimane identica ai frequentanti. Mentre il restante 25% consisterà in un breve saggio (max 3000 parole) che sintetizzi in modo efficace metodologia e risultati di alcuni casi reali di valutazione di una politica pubblica. Gli studenti che sono impossibilitati a frequentare le lezioni sono pregati di contattare il docente un mese prima della data d'esame via e-mail per concordare l'argomento della tesina. La tesina va consegnata stampata al docente il giorno dell'esame scritto.
Sia per i frequentanti che per i non frequentanti la valutazione finale è espressa in trentesimi e rappresenta la media ponderata dei singoli voti ottenuti nelle due prove.
Nella valutazione dell' esame, oltre alla preparazione complessiva, la determinazione del voto finale tiene conto dei seguenti elementi: attiva partecipazione degli studenti alle lezioni ed esercitazioni previste durante il corso, logica seguita dallo studente nella preparazione della presentazione (o tesina), capacità di comunicazione orale (per la presentazione), capacità di comunicazione scritta (per la tesina), capacità di sintesi (sia per la tesina che per la presentazione). Per riportare un voto tra 18/30 e 21/30, lo studente deve dimostrare di essere in grado di riportare le nozioni di base delle metodologie studiate. Per una votazione compresa tra 22/30 e 26/30 lo studente deve dimostrare di aver acquisito almeno una conoscenza sufficiente degli argomenti, e di saper interpretare correttamente risultati di valutazioni di politiche viste durante il corso. Per una votazione compresa tra 27/30 e 29/30 lo studente deve dimostrare di aver acquisito competenze elevate sulle metodologie analizzate, e di saper interpretare correttamente risultati di valutazioni di politiche viste durante il corso. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 (o 30/30 e lode), lo studente deve invece dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso e di saper riportare con spirito critico i temi di approfondimento specifici visti durante il corso.

In seguito all’ emergenza COVID-19 le modalità di prova d’esame potranno subire variazioni.

Testi

Libri di testo suggeriti:
Angrist J. D. and J.-S. Pischke, 2009, Mostly Harmless Econometrics, An Empiricist´s Companion, Princeton University Press.
Angrist J. D. and J.-S. Pischke, 2014, Mastering Metrics: The Path from Cause to Effect, Princeton University Press.
Martini A. and M. Sisti, 2009, Valutare il successo delle politiche pubbliche, Il Mulino.


Letture di approfondimento:
Using Maimonides' Rule to Estimate the Effect of Class Size on Scholastic Achievement Author(s): Joshua D. Angrist and Victor Lavy, The Quarterly Journal of Economics, Vol. 114, No. 2 (May, 1999), pp. 533-575.
Angrist (1990), Lifetime Earnings and the Vietnam Era Draft Lottery: Evidence from Social Security Administrative Records, The American Economic Review, vol. 80.
Susan W. Parker and Graciela M. Teruel, Randomization and Social Program Evaluation: The Case of Progresa, The ANNALS of the American Academy of Political and Social Science 2005 599: 199.
Deidda et al., Employment subsidies, informal economy and womens transition into work in a depressed area: evidence from a matching approach, IZA Journal of Labor Policy (2015) 4:7
Evaluating the Econometric Evaluations of Training Programs with Experimental Data, Author(s): Robert J. LaLonde, The American Economic Review, Vol. 76, No. 4 (Sep., 1986), pp. 604-620.
Using Geographic Variation in College Proximity to Estimate the Return to Schooling, David Card, NBER Working Paper No. 4483, October 1993.

Durante le lezioni potranno essere incluse letture diverse.

Altre Informazioni

Gli studenti potranno utilizzare i dataset forniti dal docente e utilizzati durante le lezioni svolte nel laboratorio informatico per esercitarsi in autonomia. Avranno inoltre a disposizione le slides utilizzate dal docente durante il corso.

Questionario e social

Condividi su: